Le famiglie dei contadini di montagna hanno urgente bisogno di sostegno / La Caritas cerca…

Le famiglie dei contadini di montagna hanno urgente bisogno di sostegno / La Caritas cerca…
Le famiglie dei contadini di montagna hanno urgente bisogno di sostegno / La Caritas cerca…
-

Lucerna (ots)

Con l’avvicinarsi dell’estate, le famiglie contadine di montagna si trovano ad affrontare un carico di lavoro significativoa maggior ragione se hanno subito un colpo di fortuna o se si trovano in una situazione di vita difficile. In questi casi Caritas Svizzera li mette in contatto con volontari che possono iscriversi subito.

L’estate è la stagione più impegnativa per le fattorie di montagna e alpine. Oltre al lavoro già massacrante, una malattia improvvisa, un incidente, una frana o la costruzione di una nuova stalla rischiano di mettere a dura prova i contadini. Coinvolgere i volontari attraverso Caritas Svizzera offre il sollievo necessario per affrontare queste situazioni.

I bisogni sono grandi: per quest’estate decine di famiglie di contadini di montagna sono ancora alla ricerca di sostegno. I volontari possono aiutare ovunque sia necessario: con il fieno, la mungitura, l’allestimento dei recinti, nella stalla o nelle faccende domestiche. «I volontari apprezzano il coinvolgimento fisico, il cambiamento dell’ambiente circostante e la disconnessione dalla vita quotidiana», nota Jessica Pillet, responsabile del progetto Caritas-Montagnards. “Molti volontari ripetono questa esperienza che ritengono ricca di significato, nonostante l’intensità delle giornate di lavoro”.

Caritas-Montagnards cerca ogni anno quasi 1.000 volontari. Non è richiesta alcuna conoscenza preliminare dell’agricoltura o della cura degli animali. I volontari devono essere in buona forma fisica e mentale, essere motivati ​​ed avere un’età compresa tra i 18 ed i 70 anni. Inoltre, devono parlare la lingua dei contadini: la Caritas-Montagnards è presente nelle quattro regioni linguistiche della Svizzera. L’impegno non è retribuito, dura almeno una settimana ed è previsto vitto e alloggio.

“L’impegno in montagna è un’esperienza arricchente sia per i volontari che per le famiglie di agricoltori. Non è raro che nascano amicizie, oltre all’impegno volontario”, osserva Jessica Pillet. Tutti i masi di montagna che necessitano di sostegno sono visibili su www.montagnards.ch. Gli impegni possono essere facilmente prenotati online.

Contatto:

Per ulteriori informazioni, interviste o resoconti:
Jessica Pillet, responsabile del progetto Caritas-Montagnards
come. 079 618 62 10, e-mail: [email protected]

-

PREV Indici europei senza una direzione chiara prima dei dati sull’inflazione – 14/05/2024 alle 17:55
NEXT Ousmane Sonko si occupa del dossier catastale e lo pubblica