Inondazioni in Tanganica: registrate 28.000 famiglie sfollate (Ufficiale)

Inondazioni in Tanganica: registrate 28.000 famiglie sfollate (Ufficiale)
Inondazioni in Tanganica: registrate 28.000 famiglie sfollate (Ufficiale)
-

Sono oltre 28.000 le famiglie sfollate identificate in seguito alle inondazioni causate dall’innalzamento delle acque del Lago Tanganica, ha dichiarato martedì 30 aprile a Kalemie il governo provinciale del Tanganica.

Il Ministro provinciale degli Affari umanitari Bob Morisho annuncia che a Kalemie sono in corso colloqui con le agenzie umanitarie per mobilitare fondi per ricollocare e assistere le vittime delle inondazioni.

Secondo lui, il consolato generale belga a Lubumbashi è preoccupato per questa situazione e intende anche fornire assistenza alle vittime.

Il ministro provinciale precisa che a Kalemie sono già stati individuati i luoghi per accoglierli.

Tuttavia, si rammarica che la maggior parte delle vittime non sia pronta a raggiungere i luoghi degli sfollati. Insiste sul fatto che solo le persone che accettano di aderire a questi siti beneficeranno dell’assistenza.

Per il momento, chi ha abbandonato le proprie case a causa dell’avanzare delle acque del lago Tanganica se la cava come può.

Alcuni trovano altre case, altri vivono presso famiglie ospitanti e altri ancora dormono nelle chiese.

Oltre ai 141.000 sfollati nella provincia del Tanganica, ci sono migliaia di case, centinaia di aule e centri sanitari allagati o crollati a Kalemie e nei sei territori della provincia, riferisce il ministro provinciale degli affari umanitari.

-

PREV In blu Badehose beehrte der Weltstar das Mittelmeer
NEXT Lutto parasociale, questo lutto legato alla morte di celebrità