Bessens. Festival del Gioco: è vinto!

Bessens. Festival del Gioco: è vinto!
Bessens. Festival del Gioco: è vinto!
-

l’essenziale
Giocare insieme: un piacere lontano dagli schermi, intergenerazionale e nella convivialità, in famiglia o tra amici.

I volontari di T’as des beaux jeux erano ovunque: alla reception, al bar, tra i tavoli da gioco per spiegare le regole, nei corridoi per consigliare, fuori per aiutare…

Si è lavorato per settimane per organizzare questi due giorni di festa attorno ai giochi e il successo è stato totale: 500 persone accolte nei due giorni, provenienti ovviamente da Bessens, ma anche dai paesi vicini e da molto più lontano: tanti montalbani, gente da Lafrancaise, Nègrepelisse, Septfonds, Castelsarrasin e Tolosa.

Nonostante l’allerta meteo che ha costretto ad annullare e rinviare a domenica il trollball all’aperto, sabato è andato tutto bene ed i giocatori (serata giocatori iniziata) sono rimasti fino a mezzanotte circa, ben oltre l’orario di chiusura previsto.

I visitatori, pochi la domenica mattina, arrivavano con le famiglie nel pomeriggio e le tavole ricoperte da grandi tovaglie verdi erano sempre piene. Gli speciali giochi di squadra, i giochi di ruolo (guidati da Laurelyne), l’escape game (guidato da Joël), Unpotstellar (guidato da Elisa), hanno registrato il tutto esaurito e i tanti giocatori sono rimasti con le scatole di giochi offerti dal negozio montaalbanese Il Cappello Incantato . Il fast food proveniva dal panificio locale e la lotteria permetteva ai visitatori di vincere giochi donati dai designer e dagli editori. Un punto importante: tutto era gratuito tranne il catering.

Matthieu Lecigne, nuovo presidente dell’associazione, è molto soddisfatto: “È stata la prima volta a Bessens ed è andata molto bene. I questionari di soddisfazione forniti dai visitatori sono stati positivi (soddisfazione superiore a 4,5/5). (il sindaco è venuto a trovarci sabato), il consiglio dipartimentale, il CAF, gli editori di giochi.”

Il festival e la sua preparazione sono stati trasmessi anche all’estero – la community dei videogiocatori è vastissima – grazie ad Armicwan, un appassionato di board e videogiochi che ha filmato e trasmesso – via Twicht – le due giornate.

Un primo successo che prevede una sessione 2, nel 2025.

-

PREV Necessità di misure drastiche per combattere gli incendi boschivi
NEXT “The Apprentice”, ovvero Donald Trump alla scuola dell’ignominia in uno straordinario film biografico