Il ministro Pierre Fitzgibbon vuole sapere se c’è collusione sul prezzo della benzina

Il ministro Pierre Fitzgibbon vuole sapere se c’è collusione sul prezzo della benzina
Il ministro Pierre Fitzgibbon vuole sapere se c’è collusione sul prezzo della benzina
-

Il ministro dell’Economia e dell’Energia del Quebec, Pierre Fitzgibbon, ha inviato alle autorità federali della concorrenza un rapporto sul prezzo della benzina in Quebec per verificare se vi sia collusione tra i rivenditori nella fissazione dei prezzi praticati alla pompa.

Questo documento, di cui Fitzgibbon è venuto a conoscenza la settimana scorsa, è stato prodotto da un revisore incaricato dal governo lo scorso novembre.

“Dobbiamo verificare, presso l’Ufficio concorrenza, se vi sia motivo di perseguire accuse di collusione”, ha dichiarato mercoledì alla Camera il ministro. Il rapporto ricevuto è stato inviato a Ottawa perché è Ottawa, l’Ufficio per la concorrenza, che adotta queste misure se le misure sono appropriate. »

In una conferenza stampa, Fitzgibbon ha affermato di non essere personalmente in grado di concludere se vi sia collusione o meno. “Se c’è collusione, è difficile, non ne concluderò”, ha detto. Vediamo che ci sono movimenti, che ci sono regioni in cui i margini sono aumentati in tutte le specie. »

Lo scorso autunno, il ministro aveva già inviato al Competition Bureau of Canada un primo rapporto, questa volta redatto dalla Régie de l’énergie, sul prezzo della benzina nella regione del Quebec. Il ministro ha poi incontrato i principali rivenditori del settore, poi ha incaricato un esperto.

I risultati di quest’ultimo, che riguardano tutto il Quebec, sono stati trasmessi anche ai rappresentanti dell’autorità federale. “Avevano il rapporto originale e hanno anche questo rapporto, quindi lasceremo loro fare il loro lavoro”, ha detto mercoledì, precisando che il documento più recente sarà reso pubblico entro 10 giorni.

Devi essere un ginnasta digitale per guardare il sito web di Régie de l’énergie. Non è facile, lo riconoscono, ci stanno lavorando.

Trasparenza

Fitzgibbon sta attualmente esaminando le raccomandazioni dell’ultimo rapporto per determinare cosa può fare il governo del Quebec. Il ministro non ha escluso la possibilità di optare per la presentazione di un disegno di legge. “Penso che presenterò due o tre raccomandazioni che dimostreranno che il governo è molto sensibile al prezzo della benzina alla pompa in questo contesto”, ha detto alla Camera. E, allo stesso tempo, il governo federale potrà decidere se esistono misure legali da adottare. »

Fino ad allora, la Régie de l’énergie sta lavorando per migliorare la trasparenza sui prezzi della benzina e sui margini di profitto che i rivenditori intascano alla pompa. “Devi essere un ginnasta digitale per andare a vedere il sito della Régie de l’énergie. Non è facile, lo riconoscono, ci stanno lavorando”, ha dichiarato il ministro.

Secondo Fitzgibbon, le informazioni sui prezzi della benzina potrebbero essere presentate in modo più semplice dal regolatore. “Se lunedì mattina vedeste il prezzo dei negozi di benzina nella vostra regione, ci sarebbe molta pressione. Potremmo anche vedere se c’è un movimento simultaneo, un aumento dei prezzi. »

In ottobre, la Régie de l’énergie ha constatato che il margine netto medio stimato al dettaglio delle stazioni di servizio della Capitale è aumentato da 4,0 centesimi al litro a 10,27 centesimi al litro in due anni. Precedentemente inferiori alla media dell’intero Quebec, i margini netti stimati al dettaglio della Capitale-Nationale sono superiori alla media del resto del Quebec dal 2021, indica il rapporto.

Da vedere in video

-

PREV La scelta di Nikki Haley: il peggiore Trump è migliore del migliore Biden
NEXT Pagare gli agricoltori e condividere valore: quali azioni dovrebbero intraprendere i professionisti? Lancio di una nuova consultazione per gli agricoltori sull’applicazione Agorà