Saint-Martin: la polizia trova 1,8 tonnellate di cocaina su un fuoribordo

Saint-Martin: la polizia trova 1,8 tonnellate di cocaina su un fuoribordo
Saint-Martin: la polizia trova 1,8 tonnellate di cocaina su un fuoribordo
-

I gendarmi hanno effettuato un importante sequestro di droga al largo dell’isola di Saint-Martin.

Diversi uomini sono fuggiti e ora sono ricercati.

Le Antille costituiscono una zona di transito privilegiata per la cocaina prima di arrivare nella Francia continentale.

Martedì è avvenuto un grave sequestro di droga su una barca fuoribordo al largo dell’isola di Saint-Martin, nelle Indie occidentali francesi. In totale sono state sequestrate 1,8 tonnellate di cocaina, mentre l’imbarcazione – senza nome né registrazione – era appena ormeggiata a un pontile nella località di Marigot, nella parte francese dell’isola.

Uomini ancora in fuga

L’imbarcazione intercettata al momento del suo ormeggio è del tipo “sigaretta”: si tratta di un’imbarcazione molto potente e frequentata dai narcotrafficanti. I suoi occupanti sono fuggiti “immediatamente”, ha detto all’AFP una fonte vicina al caso. Gli uomini che erano a bordo non sono stati ancora ritrovati.

All’interno della barca, “diverse dozzine di balle” di cocaina, per un peso complessivo di 1,8 tonnellate, sono stati rinvenuti dai gendarmi locali. Mobilitata, la procura di Basse-Terre (Guadalupa) ha affidato le indagini alla filiale Ofast di Saint-Martin. Mercoledì abbiamo appreso che la ricerca continua “individuare le modalità di fuga utilizzate dai trafficanti”.

  • Leggi anche

    VIDEO – Sequestrati 900 chili di cocaina in mare aperto: come operava la Marina francese al largo del Golfo di Guinea

Nel 2022 sono state intercettate 27,7 tonnellate di cocaina, secondo l’ultimo rapporto delle autorità, con un aumento del 5% rispetto al 2021. Si tratta di una cifra moltiplicata per cinque in 10 anni. Il trasporto via mare è la principale porta d’ingresso della cocaina in Francia, con il 75,4% dei quantitativi sequestrati, ovvero 16,3 tonnellate. Le autorità sottolineano che più della metà (55%) della polvere bianca sequestrata nel 2022 proveniva dalle Antille e dalla Guyana. Una zona di transito privilegiata prima di arrivare nella Francia continentale.


TD con l’AFP

-

PREV Saint-Pé-de-Bigorre: Morte di Bruno Lepore
NEXT 30°C sul termometro | Una giornata estiva, poi una sera tempestosa