Loir-et-Cher. Incidente mortale in giostra a Blois: cosa è successo?

Loir-et-Cher. Incidente mortale in giostra a Blois: cosa è successo?
Loir-et-Cher. Incidente mortale in giostra a Blois: cosa è successo?
-

La festa si è trasformata in tragedia sabato sera a Blois (Loir-et-Cher): un incidente in giostra ha causato la morte di un passeggero di 27 anni. Il proprietario e gestore della giostra è stato immediatamente preso in custodia dalla polizia e domenica la sua custodia è stata prolungata per 24 ore. Ecco cosa sappiamo.

Cosa sappiamo del viaggio?

La giostra in questione è stata installata per la prima volta al luna park di Blois, che si svolge ogni anno nel quartiere delle esposizioni, riferisce La Nouvelle République. Il suo tema era la National Football League (NFL, football americano, ndr) con al centro un enorme pallone a imitazione del football americano, al centro di una piattaforma girevole dotata di gondole fissate sul plateau e capaci ciascuna di ospitare due o tre persone.

Com’è accaduto l’incidente?

La giovane, 27 anni, di Blois, è stata sbalzata dalla giostra poco dopo le 23. È stata trasportata “in assoluta emergenza” all’ospedale cittadino, dove è morta nella notte.

Secondo le informazioni finora raccolte, sulla vittima era installato normalmente “il dispositivo di protezione previsto”, una sorta di barriera per contenere i passeggeri, ha spiegato domenica il procuratore di Blois, Charlotte Beluet. Si tratta ora di capire cosa è successo con questo dispositivo e perché non ha protetto la vittima, ha aggiunto.

Come stanno andando le indagini?

Il proprietario e gestore della giostra è stato arrestato sabato sera poco dopo l’incidente e la sua custodia è stata prorogata domenica, ha detto il pubblico ministero. Si concluderà quindi questo lunedì.

“Le indagini continuano. La corsa è stata posta sotto sigillo per perizia. Sono stati ascoltati diversi testimoni e si sta analizzando un video di terzi”, ha spiegato domenica il magistrato. La famiglia della giovane ha sporto denuncia contro X per omicidio colposo.

Cosa dice il Comune?

La città ha assicurato di essere particolarmente vigile nel controllare questo luna park. “Ogni anno il Comune incarica, a proprie spese e senza obbligo di farlo, una ditta esterna, autorizzata dal Ministero dell’Interno, di verificare la conformità degli impianti, oltre ai controlli normativi vigenti. Sono stati rilasciati un certificato globale e un certificato per corsa”, ha sottolineato.

Situato nel Centro Esposizioni di Blois, il luna park ha aperto i battenti il ​​30 marzo e si sarebbe concluso domenica 21 aprile. Non è stata riaperta “a causa delle circostanze drammatiche”, scrive il comune che “condivide il dolore dei cari della vittima”.

-

PREV Calcio. Lille rovina tutto, Lorient vicino all’impresa… la 34a giornata in un clic
NEXT Vivere “povera” del suo sport: potrà finalmente ricevere i soldi per le sue medaglie