Cos’è la “legge Mbappé” che potrebbe presto vedere la luce in Spagna?

Cos’è la “legge Mbappé” che potrebbe presto vedere la luce in Spagna?
Cos’è la “legge Mbappé” che potrebbe presto vedere la luce in Spagna?
-

La ciliegina su una torta colossale per Kylian Mbappé? Al termine del suo contratto il prossimo giugno, il nazionale francese dovrebbe, salvo un’inversione di tendenza, impegnarsi con il Real Madrid quest’estate. E il suo arrivo dovrebbe coincidere con l’entrata in vigore nella regione di Madrid di una nuova legge sulla tassazione delle grandi fortune.

Una nuova “legge Beckham”?

Se non ha ancora comunicato la sua decisione ufficiale, tutto lascia pensare che Kylian Mbappé raggiungerà la capitale spagnola quest’estate, dove secondo diversi media lo attende un significativo bonus alla firma. Da allora in Spagna ma anche in Inghilterra sono state annunciate somme che potrebbero superare i 100 milioni di euro L’Atletico ha riportato un bonus di 130 milioni promesso all’attaccante del PSG.

E se lo stipendio del francese dovesse diminuire rispetto a quello che percepisce attualmente a Parigi, la tassazione locale dovrebbe invece essere decisamente più vantaggiosa. Il governo della regione di Madrid, infatti, sta approvando l’attuazione di una legge che ridurrà la tassa regionale per gli stranieri che si stabiliscono nella capitale e nei suoi dintorni, riferisce Mondo Sportivo . Questa legge, conosciuta come “Legge Mbappé”, avrebbe buone probabilità di vedere presto la luce.

Questa decisione fa eco ad un’altra legge del 2005, la “Legge Beckham”, ormai scomparsa, che aveva istituito un regime fiscale favorevole per gli stranieri con un’aliquota fissa del 24%, indipendentemente dal reddito. Per Kylian Mbappé, ancora secondo Mondo Sportivosi prevede che la tassazione totale si collochi in un intervallo simile, stimato al 24,5%.

LEGGI ANCHE. RITRATTO. Fayza Lamari, la madre dietro la carriera di Kylian Mbappé

L’obiettivo dietro questa “Legge Mbappé” sarebbe quello di attirare nuove fortune nella regione con un sistema fiscale vantaggioso. In Spagna, infatti, un lavoratore che percepisce tra i 12 e i 18.000 euro lordi all’anno è tassato al 22,5%. Kylian Mbappé, il cui stipendio si aggira intorno ai 30 milioni di euro lordi all’anno, verrebbe quindi tassato con la stessa percentuale di una persona che guadagna 20mila euro lordi. Un motivo in più per iscriversi al Merengue?

-

PREV Commento in diretta dell’OM-Atalanta
NEXT La nuova Dacia Duster contro la Peugeot 2008 (Video)