Inflazione: leggero aumento dell’IPC a marzo 2024

Inflazione: leggero aumento dell’IPC a marzo 2024
Inflazione: leggero aumento dell’IPC a marzo 2024
-

Secondo l’Alto Commissariato per la Pianificazione (HCP), l’indice medio annuo dei prezzi al consumo (CPI) ha registrato un aumento dello 0,9% nel marzo 2024 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Secondo la stessa fonte, questo aumento è attribuito all’aumento dell’indice dei prodotti alimentari dello 0,9% e di quello dei prodotti non alimentari dell’1,1%.

Per quanto riguarda i prodotti non alimentari, le variazioni vanno da un calo dell’1,2% per la “Salute” ad una crescita del 3,3% per “Ristoranti e alberghi”.

Infatti, rispetto al mese scorso, l’indice dei prezzi al consumo è aumentato dello 0,7%. Questo sviluppo deriva dall’aumento dell’1,7% dell’indice dei prodotti alimentari e dello 0,1% dell’indice dei prodotti non alimentari.

Per quanto riguarda gli incrementi dei prodotti alimentari osservati tra febbraio e marzo 2024, riguardano soprattutto “Pesce e frutti di mare” con l’11,6%, “Frutta” (3,1%), “Verdura” (2,5%), “Carne” (1,7%) , “Latte, formaggi e uova” (1,4%), “Zucchero, marmellata, miele, cioccolato e dolciumi” (0,3%) e “Oli e grassi” e “Caffè, tè e cacao” (0,1%). Per quanto riguarda i prodotti non alimentari, l’aumento dei prezzi ha riguardato soprattutto i prezzi di “Abbigliamento e calzature” con lo 0,4%.

Per regione, gli incrementi più significativi dell’IPC si sono registrati ad Al-Hoceima con l’1,5%, a Laâyoune (1,3%), a Tangeri e Safi (1,2%), a Marrakech e Dakhla (1,1%), a Kénitra ed Errachidia ( 1%), ad Agadir, Tétouan e Beni-Mellal (0,9%), a Fez e Oujda (0,8%), a Rabat e Settat (0,7%), Meknes (0,6%), Guelmim (0,4%) e Casablanca (0,3 %).

-

PREV In allerta rossa, la Mosella rischia l’allagamento
NEXT GP dell’Emilia-Romagna (Imola) 2024: prove libere 2!