Talisman Shooting Break: queste Renault che non abbiamo mai avuto la possibilità di conoscere

Talisman Shooting Break: queste Renault che non abbiamo mai avuto la possibilità di conoscere
Talisman Shooting Break: queste Renault che non abbiamo mai avuto la possibilità di conoscere
-

type="image/webp">> type="image/webp">> type="image/webp">>>>>>>>

Un prototipo della Renault Talisman Shooting Break.

©Renault Design tramite Losange Magazine

I reparti di progettazione dei produttori sono pieni di studi di stile più o meno avanzati, la maggior parte dei quali sarà vista solo da una manciata di dipendenti. Tuttavia, accade che i marchi decidano a posteriori di rivelare modelli che non hanno mai avuto la possibilità di essere prodotti in serie, o addirittura di essere presentati come concept durante uno show. Nel libro, ad esempio, abbiamo potuto scoprire numerosi studi di design Porsche invisibile dal produttore tedesco.

Pubblicità, i tuoi contenuti continuano di seguito

Questa volta è il gruppo Renault a proporlo ai lettori Rivista Losange per dare un’occhiata alle foto d’archivio inedite dei prototipi studiati dal suo dipartimento Programmi Speciali. Lanciato nel 2014 e guidato da Axel Breun, mirava a creare rapidamente prototipi a grandezza naturale, che potessero essere presentati al comitato esecutivo per la valutazione.

type="image/webp">> type="image/webp">> type="image/webp">>>>>>>>

Un prototipo della Renault Talisman Shooting Break.

©Renault Design tramite Losange Magazine

“Dal 2009 al 2014 ho supervisionato le concept car della Renault”spiega Axel Breun, nelle colonne dell’ultimo numero della rivista non ufficiale dedicata alla Renault. “Si trattava di modelli che anticipavano leggermente il futuro. I Programmi Speciali, dal canto loro, hanno riorientato ulteriormente il team progettando varianti di veicoli già in fase di sviluppo o recentemente introdotti, che potessero così essere integrati più rapidamente nella produzione. Ma il nostro obiettivo era trasmettere emozioni , come la Renault Talisman Shooting Break.”

Pubblicità, i tuoi contenuti continuano di seguito

Questo prototipo di shooting-brake (freno di tiro in inglese) intendeva offrire una linea più sportiva rispetto a quella della classica station wagon Talisman Estate. Incorpora anche elementi di design dei modelli RS. Se la Talisman non ha mai avuto diritto ad una versione sportiva di serie, che avrebbe potuto rendere omaggio alla Safrane Biturbo, un modello che porta la sigla Renault Sport è stato ben studiato dal dipartimento dei Programmi Speciali. , basato sulla Tenuta Talisman.

type="image/webp">> type="image/webp">> type="image/webp">>>>>>>>

Axel Breun, all’epoca direttore del dipartimento Programmi Speciali, insieme ad un prototipo della Renault Talisman RS Break.

©Renault Design tramite Losange Magazine

Questi prototipi ricevettero gli stessi interni della classica Talisman, poiché questi studi stilistici si concentrarono solo sulla carrozzeria. Anche la meccanica che avrebbe potuto montare questi modelli non è stata dettagliata. “In questa fase non eravamo assolutamente ossessionati dai numeri. La nostra priorità era creare scalpore a prima vista. Axel e il suo team hanno raccolto perfettamente la sfida”.spiega Laurens van den Acker, direttore del design del Gruppo Renault, a Rivista Losange. Alcuni prototipi sono inoltre decorati con il logo RS Line.

Station wagon sportive che ricordano altri tempi

Anche la Clio 4 RS e la Megane 4 RS avevano diritto a prototipi station wagon sportivi. Infatti, solo dieci anni fa, la Renault stava ancora pensando di sviluppare la sua gamma di modelli RS. Quest’ultima purtroppo è stata sepolta. Inoltre, il produttore ha solo una station wagon rimasta nel suo catalogo, la vecchia Megane Estate termica, mentre i SUV hanno preso la precedenza su questa carrozzeria.

Pubblicità, i tuoi contenuti continuano di seguito

type="image/webp">> type="image/webp">> type="image/webp">>>>>>>>

Un prototipo della Renault Clio RS Break.

©Renault Design tramite Losange Magazine

Il dipartimento dei programmi speciali è stato infine sciolto due o tre anni e mezzo dopo il suo lancio. “La conclusione era ovvia: se Renault voleva davvero produrre questi modelli fuori dagli schemi, doveva integrare lo sviluppo molto prima nel processo. Inoltre, i designer si sentivano frustrati quando le loro creazioni suscitavano molto entusiasmo, da un lato, ma dall’altro l’altro, praticamente non si sono concretizzati”spiega Laurens van den Acker Rivista Losange.

type="image/webp">> type="image/webp">> type="image/webp">>>>>>>>

Un prototipo della Renault Megane RS Break.

©Renault Design tramite Losange Magazine

Lontani dall’attuale produzione Renault, questi prototipi bastano quindi a suscitare un po’ di nostalgia tra gli appassionati della casa francese, che potranno scoprire di più su questi studi di stile nell’ultimo numero di Rivista Losange. Tuttavia si rammaricheranno di apprendere che questi prototipi purtroppo non sono stati conservati. “Conserviamo tutti i dati digitali, che ci permetterebbero di replicare una particolare vettura, se necessario. Tuttavia, una volta che un modello ha completato il suo ciclo di vita, non è rilevante conservare le varianti che non sono state prodotte”, spiega Laurens van den Acker. Ricordiamo che anche i veicoli in condizioni quasi nuove, precedentemente custoditi da The Originals Renault – La Collection (ex Renault Classic), sono stati recentemente rottamati dal produttore.

Pubblicità, i tuoi contenuti continuano di seguito

-

PREV Gérald Darmanin: “Il narcobanditismo uccide molto più del terrorismo”
NEXT Calcio – Ligue 2. Possibile proseguimento, Thomas Callens titolare, Lucas Buades assente…: cosa sapere prima di Rodez