MG Francia pronta a riprendere le trattative, gli altri sindacati restano sulle loro posizioni

MG Francia pronta a riprendere le trattative, gli altri sindacati restano sulle loro posizioni
MG Francia pronta a riprendere le trattative, gli altri sindacati restano sulle loro posizioni
-

Cinque dei sei sindacati rappresentativi avevano abbandonato il tavolo delle trattative nelle ultime settimane. In particolare, gli arbitrati sull’evoluzione dei prezzi ospedalieri sfavorevoli al settore privato, e gli annunci a sorpresa di Gabriel Attal sull’accesso alle cure.

Il Primo Ministro aveva in particolare annunciato l’esperimento dell’accesso diretto ai medici specialisti, cosa che aveva fatto arrabbiare i sindacati dei medici.

Da allora, il Ministero della Salute e dell’Assicurazione sanitaria ha condotto trattative dietro le quinte per cercare di rinnovare il dialogo.

In un comunicato stampa di venerdì, il primo sindacato dei medici di medicina generale MG Francia si rammarica degli annunci di Matignon, che “mettere in dubbio le intenzioni del governo”ma è felice di averlo finalmente “ha ottenuto chiarimenti, sotto forma di lettera” di Frederic Valletoux.

In questa lettera consultata dall’AFP, lo afferma il ministro della Salute “legato al ruolo del medico curante”dice che vuole “costruire insieme” le misure annunciate e spera di vedere “raggiungere rapidamente” le trattative.

MG France considera in questo contesto “che è suo dovere riprendere i negoziati”, scrive la sua presidente, Agnès Giannotti. Il che non è secondo l’opinione di tutti.

“Finché non ho prove, no”

La principale organizzazione specializzata, Avenir Spé-Le Bloc, non riapre ancora le porte. “Non sono rassicurato finché non ho prove, impegni scritti per progredire, non è possibile”.ha deciso il copresidente Patrick Gasser.

Inoltre non è pronta a tornare, denuncia la presidente della SML Sophie Bauer “Doppio discorso da parte del governo”che sostiene l’accesso alle cure ma si sviluppa “visione a breve termine della medicina senza medici”.

La FMF tornerà “se l’assicurazione sanitaria invia i documenti in anticipo” lavoro quale “rispetto della professione”indica la sua presidente Patricia Lefébure.

Sulla stessa linea, l’UFML-S deplora il “disparità di trattamento pericolosa e distruttiva” tra ospedali pubblici e privati ​​che lo faranno “provocano la scomparsa di centinaia di cliniche e quindi di migliaia di studi medici specialistici”.

Nell’ambito della disputa sui prezzi ospedalieri, la federazione dei ricoveri privati ​​(FHP) e diversi sindacati liberali dei medici chiedono uno sciopero rinnovabile a partire dal 3 giugno, fatta eccezione per le attività la cui interruzione comporterebbe “perdita di occasioni vitali” (dialisi, chemioterapia, radioterapia, ecc.)

https://www.whatsupdoc-lemag.fr/article/taxe-lapin-acces-direct-aux-specialistes-valorizzazione-des-gardes-gabriel-attal-annonce-une

Unico sindacato a non aver sospeso la partecipazione ai negoziati convenzionali, il CSMF ne stima la ripresa “possibile” entro quindici giorni. In un contesto di finanze pubbliche tese, lo è “urgente” rivalutare la medicina, sostiene un rappresentante, Luc Duquesnel.

Con l’AFP

-

PREV I ricavi di Apple scendono meno del previsto, il CEO prevede un ritorno alla crescita
NEXT Calcio – Ligue 2. Possibile proseguimento, Thomas Callens titolare, Lucas Buades assente…: cosa sapere prima di Rodez