Violento terremoto vicino Taiwan: allerta tsunami sull’isola e in Giappone

Violento terremoto vicino Taiwan: allerta tsunami sull’isola e in Giappone
Descriptive text here
-

Allerta tsunami a Taiwan e in Giappone dopo un forte terremoto colpito vicino alla costa taiwanese. Si temono onde alte tre metri.

Un violento terremoto sottomarino di magnitudo superiore a 7 si è verificato mercoledì vicino a Taiwan poco prima delle 00:00 GMT, attivando l’allerta tsunami a Taiwan e nelle isole giapponesi di Okinawa (sud-ovest).

A Okinawa si temono onde alte fino a tre metri. “Evacuare nelle zone più alte, non voltarsi”ha consigliato un presentatore del canale pubblico giapponese NHK.

Un’allerta tsunami è stata emessa anche per le zone costiere di Taiwan.
Il terremoto ha colpito molto vicino alla costa orientale di Taiwan poco prima delle 8:00 ora locale (9:00 ora giapponese, 00:00 GMT).

La sua magnitudo è stata stimata a 7,5 dalla Japan Meteorological Agency (JMA), 7,4 dallo United States Geological Survey (USGS) e 7,2 dalla Taiwan Meteorological Agency.

Secondo queste agenzie, è avvenuto a poca profondità. Nella stessa zona si sono susseguite diverse scosse di assestamento.

“Il terremoto è vicino alla costa e poco profondo. È stato avvertito in tutta Taiwan e nelle isole vicine… È il più forte degli ultimi 25 anni, dal terremoto del 1999.”, ha detto ai giornalisti il ​​direttore del Centro sismologico di Taipei Wu Chien-fu. Un terremoto di magnitudo 7,6 uccise 2.400 persone nel settembre 1999, il peggior disastro nella storia moderna di Taiwan. “È stata sicuramente la sensazione più grande che abbia mai provato in vita mia ed è durata forse 30 secondi, anche se sembrava che fosse durata molto più a lungo.”ha detto Phil Smith, un britannico che vive a Taipei. “Ho sentito alcune sirene dei veicoli di emergenza, ma sicuramente non c’è panico.”Lui continuò.

Situati al confine di diverse placche tettoniche, Taiwan e il Giappone sono spesso colpiti da terremoti. Per limitare il più possibile i rischi, entrambi i paesi applicano alcuni degli standard di costruzione più severi al mondo.

In Giappone si ricorda ancora il disastro di Fukushima (nord-est) del marzo 2011, che provocò circa 20.000 morti o dispersi. Un terremoto sottomarino di magnitudo 9.0 ha causato un gigantesco tsunami sulla costa nord-orientale del paese, che ha causato anche l’incidente nucleare di Fukushima Daiichi, il peggiore disastro nucleare dai tempi di Chernobyl nel 1986. Anche la penisola di Noto, nel Giappone centrale, ha subito un terremoto di magnitudo 7.5 a gennaio. 1, che provocò la morte di oltre 240 persone, in particolare a causa del crollo di molte vecchie case di legno.

Mercoledì le autorità filippine hanno avvertito di “onde elevate di tsunami” e hanno chiesto l’evacuazione di diverse aree costiere in seguito al terremoto.

“Si consiglia vivamente ai residenti nelle zone costiere delle seguenti province di evacuare immediatamente in zone più elevate o di spostarsi più all’interno”Lo afferma l’Istituto Nazionale di Sismologia in una nota riguardante 23 province.

Le zone costiere di queste province dal nord al sud dell’arcipelago, ma che non comprendono la capitale Manila, “si prevede che si verifichino forti onde di tsunami” sulla base di modelli di previsione, aggiunge la dichiarazione.
Le prime onde colpiranno la costa tra le 00:33 GMT e le 02:33 GMT, e potrebbero essere inizialmente di dimensioni moderate, ma “queste ondate potrebbero continuare per ore”precisa l’istituto.

“I proprietari di barche nei porti, negli estuari o nelle acque costiere poco profonde delle province menzionate dovrebbero mettere in sicurezza le loro barche e allontanarsi dal litorale”. “Le imbarcazioni già in mare durante questo periodo dovranno rimanere al largo, in acque profonde, fino a nuovo avviso”ha aggiunto l’istituto.

-

PREV L’ultimo bilancio delle vittime dell’esplosione di una centrale idroelettrica in Italia è pari al 7-12 aprile 2024 alle 11:25.
NEXT Morte della cantante del Quebec Guylaine Guy