Un DJ vodese muore in un incidente stradale in Italia

Un DJ vodese muore in un incidente stradale in Italia
Descriptive text here
-

Suo fratello testimonia

Un DJ vodese muore in un incidente stradale in Italia

Un tragico incidente ha lasciato due vittime in Italia domenica 31 marzo. Il proprietario dell’auto, un uomo di 40 anni residente a Villeneuve, è morto sul colpo. Suo fratello, devastato dalla notizia, si confida con Blick.

1/10

Una Ferrari GT C4 targata svizzera si è schiantata domenica 31 marzo nel nord Italia.

>>>>>>>>

Qendresa Llugiqi

Un’auto a pezzi, detriti sparsi e fiamme alte diversi metri: domenica 31 marzo automobilisti e primi soccorritori hanno assistito a un terribile incidente sulla strada tra Ivrea e Santhia, nel nord Italia.

I due occupanti dell’auto sono morti sul posto. Secondo le ricerche di Blick, una delle vittime era un DJ vodese 40enne che abitava a Villeneuve. I media italiani spiegano che l’auto che viaggiava a più di 200 km/h si è schiantata contro il guardrail dopo aver sbandato sull’autostrada bagnata. La Ferrari avrebbe poi preso fuoco con a bordo due occupanti.

Leggi anche sugli incidenti

Un testimone oculare descrive su Facebook: “Siamo passati subito dopo. È stato orribile!” Come riportato dai media locali, i vigili del fuoco hanno dovuto tagliare le macerie per estrarre le vittime.

“La persona più amorevole che conosco”

Agim Q.* ha confermato a Blick che il defunto è suo fratello e che l’auto gli apparteneva. Molto colpito dalla situazione, confida: “È difficile parlare di questa persona meravigliosa e positiva. Ma se dovessi descriverlo in una parola, direi che era la persona più amorevole che conoscessi”. Anche sui social c’è sgomento in seguito all’annuncio della sua morte.

Sempre sabato sera, poche ore prima del tragico incidente, il DJ vodese si esibiva in un club vallesano. Poi è partito con la sua macchina per l’Italia.

Devono ancora essere effettuati i test del DNA

Agim Q. non sa come sia avvenuto l’incidente, chi fosse al volante e chi fosse l’altra vittima, secondo i media italiani sarebbe una donna. “Finora non abbiamo ricevuto molte informazioni dalla polizia. L’altro mio fratello, che vive in Italia, ora si occupa di tutto”, spiega. Sa solo che deve ancora essere effettuato il test del DNA.

La polizia di Settimo Torinese ha infatti contattato alcuni membri della famiglia per identificare i corpi. Avendo preso fuoco l’auto con i passeggeri a bordo, è stata data priorità al test del DNA.

Agim Q. si trova attualmente in Svezia con la sua famiglia, ma vuole tornare rapidamente in Svizzera. “Vogliamo sostenere sua moglie e i suoi figli. In Svizzera sono di casa», confida a Blick.

*I nomi sono stati cambiati

Contenuti di terze parti

Per visualizzare contenuti di fornitori terzi (Twitter, Instagram), è necessario autorizzare tutti i cookie e la condivisione dei dati con questi fornitori esterni.

Carica contenuto

Maggiori informazioni

-

PREV Rocket Lab si prepara a lanciare la missione per KAIST e NASA per distribuire i satelliti su due orbite separate
NEXT quello che sappiamo della sua grave ferita da arma da fuoco