Wimbledon: agganciato, Carlos Alcaraz ha finito per trovare la soluzione

-

Carlos Alcaraz ecraté Ugo Humbert in quattro manches.

AFP

Carlos Alcaraz, campione in carica, ha superato domenica la feroce resistenza del francese Ugo Humbert (16esimo al mondo) battendolo 6-3, 6-4, 1-6, 7-5 e raggiungendo i quarti di finale a Wimbledon.

“Giocare contro i mancini è sempre una trappola, qualunque sia la superficie. Ma oggi mi sentivo bene in campo e ho giocato ad un ottimo livello. Ho solo cercato di non pensare al fatto che stavo giocando contro un mancino e di fare il mio gioco”, ha commentato il 21enne spagnolo.

Dovrà affrontare l’americano Tommy Paul (13°) o lo spagnolo Roberto Bautista (112°) per un posto nelle semifinali.

Per la gioia del pubblico che glielo ha mostrato, sia durante la partita che quando è uscito dal campo, Humbert ha opposto una resistenza spettacolare che a tratti sembrava far dubitare Alcaraz.

Spinto ai suoi limiti

Sotto la minaccia permanente del suo avversario, il numero 3 del mondo ha saputo alzare il suo livello nei momenti più importanti, come nel quinto game del secondo set dove ha parato quattro break point, o anche sul set point di questo seconda manica.

Sul servizio del francese, Alcaraz si ritrova seduto a terra, di fronte alla rete a fondo campo, ma riesce ad alzarsi e correre a respingere con l’estremità della racchetta l’attacco di Humbert. Quest’ultimo ha poi avuto una nuova occasione per salvare questo set point su un tiro al volo apparentemente facile, ma l’ha allungato troppo e ha così offerto il set al suo avversario.

Se avesse dovuto commentare questo punto? “Incredibile”, rispose Alcaraz. “Un set point è un punto importante, quindi dovevo mostrare al mio avversario che qualunque tiro avesse tirato, sarei stato sulla palla. Io sono fatto così: ci sarò e combatterò fino all’ultimo proiettile. A volte mi dà un buon punto e a volte perdo, ma almeno lotto”, ha spiegato.

Anche se nel terzo set era in vantaggio per 1-0 e 30/0 al servizio di Humbert, era difficile immaginare la piega che avrebbe preso questo turno.

Perché Alcaraz ha iniziato a commettere errori diretti, come questo tiro al volo di diritto che vuole attutire e che resta nella racchetta. Si arrabbia, mima gesti verso il suo box e il suo allenatore Juan Carlos Ferrero. Ma le partite passano e lui perde l’ingaggio tre volte.

Inizia però il quarto giro con un break, subito annullato da Humbert che, presa confidenza, risponde molto aggressivo. Ma il francese offre subito ad Alcaraz un nuovo break, in seguito ad un doppio fallo.

Il doppio è ancora attuale

Il francese ripeterà il suo servizio in ritardo per tornare sul 3-3, ma su uno smash troppo lungo regala due break point ad Alcaraz che ne approfitta per scappare 6-5. Al servizio, lo spagnolo si regala due match point con uno splendido drop shot e intasca la scommessa.

Vincitore del Grande Slam su tutte e tre le superfici (duro, erba, terra battuta), quest’anno punta a una rara doppietta Roland-Garros-Wimbledon. Humbert, dal canto suo, non ha fatto meglio che durante la sua prima partecipazione a Wimbledon dove aveva già raggiunto gli ottavi di finale, che rimane fino ad oggi il suo miglior risultato in uno Slam.

Il numero 1 del mondo è lì

(AFP)

-

PREV LIVE – Spagna-Inghilterra: chi vincerà la finale di Euro 2024 e succederà all’Italia?
NEXT Arma del massacro negli USA: l’arma del delitto nell’attentato a Trump sarebbe un AR-15