Sicurezza mobile: 5 passaggi per riconoscere ed evitare tentativi di phishing legati al malware Rafel RAT

Sicurezza mobile: 5 passaggi per riconoscere ed evitare tentativi di phishing legati al malware Rafel RAT
Sicurezza mobile: 5 passaggi per riconoscere ed evitare tentativi di phishing legati al malware Rafel RAT
-

Sicurezza mobile: 5 passaggi per riconoscere ed evitare tentativi di phishing legati al malware Rafel RAT

Le campagne di phishing rimangono uno dei metodi più diffusi e pericolosi utilizzati dai criminali informatici per infiltrarsi in una rete, rubare informazioni sensibili, estorcere denaro e spiare gli utenti. Tra l’arsenale utilizzato, i Trojan di accesso remoto (RAT) si distinguono per la loro capacità di fornire agli hacker accesso illimitato a smartphone, tablet, ecc. In questa categoria, Rafel RAT, un potente malware spesso utilizzato nelle campagne di phishing, si distingue per le sue devastanti effetti sui telefoni Android.

Zimperium, la piattaforma di sicurezza mobile per dispositivi e applicazioni, fornisce 5 passaggi chiave per identificare ed evitare questi tentativi di phishing.

La combinazione di phishing e campagne Rafel RAT rappresenta una minaccia significativa per le aziende e i loro dipendenti. Comprendendo come funzionano questi attacchi e adottando le seguenti misure proattive, è possibile identificarli e prevenirli meglio.

1. Controlla le informazioni del mittente:

Controlla sempre che l’indirizzo email del mittente non sia incoerente o collegato a un nome di dominio insolito. I criminali informatici spesso utilizzano indirizzi e-mail che sembrano molto simili agli indirizzi legittimi, ma presentano lievi variazioni.

2. Diffidare della natura urgente delle e-mail:

Le e-mail di phishing spesso sfruttano il senso di urgenza e richiedono un’azione immediata. Devi essere molto vigile quando un’e-mail ti incoraggia ad agire rapidamente facendo clic su collegamenti o scaricando file.

3. Esamina attentamente i collegamenti:

I collegamenti contenuti in e-mail o messaggi di testo non richiesti devono essere trattati con cautela. È meglio visualizzare in anteprima l’URL, passando con il mouse sul collegamento e assicurarsi che si tratti di un sito affidabile prima di fare clic.

4. Utilizza software di sicurezza:

I dispositivi dovrebbero essere protetti da un software di sicurezza mobile affidabile in grado di controllare e bloccare gli URL di phishing identificati nei messaggi SMS, nelle app di messaggistica, nei codici QR e nei browser senza distribuire il collegamento. Tieni presente che è essenziale aggiornare regolarmente questo software per proteggerti dalle minacce più recenti.

5. Sensibilizzare e formare i dipendenti:

Si consiglia alle aziende di formare regolarmente i propri dipendenti sulle migliori pratiche di sicurezza informatica e di organizzare esercizi di phishing simulati per aiutarli a riconoscere e rispondere in modo efficace ai tentativi. Ad esempio, poiché gli schermi dei dispositivi mobili sono più piccoli di quelli di un computer, impediscono agli utenti di visualizzare l’URL completo o i dettagli dell’e-mail. Ciò rende più semplice per gli aggressori trasformare collegamenti dannosi in collegamenti legittimi.

-

PREV Trova le differenze per iPhone
NEXT OpenAI lancia GPT critico per correggere GPT-4