Proton annuncia un editor di documenti collaborativo incentrato sulla privacy dei dati

Proton annuncia un editor di documenti collaborativo incentrato sulla privacy dei dati
Proton annuncia un editor di documenti collaborativo incentrato sulla privacy dei dati
-

L’editore svizzero Proton arricchirà la sua offerta integrando un editor di documenti collaborativo nel suo servizio di condivisione file Proton Drive. Con Proton Docs l’azienda vuole offrire un’alternativa alle suite collaborative dei colossi americani, cercando di differenziarsi attraverso le garanzie fornite in termini di riservatezza dei dati e rispetto della vita privata.

Come altri servizi come Proton Mail, Proton VPN e Proton Pass, Docs utilizza la crittografia end-to-end open source, dove solo l’utente detiene la chiave. La società che ospita i servizi sui propri server protetti dalle rigide leggi svizzere sulla riservatezza non può accedere ai documenti o ai metadati, compresi i nomi dei file.

“In un mondo in cui le Big Tech violano costantemente la privacy e sfruttano i dati degli utenti, Docs offre una soluzione trasparente e affidabile per la modifica e la collaborazione dei documenti”commenta Anant Vijay Singh, product manager di Proton Drive, in un comunicato stampa. “I nostri utenti possono creare e condividere documenti in tutta sicurezza, sapendo che le loro informazioni sono protette. »

Il lancio di Docs segue la recente acquisizione da parte di Proton dell’app per note crittografate Standard Notes. Da Drive è possibile invitare chiunque a visualizzare o modificare i documenti. Tuttavia, è necessario un account Proton gratuito per garantire uno spazio di collaborazione sicuro tra tutti gli utenti.

La collaborazione in tempo reale è resa più semplice grazie ai cursori e agli indicatori di presenza per vedere chi sta visualizzando e modificando il documento. Sono presenti anche funzionalità di commento e controllo delle versioni dei file. I documenti .docx possono essere importati e modificati. I file sono scaricabili in diversi formati come .docx, .txt, .md e HTML.

Il lancio di Docs è iniziato il 3 luglio e il servizio sarà disponibile per tutti gli utenti di Proton Drive nei prossimi giorni. Proton offre account gratuiti con spazio di archiviazione limitato a 5 GB. Le aziende possono abbonarsi a tutti i servizi con tre livelli di abbonamento, rispettivamente a 6,99 €, 9,99 € e 12,99 € al mese e per utente.

-

PREV Le forti piogge portano alla scoperta di fossili di dinosauro in Brasile
NEXT OpenAI lancia GPT critico per correggere GPT-4