Scoperta una “Pompei” marina risalente a 515 milioni di anni fa a Souss-Massa – Telquel.ma

-

LI vulcani situati ai confini delle placche tettoniche sono noti per le loro eruzioni esplosive e su larga scala, che possono generare diverse decine di km3 di materiale. Queste eruzioni possono intrappolare quasi istantaneamente la vita presente, preservando così sotto le loro ceneri le testimonianze di intere civiltà, come a Pompei, sepolta sotto le ceneri del Vesuvio.

Un team internazionale di ricercatori, da me coordinato (Abderrazak El Albani) appena pubblicato a articolo apparsa sulla copertina della principale rivista americana Scienza, che descrive la scoperta di due nuove specie di trilobiti. Questi sono i fossili di trilobiti meglio conservati mai scoperti.

Presentano dettagli anatomici mai visti prima nonostante i milioni di trilobiti raccolti e studiati negli ultimi due secoli. Questi artropodi fossili ritrovati pietrificati nella loro ultima postura sono rappresentanti di un ecosistema vecchio di 515 milioni di anni. Una “Pompei” marina, scoperta in livelli di cenere vulcanica, ad Aït Youb, nella regione di Souss-Massa in Marocco.

Con oltre 22.000 specie scoperte, i trilobiti rappresentano senza dubbio gli invertebrati fossili più conosciuti. Mentre il loro esoscheletro di calcite conferisce loro un alto potenziale di fossilizzazione (il che spiega il loro gran numero), le loro appendici non mineralizzate e i loro organi interni sono conosciuti solo attraverso un numero limitato di esemplari.

I trilobiti si sono estinti dalla fine del Paleozoico (da 539 a 252 milioni di anni fa). Sono artropodi le cui dimensioni variano da uno a pochi centimetri. Vivevano esclusivamente nell’ambiente marino. Quelli che abbiamo scoperto misurano circa 2 centimetri. Oggi i loro “discendenti” più prossimi morfologicamente sono i granchi a ferro di cavallo. Sono anche artropodi marini, ma sono lontani cugini.

Stampi trilobiti

Ad Aït Youb, durante un’eruzione vulcanica, gli organismi viventi furono sepolti da nuvole di fuoco. I tessuti biologici vennero poi consumati dal calore intenso, lasciando nelle ceneri solidificate solo delle cavità: le muffe degli organismi. Questi preservano i più piccoli dettagli della superficie esterna dei trilobiti, compresi i peli e le spine lungo le appendici. Anche il loro tratto digestivo veniva preservato dopo essere stato riempito di cenere. Anche piccoli gusci (brachiopodi) attaccati al loro esoscheletro da un peduncolo sono stati congelati in posizione vivente.

Grazie ad una tecnica di imaging, la microtomografia a raggi X, abbiamo potuto studiare i fossili in 3D senza estrarli dalla loro matrice. Questa tecnica si basa sulla proprietà dei raggi X di attraversare la materia e di essere assorbiti a seconda della natura e della densità dei costituenti che incontrano. Riempiendo digitalmente il loro stampo, i corpi mancanti sono stati ricostruiti con un sorprendente livello di dettaglio.

Questo lavoro, realizzato da Arnaud Mazurier, ingegnere ricercatore presso l’Università di Poitiers, getta nuova luce sull’organizzazione anatomica dei trilobiti. I risultati hanno infatti rivelato fin nei più piccoli dettagli un raggruppamento di paia di zampe specializzate attorno alla bocca, permettendoci di avere un’idea più precisa del modo in cui si nutrivano. Rivelano inoltre, per la prima volta in questi fossili, la presenza di un labrum, un lobo carnoso che funge da labbro superiore negli attuali artropodi.

Conservazione ottimale grazie alla cenere vulcanica

Questa scoperta dimostra il ruolo essenziale dei depositi di ceneri vulcaniche per la conservazione dei fossili e l’importanza fondamentale dell’esplorazione degli ambienti vulcanici sottomarini.

Dimostra inoltre che la microtomografia a raggi X è un potente strumento per osservare oggetti fossilizzati in rocce molto dure in 3D, senza il rischio di alterarli. Pertanto, i depositi piroclastici (rocce composte principalmente o esclusivamente da materiali vulcanici) dovrebbero diventare nuovi obiettivi di studio dato il loro eccezionale potenziale di intrappolare e preservare resti biologici, anche quelli morbidi, senza generare degrado. Si dovrebbero così aprire nuove finestre sul passato del nostro pianeta.

Per illustrare l’impatto della nostra scoperta, Greg Edgecombe, curatore del Museo Nazionale di Storia Naturale di Londra, specialista in artropodi e coautore dello studio, ha dichiarato: “Studio i trilobiti da quasi 40 anni, ma non ho mai avuto la sensazione di guardare animali vivi come ho fatto con questi. Ho visto moltissime anatomie morbide di trilobiti, ma è la conservazione in 3D che è davvero sorprendente.”

-

PREV Black Belle Red Dead Redemption 2: come completare la missione di questo triggerman?
NEXT le 6 migliori offerte da cogliere