Avvio del progetto BATSO per ottimizzare la manutenzione pesante delle turbine eoliche offshore galleggianti

Avvio del progetto BATSO per ottimizzare la manutenzione pesante delle turbine eoliche offshore galleggianti
Avvio del progetto BATSO per ottimizzare la manutenzione pesante delle turbine eoliche offshore galleggianti
-

La sostituzione dei componenti principali degli aerogeneratori galleggianti (MCR – Major Components Sostituzione) è oggi un’operazione complessa che richiede mezzi di sollevamento pesanti e il traino degli aerogeneratori in porto. Le soluzioni attuali sono molto costose, sia dal punto di vista finanziario che ambientale.

L’obiettivo di questo progetto di ricerca è quindi quello di ridurre i costi legati alla manutenzione dell’energia eolica galleggiante effettuando tali operazioni direttamente in mare, al fine di rendere l’energia eolica galleggiante più competitiva in termini di costo livellato dell’energia (LCOE – Levelized Cost dell’Energia). Per questo, il progetto BATSO si sta rivolgendo a una tecnologia già utilizzata nell’energia eolica onshore, vale a dire il sollevamento da una gru montata su una navicella e lo sviluppo di soluzioni di guida lungo la torre.

Queste operazioni offshore ridurranno l’impatto ambientale dell’energia eolica galleggiante. Verranno misurati e quantificati i guadagni in termini di impronta di carbonio e di riduzione del costo dell’energia elettrica rispetto alle soluzioni di manutenzione con traino al porto.

Infine, con questo progetto, la Francia afferma il proprio progresso tecnologico nel campo dell’energia eolica galleggiante. Dimostrare la fattibilità delle operazioni MCR in mare il più rapidamente possibile consentirà infatti di consolidare la posizione degli operatori francesi nel mercato della manutenzione pesante dell’energia eolica galleggiante.

Previsto per 3 anni, questo progetto di ricerca e sviluppo riunisce diversi attori industriali e accademici:

  • BW Ideol come progettista e produttore della tecnologia galleggiante e del dispositivo di manutenzione Damping Pool®;
  • Centrale Nantes, sui test sui serbatoi e sulla progettazione di modelli di sistemi robotizzati a cavo;
  • EDF Renewables come sviluppatore di progetti, operatore di parchi eolici offshore e anche attore nella loro manutenzione;
  • La Fondazione OPEN-C, leader nelle prove in mare e gestore del sito di prova previsto.

« Siamo lieti di ricevere il sostegno di ADEME nell’ambito del progetto BATSO. Affrontare le problematiche legate alla manutenzione pesante delle turbine eoliche offshore è fondamentale per consentire la strutturazione di un solido settore eolico galleggiante in Francia. Questi nuovi prodotti e servizi di manutenzione pesante, meno costosi e più rispettosi dell’ambiente, potranno essere implementati sul mercato eolico galleggiante per gli impianti pilota e pre-commerciali a partire dal 2027, quindi per gli impianti commerciali a partire dal 2030. Implementeremo a disposizione la nostra turbina eolica Floatgen, la cui la durata della vita è stata estesa di altri 5 anni, in particolare per accogliere tali progetti di ricerca e sviluppo. “, ha commentato Paul de la Guérivière, cofondatore e amministratore delegato di BW Ideol.

Jean-Baptiste Avrillier, Direttore della Centrale Nantes accoglie: ” Centrale Nantes è molto entusiasta della prospettiva di partecipare al progetto BATSO che riunisce le competenze di due laboratori, LS2N e LHEEA, sul tema della manutenzione delle turbine eoliche offshore. Le sue competenze consentiranno la progettazione e lo sviluppo di un sistema di sollevamento adattato ai vincoli marini, nonché la modellazione digitale e sperimentale delle operazioni di sollevamento su piattaforme galleggianti per favorire l’impatto ambientale dell’energia eolica galleggiante. »

“La scelta del progetto BATSO da parte di ADEME è un’ottima notizia, lo svolgimento di operazioni di manutenzione pesante in mare è una questione chiave per la competitività dell’energia eolica galleggiante. Questo progetto contribuirà all’affidabilità di operazioni mai effettuate prima in mare; le competenze di EDF Renewables saranno mobilitate per il suo successo. Questo progetto illustra anche il vantaggio di avere dimostratori in Francia per i settori del futuro. La disponibilità di Floatgen è fondamentale per la dimostrazione in condizioni reali di queste complesse operazioni. ” completare Aymeric Ducrocq, Direttore delle energie rinnovabili marine presso EDF Renewables.

“Il progetto BATSO è al centro dell’azione della Fondazione OPEN-C: sperimentazione per accelerare l’innovazione! Siamo lieti di partecipare alla creazione di soluzioni con costi ambientali inferiori per la manutenzione pesante dell’energia eolica galleggiante, apportando le nostre competenze di qualificazione e monitoraggio ambientale complesso a vantaggio di operazioni uniche. » ha indicato Bertrand Alessandrini, Direttore Generale della Fondazione OPEN-C.

Comunicato stampa di BW Ideol, Open-C, Centrale Nantes, EDF Renewables, 24/06/24

-

PREV Non è un errore, l’orologio connesso Garmin Fenix ​​7X Solar vede il suo prezzo scendere al minimo su Amazon
NEXT TV: i nostri 7 migliori modelli più luminosi per il miglior rendering HDR