L’evoluzione degli usi per la ricerca online: l’impatto di TikTok e l’intelligenza artificiale

L’evoluzione degli usi per la ricerca online: l’impatto di TikTok e l’intelligenza artificiale
L’evoluzione degli usi per la ricerca online: l’impatto di TikTok e l’intelligenza artificiale
-

“Questa tendenza dimostra che le piattaforme non sono più solo strumenti per l’interazione sociale, ma sono diventate punti di contatto essenziali per la raccolta di informazioni. »

Un contributo di Frédéric Jutant, Marketing Manager di Icarus Media Digital

Con lo sviluppo dei social network come TikTok e gli strepitosi progressi dell’intelligenza artificiale, il mondo della ricerca online sta subendo una completa trasformazione. Se da anni Google domina senza preoccupazioni il settore, le abitudini degli utenti, soprattutto delle generazioni più giovani, indicano un cambiamento significativo nei canali preferiti per la ricerca e la fruizione delle informazioni.

Di fronte a questi cambiamenti di comportamento, le aziende devono adattare le proprie strategie di marketing e comunicazione per continuare a raggiungere efficacemente i propri obiettivi. I brand che sanno come reinventarsi e trarre vantaggio da queste nuove tendenze saranno nella posizione migliore per rimanere rilevanti e coinvolgere il loro pubblico.

Il ruolo crescente di TikTok nella ricerca

I social network svolgono un ruolo sempre più centrale nella scoperta del marchio. Nel 2024, uno studio condotto da Forbes Advisor – Talker Research rivela che una persona su quattro utilizza i social media principalmente per effettuare ricerche su Internet.

Questa tendenza mostra che le piattaforme non sono più solo strumenti di interazione sociale, ma sono diventate punti di contatto essenziali per la raccolta di informazioni. Ora sfidano i motori di ricerca tradizionali come Google e Bing di Microsoft con la loro onnipresenza e utilità.

TikTok è diventata una risorsa preferita soprattutto per la generazione Z. La piattaforma permette agli utenti di reperire informazioni su vari argomenti attraverso video brevi e coinvolgenti.

Per imparare ad annodare una cravatta o una ricetta di cucina, l’istinto istantaneo non è più quello di andare su Google ma su TikTok. Questo formato interattivo cattura l’attenzione meglio dei tradizionali risultati testuali di Google o Bing, rendendo la rete della società madre ByteDance particolarmente attraente per ricerche visive rapide.

La rivoluzione dell’intelligenza artificiale generativa

L’intelligenza artificiale generativa ha cambiato profondamente anche le abitudini di molti utenti. Dal suo lancio da parte di OpenAI alla fine del 2022, ChatGPT ha generato un notevole interesse in tutto il mondo con oltre 100 milioni di account registrati.
Oggi, 1 studente francese su 3 paga attualmente un abbonamento mensile a ChatGPT. Questo modello di intelligenza artificiale fornisce un’interazione più naturale e contestuale, soddisfacendo le esigenze degli utenti in modo più conversazionale e personalizzato.

Nuovi motori di ricerca basati sull’intelligenza artificiale, come Perplexity.ai, stanno emergendo e attirano anche l’attenzione degli utenti alla ricerca di alternative sofisticate. Queste piattaforme ibride sfruttano l’intelligenza artificiale per offrire risposte più pertinenti e personalizzate rispetto ai motori di ricerca tradizionali.

Il gigante Google, sebbene ancora ultra dominante, deve affrontare sfide per adattarsi a queste nuove tendenze. Le recenti battute d’arresto che ha vissuto con il suo “ Panoramica sull’intelligenza artificiale » (precedentemente Search Generative Experience o SGE) illustrano la difficoltà di questo cambiamento. Questa trasformazione è tanto cruciale quanto delicata per l’azienda di Mountain View, perché sconvolge il suo modello economico ormai consolidato e le fondamenta del suo sistema pubblicitario basato sulle parole chiave.

Cosa significa questo per i professionisti

Le aziende devono tenere conto di questi cambiamenti e adattare le proprie strategie digitali per allinearsi a questi nuovi usi.

L’ascesa di video brevi e interattivi e la mania per l’intelligenza artificiale generativa stanno costringendo le aziende a ripensare il proprio approccio alla comunicazione online. Investire in contenuti video coinvolgenti su piattaforme come TikTok, Instagram o YouTube ed esplorare le opportunità offerte dall’intelligenza artificiale stanno diventando essenziali per rimanere rilevanti.

Allineando le strategie di marketing ai comportamenti degli utenti, le aziende possono sfruttare nuove dinamiche per rafforzare la propria presenza online e la propria influenza sui consumatori.


Leggi anche : Utilizzata da milioni di persone negli Stati Uniti, CapCut, l’app gemella di TikTok, potrebbe presto essere vietata

-

PREV Per il JOP, Le Pavé ha costruito 11.000 posti a sedere in plastica riciclata
NEXT Google Messaggi risolverà il suo problema più grande con le immagini