Ho giocato a The Rogue Prince of Persia in accesso anticipato

-

(…e sono ancora così crudelmente inutile). Dopo un accesso anticipato ritardato per non affrontare Hades 2, The Rogue Prince of Persia è stato rilasciato il 27 maggio in accesso anticipato. Dietro questo titolo che è riuscito a evitare fughe di notizie e che si è rivelato una bella sorpresa c’è Evil Empire, lo studio di Bordeaux dietro la ripresa dello sviluppo di Dead Cells e Ubisoft, l’editore dei giochi Prince of Persia di cui fa parte questa nuova opera.

Ti piace l’universo di Prince of Persia e il gameplay di Dead Cells? Benvenuto in The Rogue Prince of Persia! Ti basta giocare qualche secondo per capire subito che questa nuova opera è molto simile al suo fratello maggiore, ma con una direzione artistica ridisegnata e personaggi dell’universo di Prince of Persia. Alla fine non si tratta semplicemente di una rivisitazione di Dead Cells? Saremmo tentati da un lato di dire sì e dall’altro non totalmente poiché qui il gioco è pensato anche per essere un platform e per soddisfare le esigenze della serie e rispettare il suo universo, il nostro Principe si muove velocemente, con molta agilità.

Come suggerisce il nome, questa nuova opera è un roguelite (o Rogue-like) e per coloro che non sono abituati al genere, comporta l’esplorazione di un dungeon i cui livelli sono generati casualmente, qui vari paesaggi della Persia e lì combattere i nemici, gli Unni. Il gioco ruota principalmente attorno ad un loop poiché il giocatore è inevitabilmente portato a morire, a ricomparire in un accampamento, nel nostro gioco un’oasi.

E le morti in loop sono ovviamente molto frustranti, ma il giocatore impara dai propri errori e attraverso la progressione. Nel complesso, questa progressione è ostacolata da un elemento, il fatto di non salvare gli oggetti ottenuti nei livelli in caso di morte, che a volte dà la sensazione di girare in tondo e di non progredire troppo.

Il gioco è estremamente punitivo, le morti sono anche un’occasione per scoprire nuove tecniche per sbarazzarsi dei propri avversari come il calcio con i piedi che permette di mandare un nemico all’indietro direttamente negli spuntoni. Perché i nostri nemici, gli Unni, approfittarono di un errore del Principe di Persia per invadere la Persia e impossessarsi della magia nera sciamanica che offriva loro sempre più potere. Quindi, mentre alcuni hanno un approccio piuttosto elementare, altri hanno armi a distanza e scudi che sono davvero uno sforzo poiché a volte è difficile liberarsene quando i nemici cacciano in gruppo!

Oltre ai barlumi degli spiriti che devi ricordarti di procurarti per non perderli e che ti permettono di forgiare nuove armi nell’oasi, le monete che ti permettono di acquistare armi, pozioni e medaglioni nei negozi ambulanti che incontri , avrai anche l’opportunità di raccogliere medaglioni nei livelli. Questi artefatti hanno effetti diversi. Potrete sia acquistarli che saccheggiarli dai forzieri come un gran numero di risorse, ma soprattutto potrete averne solo 4 che possono però essere migliorate. Dovrai destreggiarti tra luoghi e medaglioni per ottenere la combinazione di effetti che fa per te. eseguendo una determinata azione permettono di recuperare parti, resina, infliggere danni aggiuntivi, recuperare punti vita, ecc.

Incontrerai un sacco di NPC nei livelli. Alcuni ti daranno missioni, altri ti permetteranno di acquistare oggetti o potenziare le tue armi. Infine ci sono i boss, tra cui Berude, il primo del gioco un vivace Minotauro che lancia sassi e fa apparire degli spuntoni sul terreno. Se non hai le cose necessarie, i medaglioni e la vita, verrai bombardato.

La direzione artistica di quest’opera si concentra su ambienti 2D e personaggi colorati, principalmente nei toni del viola e del rosso, e onestamente ha molto successo. Le animazioni sono fluide, il nostro eroe si muove con grande facilità e agilità che si riflette anche nelle sue gesticolazioni. Non si tratta qui di dare un risultato realistico, ma piuttosto di offrire una variante più fumettistica e colpisce nel segno, mi piace, soprattutto lo sfondo.

Possiamo parlare molto anche della colonna sonora del gioco, che è semplicemente sublime! La musica è accattivante, talvolta accompagnata dal suono delle onde, della chitarra e di voci femminili. Musica con ispirazioni senza dubbio persiane alla quale mescoleremo suoni del nostro tempo, più elettronici. È firmato ASADI, è un vero piacere per le orecchie ed un vero e proprio lavoro in sé che merita un vinile come Ubisoft Music è bravissima a proporci ormai da diversi anni.

Se il gioco è ancora in accesso anticipato, ciò è ampiamente comprensibile. Se il titolo è pieno di promesse, manca comunque di contenuto. Non c’è dubbio che Evil Empire, che ha ampiamente contribuito al successo di Dead Cells, riuscirà a renderlo un gioco completo e meno ripetitivo e affinerà alcuni dettagli attraverso aggiornamenti e feedback dei giocatori! Per l’accesso anticipato, The Rogue Prince of Persia poggia in ogni caso su basi molto solide!

Divulgazione: ho ricevuto una copia di revisione gratuita di questo prodotto da https://www.keymailer.co

-

PREV Luna | La NASA rinuncia a inviare un rover per rilevare tracce d’acqua
NEXT il prezzo crolla improvvisamente il Prime Day, liquidazione massiccia su Amazon