Specialized Chisel, il mini-Epico? ⋆ Vojo

-

Una nuova aggiunta alla gamma Specialized! Il Chisel, il bel semirigido in alluminio orientato alle prestazioni della marca americana, presta ora il suo nome a una sospensione integrale che utilizza lo stesso concetto. La bici segue quindi le orme della Epic 8 in carbonio pur volendo essere più accessibile. Ecco tutto quello che devi sapere a riguardo:

Come il semirigido Chisel, che ora porterà il nome Chisel HT (per coda rigida, semirigido in inglese), la biammortizzata Chisel vuole declinare lo spirito di prestazione che ha fatto il successo dei modelli di fascia alta di Specialized ad un livello di prezzo (leggermente) più accessibile.

  • https://www.vojomag.com/app/uploads/2024/06/scalpello specializzato fs 2024 vojo paul humbert 17.jpg

Il modello di riferimento è ovviamente l’ultima Epic, uscita a inizio anno (leggi Test nuovi prodotti | Specialized Epic 8: quando la concorrenza detta le sue leggi). Questo nuovo Chisel sviluppa un po’ meno escursione, 110 mm al posteriore e 120 mm all’anteriore rispetto ai 120 mm su entrambi i lati dell’Epic, ma con questa eccezione assomiglia molto al suo “fratello maggiore”.

La geometria regala così 66,5° per l’angolo di sterzo, 75,5° per l’angolo del tubo sella, basi di 437 mm e un range di 445 mm nella taglia M, corto se lo confrontiamo con bici da escursione più lunga ma coerente con le aspirazioni sportive e XC della macchina. Come sulla Epic, abbiamo anche un piccolo flipchip che fissa l’ammortizzatore alla forcella che permette di abbassare il movimento centrale di 6 mm e gli angoli di circa 0,5°.

https://www.vojomag.com/app/uploads/2024/06/geo chisel fs.jpg

Specialized annuncia il comportamento della sospensione posteriore da 110 mm “a metà strada tra un Epic ed un Epic Evo”, lascia intendere che sia un po’ meno impegnativa della Epic ma un po’ più comoda, senza arrivare alla vera flessibilità della Epic Evo in posizione aperta (leggi Test | Specialized Epic Evo 8: passaggio all’all-mountain). Come abbiamo detto la Chisel resta una moto sportiva.

Il telaio è annunciato con una dimensione di 2720 g con ammortizzatore RockShox Deluxe Select+. La differenza con l’ultra high-end Epic 8 S-Works è quindi inferiore a un chilogrammo (950 g esattamente) ma il confronto con la concorrenza è ancora più significativo. Le XC full-suspension in alluminio oggi non sono più numerose e i pesi dei telai vengono comunicati ancora meno spesso, ma secondo Specialized quello della Chisel sarebbe ad esempio 570 g più leggero di quello di una Scott Spark in alluminio.

Le saldature utilizzano la tecnologia D’Aluisio Smartweld già vista su alcuni modelli da strada (Allez Sprint) o da ciclocross (Crux) del marchio, che dovrebbe offrire “un punto di connessione più rigido, più durevole e più coerente di qualsiasi altro sul mercato. » Riservato alle piattaforme “performance” di Specialized perché più costose da realizzare rispetto alle saldature tradizionali (non lo vedrete su un Rockhopper o uno Status per esempio), permetterebbe di allontanare le saldature dai punti deboli dei tubi per ottimizzarne le forme e quindi il peso.

  • https://www.vojomag.com/app/uploads/2024/06/scalpello specializzato fs 2024 vojo paul humbert 9.jpg
  • https://www.vojomag.com/app/uploads/2024/06/scalpello specializzato fs 2024 vojo paul humbert 9.jpg

A parte questo, il telaio vuole essere piuttosto semplice nel design, senza alcuna scelta tecnica che possa complicare la vita agli utenti ma senza tutti gli accessori che si possono trovare su modelli di fascia più alta: abbiamo così dei passaggi interni di canalizzazione ( guidate) con ingressi dalla parte superiore del tubo obliquo anziché attraverso la serie sterzo, due attacchi portaborraccia, protezioni (supporti, collegamento tra triangolo anteriore e triangolo posteriore) di buona fattura e un movimento centrale filettato, ma niente vano portaoggetti o accessori aggiuntivi inserti per montare un rack per accessori.

Scalpello specializzato: gamma e prezzi

La gamma Specialized Chisel è composta da due modelli… anzi quattro, ma due fasce di prezzo. Infatti, la Chisel Comp (3.300€) come la Chisel (2.600€) saranno disponibili con trasmissione e freni Sram o Shimano per soddisfare le diverse preferenze. Tieni presente, tuttavia, che inizialmente da noi saranno disponibili solo modelli Shimano. Ecco i dettagli dell’attrezzatura:

  • Specialized Chisel Comp Shimano (12,86 kg nella taglia M): Forcella RockShox SID (modello base, cartuccia Rush) e ammortizzatore Deluxe Select+, trasmissione Shimano Deore / SLX 1×12, freni Shimano Deore M6100, ruote Specialized / Shimano, pneumatici Specialized Ground Control / Fast Track da 29 x 2.35″, carcassa Control e gomma T5.
  • Specialized Chisel Comp (peso non comunicato): identico tranne la trasmissione Sram SX / GX Eagle e i freni Sram Level T.
  • Scalpello Specialized Shimano (13,73 kg nella taglia M): Forcella RockShox Recon Silver RL e .
  • Scalpello specializzato (13,87 kg nella taglia M): identico tranne la trasmissione Sram SX/NX Eagle e i freni Sram Level T.

Tutti i modelli saranno dotati di serie di un reggisella telescopico e anche se non si tratta di un modello di fascia molto alta (TranzX Dropper Post), è qualcosa di abbastanza raro a questo livello di gamma. Infine, sarà disponibile anche il kit telaio + ammortizzatore (RockShox Deluxe Select+) al prezzo di 1.700 euro.

Maggiori informazioni: www.specialized.com

-

NEXT OpenAI lancia GPT critico per correggere GPT-4