un teleobiettivo su uno smartphone a meno di 550 euro, è possibile

-

Oppo è finalmente tornato in Francia! Il marchio torna sul mercato francese con due nuovi smartphone: Oppo Reno 12 Pro e Reno 12. Il primo è un modello di fascia medio-alta che promette grandi cose a un prezzo abbastanza basso.

L’Oppo Reno 12 Pro // Fonte: Oppo

Il marchio Oppo è tornato in Francia. Se il produttore cinese avesse attaccato il nostro mercato per la via maestra con un Find

Problema di calendario, pessima tempistica, in ogni caso Oppo non è riuscita a rilasciare qui il suo Find X7 Ultra. Dovremo aspettare il suo successore nel 2025, ma avremo il prossimo modello di fascia alta del marchio, conferma. La ripartenza sta avvenendo senza intoppi con il Reno 12 e in particolare con il Reno 12 Pro, uno smartphone di fascia media che punta all’equilibrio.

Un design classico e privo di rischi

Nonostante l’ampio pannello da 6,7 ​​pollici, il telefono non è né pesante né spesso. Considerare uno spessore di 7,4 mm per 180 grammi è assolutamente ragionevole.

Il suo pannello Oled adotta una frequenza di aggiornamento di 120 Hz. È Full HD+ (2412 x 1080 pixel, o 394 ppi), ha la particolarità di essere curvo su quattro lati e copre il 93,50% della parte anteriore. È protetto da Gorilla Glass Victus 2, l’ultima generazione di Corning. Oppo è orgoglioso di coprire il 100% del DCI-P3 e di raggiungere una luminosità massima alla luce solare diretta di 1200 cd/m².

L’Oppo Reno 12 Pro // Fonte: Oppo

Sono disponibili due finiture: nera e argento con riflessi viola. Entrambi hanno il retro in vetro, ma sembra lucido. Il vetro dello schermo è Corning Gorilla Glass Victus 2 e per continuare con la resistenza, abbiamo diritto alla resistenza IP65.

Un Oppo Reno 12 Pro con tutto il necessario per la fotografia

L’Oppo Reno 12 Pro ha un totale di quattro sensori fotografici:

  • Un sensore principale da 50 Mpx, f/1.8, 79°, AF, OIS;
  • Un ultra grandangolo da 8 Mpx, f/2.2, 112°;
  • Un teleobiettivo da 50 Mpx, f/2.0, 50°, AF;
  • Un sensore selfie da 50 Mpx, f/2.0, 90°, AF.
L’Oppo Reno 12 Pro // Fonte: Oppo

Nessun sensore macro qui, ma la scelta di un teleobiettivo. Infatti, sempre più smartphone a partire da 600 euro adottano questo nuovo sensore e questo è un bene.

Grande chip, grande RAM, grande spazio di archiviazione

A bordo troviamo l’ultimo SoC di Mediatek, il Dimensity 7300 -Energy. Per fare un confronto, è un po’ più veloce del 7200 integrato nel Nothing Phone (2 a) e che dovrebbe essere un po’ più potente del Dimensity 7300 che troveremmo sul CMF Phone 1. Viene fornito con 12 GB di RAM ( in LPDDR4X) e 512 GB di spazio di archiviazione (in UFS 3.1). Una configurazione abbastanza imponente: nel 2024 molti produttori privilegiano una buona quantità di RAM e spazio di archiviazione.

L’Oppo Reno 12 Pro // Fonte: Oppo

Oppo prevede due anni di aggiornamenti Android e tre anni di patch di sicurezza. Questo sarà uno dei grandi punti deboli dell’Oppo Reno 12 Pro: a questo prezzo tutti i concorrenti offrono di più ed è un vero peccato. Almeno iniziamo con Android 14 e l’interfaccia ColorOS 14 e tutte le sue funzionalità: Oppo, come tutti gli altri quest’anno, enfatizza l’intelligenza artificiale.

Per la batteria possiamo contare su 5000 mAh. Può essere ricaricato ad una potenza massima di 80 W grazie alla tecnologia proprietaria del marchio, SUPERVOOC. Abbastanza per passare dall’1 al 47% della batteria in 18 minuti e dall’1 al 100% in 46 minuti.

Prezzo e disponibilità di Oppo Reno 12 Pro

Questo Oppo Reno 12 Pro sarà disponibile per il preordine dal 21 giugno a partire da mezzogiorno, per le prime consegne a metà luglio. Il modello sarà disponibile nei colori nero e viola al prezzo di 549,90 euro in un’unica configurazione (512 GB di storage e 12 GB di RAM).

L’ultimo Reno che conoscevamo era il Reno 8 Pro. Allora avevamo a che fare con un buon smartphone, ma a 800 euro. Era un po’ caro per quello che offriva. Qui Oppo ritorna ad un prezzo più conveniente in una formula altrettanto promettente che compete con il recente Honor 200 Pro.


-

PREV Un nuovo promettente approccio terapeutico per i pazienti con malformazioni artero-venose
NEXT DEATH BY GONG « Descalator » (Crazysane Records, 15 agosto 2024)