Fai irruzione nel gruppo!

Fai irruzione nel gruppo!
Fai irruzione nel gruppo!
-

L’accelerazione del gruppo formato dal team OpenAI-Apple ha messo a dura prova alcuni corridori, in particolare Elon Musk che, nel suo stile abituale, non ha mancato di criticare i suoi avversari e di mostrare cattivo umore. Gli altri corridori, solidi come rocce (pensiamo in particolare a Nvidia, Alphabet o Microsoft), si sono inseriti facilmente nelle ruote dei primi fino al traguardo.

Apple è stata in fiamme durante la sessione di borsa di martedì, chiudendo al +7,3% e continuando il suo movimento anche mercoledì. La conferenza degli sviluppatori del gruppo di Cupertino era molto attesa ed è stata seguita da vicino da investitori e fan del marchio Apple. È stata soprattutto l’intelligenza artificiale ad interessare gli investitori, sapendo che Apple è rimasta finora molto discreta su questo tema. Il gruppo sembra infatti essere rimasto indietro rispetto agli altri giganti della tecnologia, Nvidia ovviamente, ma anche Microsoft, Alphabet e Meta Platforms.

Apple, tuttavia, non ha fatto annunci rivoluzionari. Nelle prime ore successive alla presentazione dei progetti gli analisti erano addirittura piuttosto scettici. Per quanto riguarda l’intelligenza artificiale, le novità di “Apple Intelligence” (da notare il gioco di parole piuttosto intelligente dell’azienda con le stesse iniziali AI di Intelligenza Artificiale) si basano su una partnership con OpenAI, proprietaria di ChatGPT. Gli analisti inizialmente stimavano che questo accordo dimostrasse che Apple non è in grado di sviluppare tecnologia interna.

Tuttavia, dopo aver riflettuto, queste stesse persone intelligenti hanno concluso che questa partnership potrebbe portarne altre e che potrebbe essere una nuova fonte di reddito per il produttore dell’iPhone. Questo, al punto che i giocatori di intelligenza artificiale sarebbero senza dubbio disposti a pagare Apple per essere integrati in brillanti smartphone, tablet e simili.

Allo stesso tempo, Elon Musk, come un brutto anatroccolo, si è affrettato a criticare questa partnership protestando ufficialmente contro il rischio di fuga di dati. Ma possiamo anche immaginare il danno che questa collaborazione potrebbe causargli. In effetti, Elon Musk ha raccolto 6 miliardi di dollari per la sua società xAI, che ha presentato in particolare Grok, il robot conversazionale riservato agli abbonati premium della sua rete sociale nel sistema operativo di Apple, non aiuterà le cose! Già l’anno scorso Musk aveva chiesto una tregua nello sviluppo dell’intelligenza artificiale, rivendicando ancora una volta la protezione dei dati come una minaccia per l’umanità. Chiaramente, Elon dovrà accelerare il suo allenamento per restare aggrappato a un gruppo infuriato…

-

NEXT OpenAI lancia GPT critico per correggere GPT-4