Arm presenta le sue nuove generazioni di GPU e CPU, con protagonista il Cortex-X925

-

Arm ha introdotto la sua prossima generazione di core CPU: una coppia di nuovi core del processore Armv9, Cortex-X925 e Cortex-A725, ottimizzati per nodi di incisione da 3 nm, nonché un aggiornamento a un terzo preesistente, il Cortex-A520. L’azienda britannica ha anche introdotto un trio di GPU, Immortalis-G925, Mali-G725 e Mali-G625. Queste nuove soluzioni di Arm si rivolgono a dispositivi mobili come smartphone e laptop; sia i prodotti Android che Windows-on-Arm.

Braccio Cortex-X925 “Black Hawk”

Il progettista mostra le sue ambizioni con un nuovo nome per l’ammiraglia dei core della sua CPU: il successore del Cortex-X4, che fino ad ora chiamavamo Cortex-X5 per mancanza di un nome ufficiale, si chiama finalmente Cortex-X925, nome in codice ” Falco Nero.”

Core CPU Cortex Arm 9v2 © Arm

Il Cortex-X925 corrisponde al Big Core dei SoC per smartphone. Quella che d’ora in poi chiameremo vecchia versione, Cortex-X4, è chiaramente utilizzata all’interno di Dimensity 9300, e ora Dimensity 9300+, di MediaTek. Il chip dell’azienda taiwanese ne ha quattro; insieme ad altri quattro cores Cortex-A720, formano la componente CPU del SoC.

CPU Cortex Arm v9.2 © Braccio

Anche il Cortex-720 ha il suo successore. Chiamato Cortex-A725, non si nega quindi la sua parentela.

Un terzo tipo di core CPU, il core ad alta efficienza energetica, il Cortex-A520, completa l’offerta di Arm. La versione 2024 non differisce da quella introdotta lo scorso anno in termini di architettura. Arm lo ha “semplicemente” ottimizzato per 3 nm, migliorandone l’efficienza energetica nel processo (l’azienda menziona un aumento del 15%).

Corteccia A520
Cortex-A520 ©Arm

Arm afferma che il Cortex-A925 offre il più grande divario prestazionale tra due generazioni successive. Una diapositiva parla di un aumento del 36% per un single core e di un miglioramento del 46% per l’intelligenza artificiale rispetto a Cortex-X4. Il Cortex-X925 supporta fino a 3 MB di cache L2.

Cortex X925 contro Cortex X4 Ia e St
Cortex-X925 contro Cortex-X4 © Arm
Cortex X925 contro Cortex X4
Cortex-X925 contro Cortex-X4 © Arm

Il Cortex-A725, da parte sua, induce un miglioramento delle prestazioni del 35% rispetto al Cortex-A720. È fino al 25% più efficiente dal punto di vista energetico rispetto a quest’ultimo e migliora il traffico della cache L3 del 20%. Ancora una volta, il Cortex-A720 è pronto per la produzione su nodi da 3 nm.

Corteccia A725
Cortex-A725 ©Arm

Per completezza segnaliamo che Arm ha aggiornato anche la sua DynamIQ Shared Unit. Il DSU-120 supporta fino a 14 core Arm. La piattaforma di riferimento utilizza una configurazione a 8 core (2-4-2), ma ovviamente sono possibili composizioni diverse.

Dsu 20 Aggiorna
DSU-120 ©Arm

Un Immortalis-G925 che punta tutto sull’intelligenza artificiale e sul ray tracing

Oltre al lancio delle già citate CPU Cortex-X925, A725 e A520 Refresh, Arm ha dettagliato la sua gamma di GPU di nuova generazione: include la ammiraglia, l’Immortalis-G925, così come i più modesti Mali-G725 e Mali-G625. Il primo ha almeno dieci core GPU e supporta fino a ventiquattro core, mentre il Mali-G725 accetta tra sei e nove core. Per quanto riguarda il Mali-G625, è progettato per avere da uno a cinque core (questa soluzione è destinata agli smartwatch e ai dispositivi entry-level secondo Arm).

Gamma GPU Arm 2024
Braccio GPU © Braccio

L’Immortalis-G925 succede all’Immortalis-G720. Non a caso, l’azienda lo definisce suo “GPU più performante ed efficiente” Al giorno d’oggi. Secondo Arm, fornisce il 37% in più di frame al secondo nelle applicazioni grafiche rispetto al G720; il guadagno IPS ammonta addirittura al 46%, in media, nei giochi mobile (è del 49% in Ghenshin Impact, per esempio).

Immortalis 925 contro G720
Prestazioni di gioco Immortalis-G925 vs G720 © Arm

Arm vanta anche prestazioni di ray-tracing con oggetti complessi migliorati del 52% e carichi di lavoro AI e ML aumentati del 34%. Ebbene, noterete che per ottenere tali differenze, l’azienda ha contrapposto una GPU Immortalis-G925 con 14 core GPU contro una Immortalis-G720 con 12 core: abbiamo assistito ad un confronto più giusto…

Immortale G925
Immortalis-G925 contro G720 © Arm

In termini di GPU, anche in questo caso Arm può contare su MediaTek. Uno dei comunicati stampa include la seguente citazione di JC Hsu, vicepresidente senior di MediaTek: “MediaTek si impegna a supportare l’ultima CPU Armv9 Cortex-X925 e la soluzione client GPU Immortalis-G925 nel suo SoC di punta di prossima generazione, Dimensity 9400, entro la fine dell’anno”.

Tieni presente che i marchi sono completamente liberi di utilizzare solo parte dell’IP di Arm per progettare i propri SoC. È il caso, tra gli altri, di Samsung con il suo Exynos 2400: questo chip combina una CPU basata sui core Cortex-X4 + Cortex-A720 + Cortex-A520 con una GPU Xclipse 940 sviluppata in collaborazione con AMD.

In breve, aspettatevi di vedere i core Arm qui presentati integrati in vari SoC nei prossimi mesi.

-

PREV Panerai Submersible Elux LAB- ID PAM 1800: recensioni, prezzo
NEXT l’amplificatore a valvole che fa oscillare i tuoi altoparlanti