“Sarà un vero caos”, il capo della fisica di Zelda TOTK era molto spaventato durante lo sviluppo

“Sarà un vero caos”, il capo della fisica di Zelda TOTK era molto spaventato durante lo sviluppo
“Sarà un vero caos”, il capo della fisica di Zelda TOTK era molto spaventato durante lo sviluppo
-

Novità sul gioco “Sarà un vero caos”, il capo della fisica di Zelda TOTK era molto spaventato durante lo sviluppo

Pubblicato il 27/05/2024 alle 21:50

Suddividere :

Lo sviluppo di The Legend of Zelda: Tears of the Kingdom è stato segnato da sfide tecniche e momenti di dubbio per Takahiro Takayama, responsabile della fisica del gioco. Nonostante le difficoltà, il suo team è riuscito a trasformare il caos in un vero successo.

Lo sviluppo di The Legend of Zelda: Tears of the Kingdom è stato un viaggio turbolento, segnato da momenti di dubbio e paura. Takahiro Takayama, responsabile della fisica del gioco, ha condiviso i suoi pensieri alla Game Developers Conference (GDC) di quest’anno. Non appena ha visto il prototipo del gioco, ha capito che sarebbe stato un successo. “Quando ho visto per la prima volta il prototipo, sapevo che sarebbe stato un gioco fantastico”, ha detto Tuttavia, si è subito reso conto della portata delle sfide future: “.Ma sapevo anche che sarebbe stato molto, molto difficile. Lo faremo davvero? Lo sviluppo sarà un caos.”

Guarda The Legend of Zelda: Tears of Kingdom su Amazon


La complessità tecnica dietro l’innovazione

Una delle maggiori attrazioni di Tears of the Kingdom è la sua capacità di unire oggetti per incoraggiare la sperimentazione in un ambiente “sandbox”. Questa funzionalità porta ancora più lontano la libertà d’azione introdotta dal suo predecessore, Breath of the Wild. Tuttavia, questa innovazione fu un vero grattacapo per Takayama e il suo team. Non solo dovevano far funzionare correttamente la fisica del gioco, ma dovevano anche incorporare elementi animati che non sono naturalmente compatibili con un sistema fisico in tempo reale. Takayama descrive questo periodo come un vero e proprio “caos” con “problemi quotidiani”. Strumenti come il “grip”, che consente ai giocatori di assemblare oggetti, aggiungono un ulteriore livello di complessità, generando sfide impreviste…


Un successo nonostante le difficoltà

Nonostante i numerosi ostacoli, il gioco alla fine vide la luce e ricevette recensioni entusiastiche. Takayama, riflettendo su questo momento difficile, riconosce l’importanza di perseverare di fronte alle sfide. “Nella vita a volte è importante avere il coraggio di andare avanti”, ha detto, una filosofia che ha chiaramente dato i suoi frutti. Grazie per un 97/100 in poi Metacriticoil successo di quest’ultimo titolo della saga testimonia il duro lavoro e la determinazione del team di sviluppo. Ora che il gioco è nelle mani dei giocatori, Takayama e la sua squadra possono finalmente riposarsi, soddisfatti dei progressi compiuti e del risultato finale.

Questa pagina contiene link di affiliazione ad alcuni prodotti che JV ha selezionato per te. Ogni acquisto che farai cliccando su uno di questi link non ti costerà di più, ma l’e-merchant ci pagherà una commissione. I prezzi indicati nell’articolo sono quelli offerti dai siti commerciali al momento della pubblicazione dell’articolo e tali prezzi potrebbero variare a sola discrezione del sito commerciale senza che JV ne venga informata.
Saperne di più.

-

PREV Google Gemini è in arrivo su tutti gli smartphone Android
NEXT Buon affare – L’oggetto connesso di Netatmo Teste termostatiche connesse per radiatori Valvola aggiuntiva “5 stelle” a 59,99 € (-22%)