Virginie Symaniec (The Silkworm): “Le residenze sono importanti anche per gli editori”

Virginie Symaniec (The Silkworm): “Le residenze sono importanti anche per gli editori”
Virginie Symaniec (The Silkworm): “Le residenze sono importanti anche per gli editori”
-

Non c’è niente di meglio di una boccata d’aria fresca di mare per trovare ispirazione. E una residenza letteraria. Virginie Symaniec, che lavora abitualmente a Yvelines, a Essarts-le-Roi, l’ha appena sperimentato gettando l’ancora presso la libreria Métamorphoses, nella città dei tre porti di Douarnenez (Finistère). Una residenza gratuita e originale di una settimana per questo editore indipendente e autonomo di Le Verà seta.

Editore nomade

Durante la settimana realizza i suoi libri; nei fine settimana si trova sulla piazza del mercato. “ Lavoro come lavoratore stagionale, mi rivolgo a una regione e cerco di candidarmi al maggior numero di mercati possibile. Per due mesi esporrò tra le 80 e le 90 volte », spiega colei che da undici anni vive della sua attività. Stessa cosa per questa residenza: un vero e proprio tour di una settimana, per incontrare futuri clienti.

Questa mattina, sabato 25 maggio, ha allestito il suo banco davanti alla libreria per presentare ai passanti i suoi libri, e in particolare la nuova Pantofola, niente gatto Di Jacqueline Dérens, che l’ha raggiunta nel pomeriggio per una sessione di autografi. Virginie Symaniac si è fermata anche al mercato di Moëlan-sur-Mer, dove ha anche tenuto un laboratorio di scrittura poetica, questa volta al al terzo posto la mediateca. Per strada incontra i librai. “ Troveremo modi per lavorare insieme in modo più sostenibile », immagina l’editore che stampa e spedisce i 2.000 libri che produce ogni anno. Ha solo se stessa come vetrina. “ Poiché nessuno mi conosce o mi aspetta, vado dalla gente, creo una domanda. Una volta che i lettori mi conoscono, possono ordinarmi le opere », aggiunge l’artigiana.

Economia circolare

La sua casa crea la sua domanda e ne offre altrettanto. Poca scorta e niente pestello. La carta di scarto viene utilizzata per creare segnalibri o quaderni e i proventi delle vendite possono essere utilizzati per riacquistare la carta. Le sue macchine da stampa vengono revisionate e, quando ha bisogno di uno strumento speciale, va da una tipografia locale che glielo noleggia. Come i vicini che condividono il tosaerba che usano solo occasionalmente.

È importante conoscere il proprio territorio, quindi scambiare le nostre competenze e risorse. Per creare un’economia circolare e virtuosa », difende Virginie Symaniec. E aggiungere: “ Nessun profitto, nessuna fretta. Ci prendiamo il nostro tempo, ci imbattiamo in persone che non hanno ambizioni, ma cerchiamo robustezza “.

Incontro a sorpresa

Non viene pagata per questa residenza, ma viene ospitata e consigliata dal libraio che la accoglie, Valerie Caillaud. «Diciamo sempre che le residenze sono per gli autori, ma è importante anche che gli editori sognino, pensino al futuro del catalogo. È ancora meglio se lo fai con un libraio, che mi ha fatto conoscere scritti che non conoscevo! » Come quello dell’autore Velibor Čolic, attraversando la regione con lo storico specializzato nei Balcani Jean-Arnault Dérens. Un intero pasto nel retrobottega, tutti insieme, discussioni ricche. La sera, la redattrice residente ritorna nel suo studio adiacente. “Potrei venire a leggere in libreria di notte… Felicità!” »

-

NEXT Buon affare – L’oggetto connesso di Netatmo Teste termostatiche connesse per radiatori Valvola aggiuntiva “5 stelle” a 59,99 € (-22%)