A Châteauroux, la Place du digital dimostra che il gioco non è più un gioco da ragazzi

-

Controller, tastiere, mouse, console. Sotto una tenda in Place de la République a Châteauroux, al riparo dai pochi acquazzoni di questo primo pomeriggio, insegnanti, ma soprattutto giovani studenti delle scuole medie e superiori.

Martedì 21 maggio è stato allestito a Châteauroux un villaggio digitale, nell’ambito del tour “Place du digital”, un evento orchestrato dalla Regione Centro-Valle della Loira e dal Centro regionale di informazione giovanile (Crij). La loro ambizione? Fornire alcune risposte, introdurre le persone alle carriere e discutere di tecnologia digitale con i giovani.

“Vorrei diventare un designer di videogiochi”

Fin dal primo sguardo si capisce subito l’attrazione dei giovani della generazione Alpha (nati dopo il 2010) per il laboratorio la cui insegna eretta all’esterno annuncia il colore: “Digital entertainment space”. All’interno li attende un vero e proprio assortimento di console e videogiochi, retrò o di ultima generazione. Particolare attenzione è riservata ai videogiochi e all’e-sport (o sport elettronico), una pratica competitiva in crescita negli ultimi anni, che si sta sempre più strutturando e attorno alla quale ruotano molte professioni.

Jérémy Gendrault, direttore tecnico e membro dell’associazione Oregami, organizzatore di eventi e club di e-sport di Orléans. Ha potuto presentare videogiochi, di diversi stili, ai giovani presenti.
© (Foto NR, Matthieu Renard)

Jérémy Gendrault, direttore tecnico dell’associazione Oregami e organizzatore di eventi di e-sport a Orléans, ci dice di più: “L’idea è quella di far conoscere loro giochi poco conosciuti e di testare stili diversi. Diventare un giocatore professionista significa innanzitutto trovare il proprio gioco, dedicarsi ad esso, partecipare a tornei e allenarsi per attirare l’attenzione delle strutture e-sport. » Beyond Solary, club di fama internazionale con sede a Tours, è l’unico club di e-sport della regione.

Chloé Ferreira, seconda al liceo Châteauneuf di Argenton-sur-Creuse, sogna di diventare in futuro una graphic designer in uno studio di videogiochi.
© (Foto NR, Matthieu Renard)

“Sviluppare l’e-sport nella regione”

Un po’ più lontano, Chloé Ferreira, studentessa del secondo anno del liceo Châteauneuf di Argenton-sur-Creuse, è assorbita da un gioco sviluppato da Creartstudio, una società di Tours. Controller in mano, occhiali avvitati in testa e headset al collo, partecipa al workshop condotto da Félix Revol, project manager dell’evento dell’associazione Pixel Players, la cui ambizione è quella di “creare, unire e sviluppare l’e-sport nella regione”. I giovani scoprono i videogiochi locali e le professioni correlate. È il caso della giovane Chloé, che in casa ha una decina di console: “Per me è una passione. Più tardi mi piacerebbe diventare un designer di videogiochi, e più specificatamente un graphic designer. Ciò che mi interessa di più è riuscire a progettare la storia del gioco, definire i ruoli dei personaggi e la loro progettazione, non solo la codifica. »

Dopo il diploma di maturità, ha intenzione di iscriversi all’Objectif 3D, una scuola di cinema e videogiochi ad Angoulême. Dopo un assaggio della sua futura professione grazie a Dimitri Fauconnier, creatore della società 3DFX Studio a Châteauroux, specializzata in modellismo e videogiochi, se n’è andata con le scintille negli occhi. Per Félix Revol, la regione Centro-Valle della Loira è ancora indietro rispetto all’entusiasmo di Parigi, ma le iniziative aumentano. “L’idea è quella di fornire i mezzi affinché le cose possano andare avanti e oggi le cose si stanno muovendo nella giusta direzione. »

La Place du Numérique si terrà anche il 28 maggio a Chartres, place des Epars e il 30 maggio a Bourges, place Etienne Dolet. Dalle 13:00 alle 17:00

-

PREV Il cofondatore di OpenAI ed ex direttore scientifico lancia una startup per costruire una “superintelligenza sicura”
NEXT Il cofondatore di OpenAI ed ex direttore scientifico lancia una startup per costruire una “superintelligenza sicura”