A Plouzané, Cabasse continua a puntare sul lusso

A Plouzané, Cabasse continua a puntare sul lusso
A Plouzané, Cabasse continua a puntare sul lusso
-

“Siamo orgogliosi di aver contribuito al rilancio di Cabasse, questo marchio che ha inventato, insieme ad altri, l’alta fedeltà più di 70 anni fa”, afferma Alain Molinié, direttore generale dell’azienda. Dieci anni fa, infatti, il gruppo domotico Awox di Montpellier acquistò l’azienda Plouzané, specializzata in audio di lusso. “Era di proprietà dal 2006 del gruppo giapponese Canon ma sopravviveva con slancio proprio, senza investimenti”, ricorda il manager.

Da allora, Awox, ora Veom, ha investito diverse decine di milioni di euro per posizionare il marchio nel mercato dell’audio connesso mantenendo il know-how sulla qualità del suono.

Investimenti e visione strategica che ora danno i loro frutti. Cabasse conta una cinquantina di dipendenti, la maggior parte dei quali ha sede a Plouzané, e ha realizzato un fatturato di 9,30 milioni di euro nel 2023, rispetto ai 7 milioni di euro del 2013.

Noi di Cabasse abbiamo la particolarità di realizzare internamente l’elettronica, la progettazione del prodotto, la meccanica e il software.

Ricerca e sviluppo interni

Lo scorso marzo Cabasse ha annunciato di aver raccolto 1,40 milioni di euro per espandere la propria rete di distribuzione, soprattutto a livello internazionale, in Nord America, Asia e Nord Europa. E a metà maggio l’azienda ha presentato la sua ultima innovazione: “The Pearl Myuki”. Questo nuovo altoparlante connesso ad alta risoluzione è un concentrato di ricerca e sviluppo (R&S). “Pesa circa 2 kg ed è il più potente della sua categoria a batteria con più di 100 decibel. Si può fare festa tutta la notte su una terrazza, vanta Alain Molinié. In Cabasse abbiamo la particolarità di progettare internamente l’elettronica, il design del prodotto, la meccanica e il software. Si tratta di audio di lusso i cui prezzi superano i 1.000 euro. »

Riparazione di prodotti degli anni ’70

Cabasse ha anche ripreso il controllo della sua produzione con investimenti nelle officine. “Oggi assembliamo un terzo della nostra produzione in loco. Si tratta dei prodotti di fascia più alta, che superano i 3.000 euro», indica Alain Molinié. L’azienda, quotata in Borsa dalla fine del 2022, non rivela però il numero di altoparlanti prodotti.

type="image/jpeg">>
La sede della Cabasse si trova nel parco tecnologico di Brest-Iroise a Plouzané, di fronte al mare (Le Télégramme/Isabelle Jaffré).

Pur innovando, Cabasse non perde di vista la sua storia. “A Plouzané ripariamo uno o due prodotti al giorno che risalgono agli anni ’70 o ’80. È un’attività importante”, sottolinea. Per poter riparare, Cabasse dispone di numerosi pezzi di ricambio in magazzino e di macchine utensili. “Per i nostri clienti, che molto spesso ricevono questi apparecchi dai genitori o dai nonni, è un’emozione acustica”, afferma il direttore generale. Questa pratica esiste nel settore degli orologi di lusso, ma per quanto ne so, siamo gli unici a farlo in audio. »

-

PREV “Volevamo divertirci con la licenza”, questo videogioco per PS5 e Nintendo Switch non si prenderà sul serio e non è una brutta cosa!
NEXT Buon affare – L’oggetto connesso di Netatmo Teste termostatiche connesse per radiatori Valvola aggiuntiva “5 stelle” a 59,99 € (-22%)