Universo: questione di un secondo

Universo: questione di un secondo
Universo: questione di un secondo
-

Questo spettacolo, co-condotto da Fabrice Nicot, è prodotto nell’ambito di una partnership con la rivista Sciences & Avenir.

Oggi dedicheremo un’ora di trasmissione a un solo secondo. E non uno qualunque: il primo. Cosa è successo nel primo secondo dell’universo?

Nel corso di 13,8 miliardi di anni, l’universo ha attraversato diverse fasi. Ma il primo è probabilmente il più importante di tutti. Abbiamo una polaroid dell’universo com’era 380.000 anni dopo il big bang grazie allo sfondo cosmico a microonde. Ma per tornare indietro nel tempo e allargare i confini del visibile, le equazioni sono lì per sondare i primi istanti. Beh… fino a un certo punto. Perché esiste una soglia oltre la quale nessuna teoria fisica può dire come appariva il cosmo alla sua nascita.

Il resoconto di oggi

Un rapporto di Céline Loozen.

L’espansione dell’universo dal periodo dell’inflazione cosmica continua e accelera. Uno dei metodi per misurare questo tasso di espansione è l’osservazione delle Cefeidi, un approccio astrometrico utilizzato dall’astronomo Pierre Kervella sta migliorando da anni presso il Laboratorio di Studi Spaziali e Strumentazione di Astrofisica dell’Osservatorio di Parigi, in particolare grazie ai dati del satellite Gaïa dell’ESA.

Lettura

LA_SCIENCE_CQFD – Rapporto

8 minuti

Per ulteriori

Trovare il filo dello spettacolo del giorno sul thread X (ex Twitter) di La Science, CQFD.

Fascicolo “Universo: il primo secondo” (Scienze & Futuro, 2024)

Infografica – Timeline: la cronologia del cosmo qua, qua e lì

Scienza, QED Ascolta più tardi

Lettura Ascoltare 58 minuti

Il metodo scientifico Ascolta più tardi

Lettura Ascoltare 58 minuti

Riferimenti musicali

Il titolo di oggi: Lontano nel tempo di Dalida

I titoli di testa: Goca dünya di Altin Gun

I titoli di coda: Pingpxng di Yin Yin

-

PREV Ops, conosciamo già la data di uscita di Assassin’s Creed Shadows!
NEXT Gli assistenti AI di Google vogliono supportare gli utenti ovunque