Cammina a piedi nudi sulla spiaggia e contrae un’infezione batterica mortale

Cammina a piedi nudi sulla spiaggia e contrae un’infezione batterica mortale
Descriptive text here
-

Una passeggiata andata storta. Brent Norman è abituato alle lunghe gite in riva all’oceano ed è un appassionato escursionista. Negli Stati Uniti, durante una delle sue passeggiate, ha messo i piedi a piedi nudi su diverse conchiglie. All’epoca non era preoccupato per questo infortunio ma, nei giorni successivi, ha avvertito un forte dolore che si irradiava al piede, riferisce il sito Independent.

Per una settimana notò gonfiore al piede e soffrì di dolori lancinanti come se “un chiodo gli si conficcò nel piedeNon riesce più a camminare e alla fine si reca in ospedale perché trova la ferita antiestetica. Il medico esamina rapidamente il suo piede e constata la presenza di un’infezione da vibriosi, causata dal batterio vibrio. Secondo l’equipe medica, ha contratto questa infezione batterica carnivora mortale dopo aver camminato a piedi nudi sulla spiaggia. Il paziente ha ricevuto un trattamento antibiotico.

I centri sanitari americani indicano che esistono dodici specie di vibrioni, uno dei quali è noto come batterio carnivoro. Questo tipo di batteri vive naturalmente nell’acqua calda dell’oceano. Le concentrazioni di questi batteri sono più elevate nell’acqua dell’oceano durante i mesi caldi da maggio a ottobre.

La contaminazione con questo batterio può causare malattie e, in casi molto rari, la morte. “Alcune persone sane che entrano in contatto con i batteri Vibrio si ammaleranno, ma la maggior parte presenterà sintomi lievi e guarirà dopo circa tre giorni senza effetti duraturi. Le persone con un sistema immunitario indebolito, in particolare quelle con malattie epatiche croniche, sono più vulnerabili allo sviluppo di malattie più gravi“, riferisce l’Agenzia per la salute pubblica e la protezione ambientale della Carolina del Sud.

-

PREV AI_Dev, summit su intelligenza artificiale e Open Source a Parigi a giugno
NEXT Gorilla, scimpanzé… qual è il primate più intelligente?