Dopo ChatGPT, CercaGPT? OpenAI vuole competere con Google

-

Un nuovo rapporto di Reuters afferma che OpenAI, che è dietro ChatGPT, mira a competere con il motore di ricerca più utilizzato al mondo. Questo è qualcosa a cui anche Apple si è rassegnata, dato che Google è installato di default sul suo browser Safari da anni. L’azienda Apple ha già dichiarato pubblicamente che Google era così brava nel suo campo che era più interessante collaborare che competere.

L’arrivo dell’intelligenza artificiale potrebbe però cambiare le cose, grazie alle possibilità di apprendimento rapido che offre. L’azienda con sede a Mountain View domina il mercato della ricerca dal 2011, dopo aver superato Yahoo, e ne detiene ora il monopolio indiscutibile. Nel 2023 il 91,37% delle ricerche su Internet sono state effettuate tramite Google! Ma chi meglio dell’azienda OpenAI può provare a cambiare la situazione?

Un annuncio questo lunedì?

Prima di pubblicare il rapporto, Reuters ha contattato OpenAI per avere informazioni in merito, ma la società ha rifiutato di commentare. Poco dopo la pubblicazione su Reuters, tuttavia, OpenAI ha pubblicato su l’annuncio di una conferenza dal vivo lunedìPer :

demo di alcuni aggiornamenti ChatGPT e GPT-4.

Nel frattempo, il CEO Sam Altman ha pubblicato su X, per smentire i commenti di Reuters:

non gpt -5, non un motore di ricerca, ma abbiamo lavorato duro su cose nuove che pensiamo le persone adoreranno! È come una magia per me.

L’amministratore delegato rimane moderato nelle sue osservazioni. Una decisione saggia se si considera la piega degli eventi per alcuni progetti che affermavano di poter sostituire un GAFAM grazie all’intelligenza artificiale. Pensiamo in particolare al Rabbit R1. È meglio evitare questo tipo di affermazioni quando non viene fatto nulla.

Come per magia?

Non è chiaro cosa verrà presentato lunedì, ma Reuters sostiene che potrebbe essere un’alternativa a Google, nonostante la smentita di Sam Altman. Anche Reuters nasconderebbe l’informazione due fonti vicine al caso. Prendiamo anche in considerazione il fatto che Google dovrebbe presentare le funzionalità dell’intelligenza artificiale alla conferenza Google I/O del 14 maggio 2024, il giorno dopo il live di OpenAI.

Anche la scelta della data da parte di OpenAI solleva interrogativi. Potremmo credere che si tratti di un tentativo di Microsoft di prendere in giro Google, tramite OpenAI. Ricordiamo che Microsoft ha investito 10 miliardi in OpenAI e mantiene quindi stretti rapporti con l’azienda.

Inoltre, il fatto che Sam Altman parli delle funzionalità dell’intelligenza artificiale “come per magia” ci ricorda Sora, il generatore video di intelligenza artificiale di OpenAI.

i-nfo.fr – Applicazione ufficiale iPhon.fr

Autore: Keleops AG

-

PREV approfitta di una riduzione eccezionale di 1000 euro!
NEXT Uno dei migliori giochi di sopravvivenza a mondo aperto riceverà un nuovo DLC, una nuova gigantesca mappa attende i giocatori!