Test: OnePlus Pad Go – non multitasking

-

Un tablet proposto ad un prezzo consigliato conveniente: in questo caso siamo quasi automaticamente portati a pensare che il produttore abbia tagliato qua e là le prestazioni. Vediamo quindi cosa sta succedendo a questo OnePlus Pad Go.

Perché acquistare ancora un tablet nel 2024? Ti piace un assistente di lavoro aggiuntivo? Ti piace uno schermo in più a casa? O semplicemente come dispositivo di intrattenimento in movimento? È con questa domanda in mente che abbiamo testato il OnePlus Pad Go: un tablet economico – 299 euro per la precisione – e il fratello minore del precedente OnePlus Pad. Per quest’ultimo il cliente ha pagato 499 euro al momento del lancio, ma ora OnePlus lo vende a 429 euro.

Ma torniamo al Pad Go! Il suffisso ‘Go’ suggerisce che OnePlus lo consideri principalmente un dispositivo mobile, il che sembra essere il caso ad esempio di un connettore microSD – per un massimo di terabyte di capacità di memoria aggiuntiva – e di un connettore LTE – per una scheda SIM 4G. Con i suoi 532 grammi, il dispositivo è anche un peso piuma che può essere facilmente portato in giro. Piccolo problema: ci ritrovavamo regolarmente a toccare accidentalmente la fotocamera con le dita. Questo non è certamente catastrofico, ma se usi spesso la fotocamera, di tanto in tanto dovrai pulire le tue impronte digitali.

Tablet dal prezzo economico

Dato che stiamo parlando di un tablet economico da 11,3 pollici, non sarebbe realistico aspettarsi da esso specifiche e prestazioni sorprendenti. Inoltre, riteniamo che nel 2024 un tablet debba sicuramente offrire funzionalità di base. E in effetti qui è proprio così. E i giochi popolari? Nessun problema: tutto si è svolto senza intoppi in Brawl Stars, Hay Day, Candy Crush e altri giochi di schiavitù. Per coloro che richiedono un frame rate più elevato, la fluidità è sempre presente, ma dimenticatevi dei giochi di fascia alta. In genere non è infatti possibile optare per le impostazioni più alte possibili.

Priorità all’intrattenimento

Il OnePlus Pad Go non delude anche in termini di applicazioni comuni come email, navigazione, elaborazione di documenti Word o Excel o ascolto di musica. Un po’ di YouTube per i bambini sul retro dell’auto? OK. Guardare una serie Netflix prima di andare a dormire? OK. Il tablet è sufficientemente veloce, senza, è vero, uscire dai sentieri battuti, ma non ci aspettavamo questo da un dispositivo di questa fascia di prezzo.

Tuttavia, di tanto in tanto abbiamo riscontrato i limiti del processore MediaTek Helio G99. Quando si aprono più app e/o giochi contemporaneamente, si verificano rapidamente brevi scatti o ritardi. Anche il passaggio da una app all’altra è un po’ troppo lento.

Di conseguenza, consideriamo il OnePlus Pad Go principalmente come un ulteriore dispositivo di intrattenimento. Ideale sul tavolo del soggiorno, per ascoltare musica, avere YouTube in macchina o per guardare una serie TV. Ma meno, se non del tutto, a nostro avviso in termini di lavoro: il suo processore è un po’ troppo leggero per questo.

Specifiche: buone e cattive

Lo schermo LCD (LTPS) è ‘solo’ 11,3 pollici con una risoluzione di 2.408 x 1.720 pixel e una frequenza di aggiornamento di 90 Hz (dimenticate quindi l’OLED a 120 Hz), ma non è fastidioso per le app di intrattenimento sopra citate. In Netflix, ad esempio, i passaggi neri risultano sufficientemente scuri, senza essere disturbati da frammenti grigio-verdi ‘diffusi’. Questo è meno evidente su una terrazza soleggiata: la luminosità dello schermo in questo caso non è sufficiente.

La colonna sonora delle serie o dei film, tuttavia, si presenta ancora bene: i quattro altoparlanti che supportano Dolby Atmos sono sorprendentemente potenti e iniziano a distorcere realmente il suono solo a volumi molto alti. Anche in questo caso diciamo che il suono non è eccezionale, ma è più che sufficiente per il prezzo.

Il sensore di luce sembra essere di qualità inferiore. Tanto che a volte ci siamo chiesti se il dispositivo integrasse davvero un sensore operativo. Troppo spesso è capitato di prendere in mano il dispositivo, attivare lo schermo e scoprire subito una virtuale assenza di luminosità. Questo può sicuramente essere risolto in tempi relativamente brevi aumentando un po’ la luminosità nelle impostazioni, ma col tempo diventa noioso. Un punto da migliorare davvero, OnePlus!

Al contrario, OnePlus merita un elogio per la batteria da 8.000 mAh. È efficiente e offre autonomia per diversi giorni. Nell’uso intensivo abbiamo ripetutamente raggiunto i 2 o 3 giorni, mentre nell’uso normale un’autonomia di 4 o 5 giorni non è eccezionale. A questo aggiungiamo il supporto alla ricarica rapida (SuperVOOC da 33W) e possiamo dire che c’è poco di cui preoccuparsi a questo livello. Oppure potrebbe essere il fatto che non avete un caricabatterie USB-C che supporti SuperVOOC, perché non è fornito in dotazione: nella confezione c’è solo il noto cavo rosso OnePlus.

Quattro anni di aggiornamenti

Il tablet funziona con Android 13, offre 128 GB di capacità di archiviazione interna e OxygenOS 13.2. Trend positivo: il consumatore ha ormai sempre più spesso ‘diritto’ a un maggiore supporto software, e OnePlus non fa eccezione con questo tablet che offre tre anni di importanti aggiornamenti Android e quattro anni di aggiornamenti di sicurezza.

Fotocamera: base

Per quanto riguarda la fotocamera saremo brevi: è davvero molto semplice con i suoi 8 megapixel – sia davanti che dietro. Tuttavia, questo è sufficiente per videoconferenze (casuali) o una veloce chat video. Ma in condizioni di scarsa illuminazione diventerà presto molto difficile scattare foto decenti con la fotocamera posteriore. Resta ovviamente da vedere se per scattare foto sarà opportuno utilizzare un tablet. L’hashtag boomer non è mai lontano qui.

Conclusione

Nessun case fornito di serie, niente stilo e troppo poca potenza per il multitasking: no, questo tablet non punta alla produttività e alle applicazioni da ufficio. Lo consideriamo come a dispositivo di consumo mediale (dispositivo di consumo multimediale), come uno schermo in più a casa su cui eseguire lo streaming, effettuare videochiamate ed eventualmente utilizzare alcune app intelligenti. Se questo è lo scenario di utilizzo che stai considerando, non rimarrai deluso.

Prezzo: 299 euro (IVA inclusa)

-

PREV Concedetevi il massimo da Apple con l’iPhone 15 in offerta su Backmarket!
NEXT Le sfide di viaggiare in inverno a Nunavik • Néo UQTR