TAG Heuer e Kith: la collaborazione che riporta in vita un’icona

-

Di Aurora di Granier8 maggio 2024

Orologeria

Le buone notizie

Orologio emblematico degli anni ’80, ossessione dei collezionisti, il Tag Heuer Formula 1 si rivela sotto una nuova luce grazie alla collaborazione che unisce la manifattura orologiera svizzera e il marchio lifestyle Kith.

Questo orologio è entrato da tempo negli annali dell’orologeria. Ossessione dei collezionisti di tutto il mondo, il TAG Heuer Formula 1 ha suscitato scalpore sin dalla sua uscita, circa trentotto anni fa, nel 1986. Il primo segnatempo a portare il nome del marchio, una rivoluzione nell’industria svizzera che sta passando al quarzo ma Oltre al design deciso e irriverente, il Formula 1 segna una svolta per l’orologeria svizzera che gli appassionati hanno ben compreso. Tra i suoi fan di sempre, Ronnie Fieg, fondatore del marchio lifestyle Kith, sta ora reinventando questa fenice dell’orologeria dal DNA decisamente dirompente.


Leggi anche: Giappone, l’altro paese degli orologi


Ritorno agli anni ’80

Gli anni ’80 segnarono un periodo oscuro nella storia dell’orologeria svizzera. L’orologio meccanico sta perdendo terreno e viene sempre più superato dal quarzo, che arriva dal Giappone e conquista rapidamente il cuore del mercato. Un movimento di panico di cui alcune aziende orologiere ancestrali decidono di trarre vantaggio. TAG Heuer è una di queste teste calde.

TAG Heuer

Nel 1986, la casa creata da Edouard Heuer nel 1860 rinasce sotto il nome che conosciamo oggi, venendo acquisita dallo specialista in componenti per auto da corsa, TAG (Techniques d’Avant Garde). Per la prima volta il nome TAG Heuer appare su un quadrante. Questa rinascita avvenne in pompa magna, accompagnata dall’uscita, nello stesso anno, di un modello che sarebbe passato alla storia: la Formula 1.

L’unione tra orologeria e sport motoristici è resa sacra da questo sorprendente pezzo che diventa immediatamente oggetto di tutta l’attenzione. Ciò che rendeva la Formula 1 così speciale era soprattutto l’uso del colore. Quando immagini qualcuno che acquista un orologio negli anni ’80, lo attendeva un mare di grigio, nero, bianco e argento. E all’improvviso appare un arcobaleno di colori, un oggetto che permette alle nuove generazioni di esprimersi e di far parte di un movimento culturale allora presente nell’arte, nella moda, nel cinema e nella musica. In un momento in cui la nostalgia è onnipresente, posso già dire che questa nuova collezione sarà molto ambita » confida Nicholas Biebuyck, direttore storico del marchio.

TAG HeuerTAG Heuer

TAG Heuer

Nel corso degli anni, questo segnatempo è diventato una vera icona culturale. Venduti circa 3 milioni di esemplari nella sua versione classica, la sua notorietà non fa che crescere grazie alle collaborazioni che uniscono TAG Heuer con i più grandi piloti di F1. Irriverente, la Formula 1 rispolvera il settore con Kärcher, attirando una nuova clientela. Infatti, se gli appassionati colgono l’importanza storica dell’oggetto nella storia dell’orologeria, molti neofiti sono entrati nel mondo di questa industria svizzera grazie ad esso, tra cui l’americano Ronnie Fieg, fondatore del marchio di abbigliamento Kith.

Reinventare l’icona TAG Heuer

Nel 2024, TAG Heuer affida a Kith il compito di attualizzare il design di questo grande classico. Due anni fa abbiamo iniziato una collaborazione con il designer Ronnie Fieg, fan di lunga data della Formula 1. È stato il suo primo orologio, il modello rosso e nero, a renderlo un collezionista. che è diventato. Era ovvio che il suo amore per la modella avrebbe portato ad una grande collaborazione”

TAG HeuerTAG Heuer

TAG Heuer

TAG Heuer e Kith uniscono le forze per reinventare questa leggenda del passato che è ancora attuale oggi, trovando il perfetto equilibrio tra nostalgia degli anni ’80 e design contemporaneo. Vengono trascritti i codici della Formula 1 originale e il suo quadrante da 35 mm di diametro conserva la sua estetica originale. “Siamo andati alla ricerca dello stampo originale del primo produttore svizzero”, precisa Nicholas Biebuyck. Le lancette mantengono la loro forma, quella delle ore è ornata da un cerchio su cui compaiono tre triangoli.

Ma Ronnie Fieg si prende anche delle libertà. Dì addio al braccialetto di plastica e fai posto a un modello in caucciù o in acciaio inossidabile. Il vetro del quadrante passa dal vetro plastica al vetro zaffiro, mescolando l’estetica di ieri con i codici di oggi. Per quanto riguarda il logo, anche questo è rivisitato. A ore 12 si legge “Kith Heuer”, mentre a ore 6 si legge il mantra della famiglia di Ronnie Field: “ Solo noi » (capire “solo noi”), conferisce al modello un carattere ancora più esclusivo.

10 orologi da collezionare

Il ritorno della Formula 1 arriva con grande clamore. In totale, ci sono dieci nuovi modelli dai colori vivaci, visualizzati in rosso corsa; nero e giallo; verde, giallo e rosso – in riferimento all’edizione limitata degli anni ’80 in collaborazione con il pilota giapponese di F1 Ukyo Katayama – crema; e nero opaco. Limitati a 250 pezzi, questi cinque modelli sono completati da due segnatempo il cui bracciale è in acciaio e la lunetta disponibile in blu o verde.

TAG HeuerTAG Heuer

TAG Heuer

A questi sette pezzi si aggiunge quello della resistenza, un riferimento diretto all’emblematico modello del 1986. Bracciale in acciaio, lunetta nera, elementi di design in contrasto con il rosso corsa e quadrante a guscio d’uovo, questo modello sarà venduto da Kith e TAG Heuer. Gli ultimi due modelli presentano un quadrante nero e colori vivaci. Una rinascita attesissima, svelata a Miami in occasione del Gran Premio di Formula 1, questo venerdì 3 maggio e già disponibile.

Orologio Formula 1 di TAG Heuer x Kith, 1.500 franchi svizzeri (poco più di 1.500 euro), disponibile anche in una scatola contenente tutti e dieci i pezzi e limitata a 75 pezzi, 18.000 franchi svizzeri (18.400 euro). Maggiori informazioni qui.


Leggi anche: Movimento automatico, complesso o al quarzo: come scegliere il tuo orologio ideale?

-

PREV Anteprima F124: le nostre prime impressioni
NEXT Testa tra le stelle: i detriti spaziali ingombrano lo spazio ed è un grosso problema