un balzo in avanti verso Oled e il potentissimo chip M4

-

L’iPad Pro 2024 è finalmente arrivato, con il suo schermo Oled e il chip Apple M4. Apple continua ad avvicinare iPad e Mac, ma queste nuove funzionalità giustificano l’aumento di prezzo?

Apple ha presentato ufficialmente il suo nuovo iPad Pro e i cambiamenti sono notevoli per un iPad. Uno dei principali è il passaggio da LCD LED (per iPad da 11 pollici) e mini LED (per iPad da 12,9 pollici) a OLED per entrambe le dimensioni dello schermo. Nome della tecnologia: Tandem OLED, grazie alla presenza di due pannelli OLED, per aumentare la quantità di luce.

Anche se Apple esalta i meriti dell’OLED, resta da vedere se questa tecnologia offrirà effettivamente un miglioramento significativo rispetto al mini LED dell’iPad Pro M2 da 12,3 pollici, almeno per la gente comune.

Oled è ormai presente ovunque e i concorrenti non hanno aspettato di passare a questa tecnologia. Samsung, Huawei, Lenovo… come spesso accade, Apple adotta la tecnologia con i propri tempi. Apple pubblicizza “contrasto più elevato” e “colori più intensi”, proprio come il mio shampoo

Ricordiamo che OLED (Organic Light Espiring Diode) è una tecnologia di visualizzazione che presenta numerosi vantaggi rispetto ai tradizionali schermi LCD. A differenza degli schermi LCD, che richiedono una retroilluminazione per funzionare, ogni pixel su uno schermo OLED produce la propria luce. Ciò si traduce in neri più profondi, contrasti più elevati e colori più vividi e vibranti. Inoltre, gli schermi OLED sono generalmente più sottili e leggeri degli schermi LCD, il che li rende particolarmente adatti ai tablet.

Tuttavia, la tecnologia OLED presenta anche alcuni inconvenienti. Uno dei principali svantaggi è il costo di produzione più elevato rispetto agli schermi LCD, che si riflette nel prezzo dei dispositivi dotati di questa tecnologia.

Inoltre, i display OLED sono soggetti a un fenomeno chiamato “burn-in dello schermo” o “burn-in dell’immagine”. Questo problema si verifica quando un’immagine statica viene visualizzata sullo schermo per un lungo periodo di tempo, il che può causare un degrado permanente dei pixel interessati e lasciare un’impronta fantasma dell’immagine sullo schermo. Fortunatamente si tratta di un problema sempre meno presente grazie all’evoluzione di questa tecnologia, ma anche a diverse tecniche (riduzione automatica della luminosità, spostamento periodico degli elementi dell’interfaccia, ecc.).

L’intelligenza artificiale e l’era post-PC

Ci saremmo potuti aspettare che il nuovo iPad Pro fosse dotato del chip Apple M3, lanciato nell’ottobre 2023, ma Apple ha deciso di passare direttamente al chip M4. Un nuovissimo chip appena svelato per l’occasione.

Sebbene Apple prometta prestazioni migliori, vale la pena ricordare che i chip M2 e persino M1 sono ancora ottime opzioni per gli iPad. Anche su un iPad vecchio di diversi anni abbiamo ancora un tablet veloce e reattivo. Questo aggiornamento del chip M4 sembra quindi essere più una questione di rilancio tecnologico che di reali esigenze degli utenti.

Tuttavia, il chip M4 porterà qualcosa di nuovo sull’iPad Pro: l’intelligenza artificiale. In effetti, l’iPad Pro sarà uno dei contenitori di Apple per accogliere i progressi nell’intelligenza artificiale, che saranno probabilmente annunciati al WWDC di giugno. Resta da vedere se questa integrazione dell’intelligenza artificiale giustificherà il passaggio al chip M4 e porterà un reale valore aggiunto agli utenti.

In ogni caso, l’iPad Pro con chip Apple M4 è quattro volte più veloce del vecchio iPad Pro con chip M2. I giochi funzioneranno senza problemi. Notiamo anche l’arrivo del 5G.

Prezzo e disponibilità dei nuovi iPad Pro

Con l’introduzione dello schermo OLED e del chip M4, Apple ha colto l’occasione per aumentare i prezzi dei suoi iPad Pro. Il prezzo parte da 1.219 euro per la versione da 11 pollici rispetto a 1.569 euro per quella da 13 pollici.

Ricordiamo che l’iPad Pro da 11 pollici veniva proposto a partire da 1.069 euro con soli 128 GB di spazio di archiviazione, mentre la versione da 12,3 pollici partiva da 1.469 euro per la versione da 128 GB, e poteva arrivare fino a 2.849 euro per la versione da 2 TB. .


-

PREV La Mazda CX-50 e CX-5 offriranno presto la modalità ibrida
NEXT ChargePoint presenta una soluzione di ricarica ultrapotente da tre megawatt