Oltre 800 candidature per partecipare all’esperienza della biosfera urbana

Oltre 800 candidature per partecipare all’esperienza della biosfera urbana
Oltre 800 candidature per partecipare all’esperienza della biosfera urbana
-

Per sostenere Corentin de Chatelperron e Caroline Pultz nella loro sperimentazione con la bassa tecnologia in ambiente urbano, la città ha lanciato un bando di concorso aperto a tutti i residenti di Boulogne. Più di 800 di voi hanno fatto domanda per esplorare nuovi stili di vita! Queste esperienze dei cittadini consentiranno di raccogliere un’ampia gamma di dati tecnici, sociologici, ergonomici e persino psicologici sull’implementazione e l’uso del low-tech.

Inizio missioni da settembre

È in corso una fase di selezione per trattenere un campione di partecipanti motivati ​​e con profili diversificati. Il 31 maggio emetterà la sentenza. I fortunati volontari inizieranno la loro missione a settembre. Il feedback di famiglie selezionate aiuterà gli scienziati a progettare uno stile di vita che soddisfi gli obiettivi 2050 delle Nazioni Unite per le emissioni di gas serra e il consumo di acqua.

Viene svelato il programma dei laboratori a bassa tecnologia

In attesa del lancio ufficiale della biosfera urbana di Corentin de Chatelperron e Caroline Pultz, previsto per luglio, la Maison de la Planète organizza laboratori pubblici sulla produzione di piantine per il sistema bioponico* dell’appartamento-laboratorio:

• Giovedì 2 maggio – 18:30-19:30: laboratorio della biosfera per la semina del basilico, del coriandolo e della pimpinella.

• Giovedì 16 maggio – 18:30-19:30: laboratorio della biosfera su talee di menta, melissa e salvia. Vuoi scoprire il mondo delle piantine e delle talee delle piante? Registratevi per partecipare a questi laboratori animati alla presenza di Corentin de Chatelperron.

*La bioponia è un metodo di coltivazione fuori suolo basato sull’utilizzo di fertilizzanti organici solubili per la crescita delle piante.

  • Iscrizione qui o telefonicamente allo 01 55 18 55 00. Laboratori dai 6 anni.

Creazione dell’associazione Biosphere Expérience per costituire una rete di attori locali
L’applicazione dell’approccio low-tech allo stile di vita urbano è simboleggiata dalla creazione di una nuova associazione: Biosphere Expérience, supportata dal Low-tech Lab. Inoltre, affinché l’esperienza abbia successo, deve essere parte di un ecosistema locale dinamico. Emma Bousquet-Pasturel, l’ultima recluta del team, si è quindi occupata di creare una rete di attori locali desiderosi di partecipare all’esperienza. La Città, partner principale del progetto, ha facilitato questa collaborazione collegando Biosphere Expérience con diversi attori locali come la Maison de la Planète, l’Amap, l’officina della bicicletta, i gruppi di cittadini di Boulonnais… Dopo un buon mese di ricerca in Nella regione, una ventina di attori e cittadini si sono già riuniti per partecipare a questa esperienza a grandezza naturale di una città a bassa tecnologia. “Desideriamo proporre e sperimentare un modello di città a bassa tecnologia in cui i cittadini si coinvolgono collettivamente nel loro territorio, mettono in comune le loro conoscenze, le loro conoscenze e sviluppano nuovi sistemi di scambio“, sostiene Emma Bousquet-Pasturel.

-

PREV Toyota bZ4X LE (trazione) 2023-2024: un test invernale piuttosto convincente
NEXT Electro Dépôt ti propone questo giovedì 3 buone offerte Apple al miglior prezzo