Spazio: il lancio della navicella spaziale Starliner è stato annullato poco prima del decollo

Spazio: il lancio della navicella spaziale Starliner è stato annullato poco prima del decollo
Spazio: il lancio della navicella spaziale Starliner è stato annullato poco prima del decollo
-

Il lancio della navicella spaziale Starliner è stato annullato poco prima del decollo

Pubblicato oggi alle 3:13

Il decollo della navicella spaziale Starliner della Boeing, che avrebbe dovuto trasportare per la prima volta gli astronauti della NASA sulla Stazione Spaziale Internazionale, è stato annullato lunedì circa due ore prima dell’orario di lancio previsto, a causa di un problema tecnico.

È stata individuata un’anomalia su una valvola del razzo Atlas V che doveva mandare in orbita la capsula, ha annunciato il produttore del lanciatore, il gruppo ULA. “La priorità della NASA è la sicurezza”, ha subito reagito il capo dell’agenzia spaziale americana, Bill Nelson. Il decollo avverrà “quando saremo pronti”, ha scritto su X.

A questo punto troverai ulteriori contenuti esterni. Se accetti che i cookie vengano inseriti da fornitori esterni e che i dati personali vengano quindi trasmessi loro, devi consentire tutti i cookie e visualizzare direttamente i contenuti esterni.

Consenti i cookiePiù informazioni

Un nuovo tentativo di decollo potrebbe teoricamente avvenire martedì, così come venerdì e sabato, ma al momento non è stata annunciata alcuna nuova data.

La NASA e la Boeing giocano alla grande

La Boeing sta giocando alla grande in questa missione di test finale, che dovrebbe permetterle di entrare nel club privatissimo delle astronavi che hanno trasportato esseri umani. Il colosso dell’industria aerospaziale deve dimostrare che il suo veicolo è sicuro prima di iniziare le missioni regolari sulla Stazione Spaziale (ISS), quattro anni indietro rispetto a SpaceX.

Il decollo degli astronauti americani Butch Wilmore e Suni Williams era previsto alle 22:34 da Cape Canaveral in Florida (martedì 4:34 ora svizzera). Inizialmente i preparativi andarono bene: gli astronauti furono sistemati ai loro posti, il razzo fu riempito di carburante e il tempo era ideale.

Per la NASA, che ha ordinato questo veicolo dieci anni fa, anche la posta in gioco è alta: avere un secondo veicolo oltre a quello di SpaceX per trasportare gli astronauti americani “è molto importante”, ha sottolineato Dana Weigel, responsabile del programma ISS. Questa capacità consentirà di rispondere meglio a “diversi scenari di emergenza”, ad esempio in caso di problema su una delle navi, ha spiegato.

Pilotaggio manuale

Il successo di questa missione sarebbe più che positivo anche per la Boeing, in subbuglio per i problemi di sicurezza dei suoi aerei, e il cui programma di sviluppo dello Starliner si è trasformato in una saga segnata da spiacevoli sorprese e battute d’arresto.

Nel 2019, durante un primo test senza equipaggio, la capsula non è stata posizionata sulla traiettoria corretta ed è ritornata senza raggiungere la ISS. Poi nel 2021, mentre il razzo era sulla rampa di lancio per ritentare il volo, un problema con le valvole bloccate della capsula ha portato ad un altro rinvio.

La navicella spaziale vuota è finalmente riuscita a raggiungere la ISS nel maggio 2022. Boeing sperava quindi di poter effettuare il primo volo con equipaggio nello stesso anno. Ma i problemi scoperti tardi, in particolare quelli legati ai paracadute che frenavano la capsula durante il suo ritorno nell’atmosfera, hanno causato ancora una volta dei ritardi.

“C’erano una serie di sorprese che abbiamo dovuto superare”, ha detto il dirigente della Boeing Mark Nappi in una conferenza stampa. Ma “ha reso le nostre squadre molto forti”, ha assicurato. “È abbastanza tipico che lo sviluppo di un veicolo spaziale per l’uomo richieda dieci anni”, ha aggiunto.

Battuto da SpaceX

Solo una manciata di navi americane hanno trasportato astronauti in passato. La capsula Dragon di SpaceX si è aggiunta a questo elenco nel 2020, succedendo ai leggendari programmi Mercury, Gemini, Apollo e Space Shuttle.

Dopo che quest’ultimo si è fermato nel 2011, gli astronauti della NASA hanno dovuto viaggiare a bordo della navicella spaziale russa Soyuz. È per porre fine a questa dipendenza che nel 2014 l’agenzia spaziale americana ha firmato un contratto da 4,2 miliardi con Boeing e 2,6 miliardi con SpaceX per lo sviluppo di nuove navi.

Nonostante questa differenza di finanziamento, “SpaceX ha finito 4 anni prima”, non ha mancato di sottolineare lunedì il suo concorrente, il capo dell’ex start-up, Elon Musk. “Troppi manager non sono tecnici della Boeing”, ha detto.

AFP

Hai trovato un errore? Segnalacelo.

0 commenti

-

PREV “Flair è una cinquantina di lanci all’anno”, Anne-Sophie Behaghel
NEXT I 7 consigli di Apple per caricare correttamente il tuo iPhone