Test • SSD Kioxia Exceria Plus G3: l’SSD PCIe Gen 4 buono sotto tutti gli aspetti

-

Molto presente sul mercato professionale, Kioxia è meno evidente quando parliamo di SSD. Da diversi anni, sulla base di questa osservazione, il marchio ha deciso di prendere il toro per le corna e aumentare il numero di prodotti rivolti ai privati. Allineare Exceria Plus fa parte di questo nuovo orientamento… beh, non così nuovo dato che oggi siamo alla terza variante: dopo l’Exceria Plus, l’Exceria Plus G2, ecco i Exceria Plus G3.

La macchina in foto!

A parte la piccola dicitura “G3” visibile sia sulla scatola che sull’etichetta dell’SSD, è molto difficile distinguere le tre versioni dell’SSD. Exceria Plus, prova che Kioxia vede le diverse varianti come perfette evoluzioni della stessa gamma. Inoltre, nel momento in cui stiamo testando il G3, è quasi impossibile trovare la prima versione e il G2 diventerà sicuramente più raro.

Identico o quasi alle versioni precedenti, questo Exceria Plus G3 è logicamente un SSD NVMe M.2 in formato “2280”. Misura quindi 80 millimetri di lunghezza e 22 mm di larghezza e poiché Kioxia non lo distribuisce nessun dissipatore di calorelo spessore (2,63 mm) è contenuto così come il peso (7,4 grammi) è contenuto.

type="image/webp"> type="image/webp"> type="image/webp">Kioxia Exceria Plus G3 02>>>Kioxia Exceria Plus G3 02

Lo noterete subito anche dando un’occhiata alle nostre foto, il Kioxia Exceria Plus G3 è un disco con un PCB particolarmente ridotto: ricordiamo che abbiamo trovato chip solo su un lato del PCB, anche se per questo test avevamo a disposizione la capacità più grande commercializzata dal brand, la versione da 2 TB. PCB a lato singolo ha il vantaggio di essere più facile da raffreddare, soprattutto perché le nostre schede madri tendono ad avere un pad termico solo per il lato superiore dell’SSD.

type="image/webp"> type="image/webp"> type="image/webp">Kioxia Exceria Plus G3 03>>>Kioxia Exceria Plus G3 03

Senza molta sorpresa – Kioxia cerca di ridurre i costi su questo modello – è un controllore PS5021-E21 firmato Phison che alimenta il nostro SSD. Questo non è il modello più recente di Phison, ma chiaramente il suo più grande successo sugli SSD NVMe PCIe Gen 4. Ad accompagnarlo e, a seconda della versione da 1 o 2 TB, abbiamo uno o due chip NAND TLC a 112 strati, del BiCS5 Kioxia poiché non sei mai servito così bene come da solo. Infine, Kioxia ha optato per un modello di chip DRAM e lo annuncia velocità di 5000/3900 MB/s rispettivamente nella lettura e nella scrittura sequenziale.

type="image/webp"> type="image/webp"> type="image/webp">Kioxia Exceria Plus G3 04>>>Kioxia Exceria Plus G3 04 type="image/webp"> type="image/webp"> type="image/webp">Kioxia Exceria Plus G3 05>>>Kioxia Exceria Plus G3 05

type="image/webp"> type="image/webp"> type="image/webp">Kioxia Exceria Plus G3 06>>>Kioxia Exceria Plus G3 06

Saremo ovviamente curiosi di verificare queste velocità che segnano una bella evoluzione rispetto al modello Exceria Plus G2 (3400/3200 MB/s), ma è soprattutto sul lato della resistenza che Kioxia ha fatto progressi. Nella nostra versione da 2 TB raggiungiamo 1200 TB di scrittura quando erano solo 800 TB sul G2.

Come lo abbiamo fatto?

Abbiamo puntato su una piattaforma LGA1700. Per poter confrontare le prestazioni, o meglio dare una base per apprezzare i numeri, abbiamo testato anche un SSD SATA 2.5″ da 6 Gbps Silicon Power A55 da 2 TB, senza dimenticare i recenti Corsair MP600 Elite, Samsung 990 Pro e MSI M580 Frozr per avere alcuni dei concorrenti più veloci sul mercato. Il nostro disco di sistema è il KIOXIA KBG40ZNV256G da 256 GB, che pompa 4 linee PCIe 3.0 e serve come base durante i test di trasferimento.

Core i9-12900K + ASUS ROG Ryujin III ARGB
ASUS ROG Strix Z790-E Gaming Wi-Fi 2
G.Skill Ripjaws S5 DDR5-5600 CL28 (2x 16 GB)
iGPU Intel UHD 770
Kioxia 256 GB (sistema)
Kioxia Exceria Plus G3 (Testato oggi)
Silicon Power A55 (Sata SSD), Samsung 990 (NVMe), MSI M580 Frozr (NVMe), Corsair MP600 Elite con HS 2TB come carne da cannone

La parte di testing comprende prove sintetiche e prove pratiche. Tutto viene eseguito in ambiente Windows 11 Pro 23H2 aggiornato al momento delle misurazioni e delle letture. Ecco il pannello:

Test sintetici:
• Archiviazione PCMark 10
• CrystalDiskMark 8.0.4
• AIDA64 7.20.6802 scrittura lineare

Prove pratiche:
• Copia di archivio da 90 GB: misurazione del tempo
• Benchmark FF Endwalker: misurazione del tempo di caricamento della scena
• Lettura delle temperature di riposo/carico

Ed ecco le esibizioni!

Archiviazione PCMark 10

Il benchmark generale ma che carica bene l’SSD. PCMark 10 mira a manipolare pile di file e vedere il comportamento dell’SSD nel tempo, in modo perfettamente riproducibile. Sfortunatamente, nonostante l’interfaccia NVMe in PCIe Gen 4, il Kioxia Exceria Plus G3 non è in grado di competere con i suoi diretti concorrenti: rimane molto indietro rispetto al Samsung 990 Pro, ma anche al Corsair MP600 Elite. Fortunatamente, mantiene il vantaggio rispetto a soluzioni tecnologicamente indietro come l’A55 con la sua interfaccia SATA 6Gbps.

Kioxia Exceria Plus G3 – PCMark 10

2 Titolo Solo SSD Solo SSD nTitolo breve Punteggio complessivo Tempo di accesso medio nSottotitolo PC Mark 10 Pro Storage – v2.1.2662 PC Mark 10 Pro Storage – v2.1.2662 nAsse x punti – più alto è migliore µs – più basso è migliore nKioxia Exceria Plus G3 2TB / PCIe 4 x4 #882B32 4215 34 nCorsair MP600 Elite 2TB / PCIe 4 x4 #28948D 6549 25 nMSI Spatium M580 Frozr 2TB / PCIe 5 x4 #28948D 14720 10 990 Pro 1TB / PCIe 4 x4 #2 8948D986415 nSilicon Power A55 2 TB SATA 6Gbps #28948D 752 220

CrystalDiskMark 8.0.4

Allo stesso modo ma meno avanzato, CrystalDiskMark è un’utilità di benchmarking di unità di archiviazione, che scrive e legge dati di varie dimensioni. Per natura, i file di piccole dimensioni sono i più difficili da elaborare, quindi questo benchmark offre una bella panoramica delle prestazioni dell’SSD in base alla dimensione dei file da elaborare. Anche in questo caso, l’Exceria Plus G3 non ha le armi per reggere il confronto con gli altri modelli PCIe Gen 4 precedentemente testati. D’altra parte, con 5000 MB/s in lettura e 3900 MB/s in scrittura sequenziale, mostra velocità coerenti con gli annunci di Kioxia.

type="image/webp"> type="image/webp"> type="image/webp">Kioxia Exceria Plus G3 07>>>Kioxia Exceria Plus G3 07 type="image/webp"> type="image/webp"> type="image/webp">Kioxia Exceria Plus G3 08>>>Kioxia Exceria Plus G3 08

Scrittura lineare AIDA64

Questo test è molto interessante. Infatti, più si riempie un SSD, meno sarà veloce. Il modulo di scrittura lineare AIDA64 satura la capacità di archiviazione dell’SSD ed evidenzia la minima difficoltà nella gestione della cache di scrittura. Come spesso accade, l’assenza di cache DRAM è evidente in questo test: le velocità sono ottime per il primo 20% per poi crollare in due fasi, prima a 450 MB/s poi a circa 300 MB/s da quando l’SSD la capacità è saturata al 60%.

Ricordiamo però che il test di scrittura lineare di AIDA64 non rappresenta in alcun modo “condizioni normali di utilizzo”: si tratta di evidenziare un punto debole nella gestione della cache di scrittura. Evidente debolezza nel caso del Kioxia Exceria Plus G3.

type="image/webp"> type="image/webp"> type="image/webp">Kioxia Exceria Plus G3 09>>>Kioxia Exceria Plus G3 09

Tempo di elaborazione della copia

Meno aggressivo del test di scrittura lineare di AIDA64, la copia del nostro archivio dati da 90 GB ci permette di verificare il corretto funzionamento dell’SSD a fronte di un compito (un po’) più in linea con quello che stiamo svolgendo quotidianamente. Si tratta di un’operazione che può avvenire in particolare quando si effettua una copia di backup di una partizione di sistema o di dati di lavoro importanti. Integriamo questi dati di “utilizzo” misurando il caricamento di un videogioco, in questo caso varie scene che costituiscono il benchmark. Endwalker di Final Fantasy. Questo test DX11 non trae beneficio Archiviazione diretta e viene quindi inviato all’iGPU Intel per la decompressione dei dati.

Un test di copia “molto semplice” che dà all’Exceria Plus G3 una grande opportunità di brillare. In realtà non ha difficoltà a confrontarsi con i migliori, mostrando solo un risultato superiore ad un modello avanzato come lo Spatium M580 PCIe Gen 5 di MSI solo di pochi secondi. Nel nostro test sui videogiochi, il modello Kioxia è un po’ meno comodo, ma la differenza di meno di due secondi con il Samsung 990 Pro illustra chiaramente cosa proverete durante i vostri giochi, anche i più impegnativi: una differenza impercettibile!

Kioxia Exceria Plus G3 – Tempo di elaborazione

1secondi: più basso è, meglio è Titolo Tempo di copia Tempo di caricamento nTitolo breve Tempo di copia Tempo di caricamento nArchivio sottotitoli 90 GB Benchmark Endwalker nKioxia Exceria Plus G3 2TB / PCIe 4 x4 #882B32 67 11.9 nCorsair MP600 Elite 2TB / PCIe 4 x4 #28948d 60 12.5 NMSI Spatium M580 Frozr 2TO / PCIe 5 x4 #28948d 63 9.9 NSAMSUNG 990 PRO 1TO / PCIE 4 X4 #28948D 57 10.2 NSILICON POWER A55 2 TO SATA 6GBPS #28948D 221 13, 5

Temperature SSD

Ricordiamo che Kioxia non ci ha fornito un dissipatore di calore con il suo Exceria Plus G3 e che non offre alcuna opzione per aggiungere tale accessorio all’acquisto. Tuttavia, va notato che è stato con l’avvento dei modelli PCIe 4.0 che gli SSD hanno iniziato a surriscaldarsi notevolmente. È quindi consigliabile rimanere prudenti.

Quando è inattivo, non sorprende che l’Exceria Plus G3 non si surriscaldi minimamente e con 27°C è anche il più fresco degli SSD che abbiamo tra le mani. Naturalmente è sotto carico che questo test risulta più interessante e va sottolineato che non abbiamo utilizzato un dissipatore per questo test: una semplice ventola agitava l’aria sopra l’SSD, sufficiente a non superare mai i 52°C. , anche al culmine dello stress. Puoi stare tranquillo, anche il piccolo dissipatore di calore fornito con la maggior parte delle schede madri lo manterrà fresco. Evitate semplicemente di lasciarlo “nudo”, senza dissipatore/ventola.

Kioxia Exceria Plus G3 – Temperature

3°C – più basso è meglio Titolo Solo sottogruppo colore SSDnTitolo brevenTemperature sottotitolinKioxia Exceria Plus G3 2TB / PCIe 4 x4 #882B32 Caricamento in corso 52 nKioxia Exceria Plus G3 2TB / PCIe 4 x4 #9E4148 Inattivo 27 nCorsair MP600 Elite 2TB / PCIe 4 x4 #28948D Caricamento 57 nCorsair MP600 Elite 2TB / PCIe 4 x4 #40ACA5 Inattivo 35 nMSI Spatium M580 Frozr 2TB / PCIe 5 x4 #28948D Caricamento in corso 49 nMSI Spatium M580 Frozr 2TB / PCIe 5 x4 #40ACA5 Inattivo 36 nSamsung 990 Pro 1TB / PCI e 4 x4 #28948D In carica 55 nSamsung 990 Pro 1TB / PCIe 4 x4 #40ACA5 Inattivo 36 nSilicon Power A55 SATA da 2 TB 6Gbps #28948D In carica 39 nSilicon Power A55 SATA da 2 TB 6Gbps #40ACA5 Inattivo 37

Conclusione ovviamente!

Sviluppando il suo Exceria Plus, Kioxia ovviamente non aveva l’idea di rivoluzionare il mondo degli SSD. Il G3 è il perfetto successore del G2 che già aveva brillantemente preso il posto della prima versione. Non si tratta di modelli entry-level, PCIe Gen 4 è lì a confermarlo, ma non si tratta nemmeno di battere i record.

Le velocità dichiarate ufficialmente da Kioxia sono riscontrabili nelle nostre misurazioni e, nell’uso, non abbiamo riscontrato il minimo problema con questo SSD che risulterà però troppo “lento” per essere accettato da PlayStation 5. Su PC in D’altra parte , nessun problema soprattutto perché garantisce buone prestazioni senza surriscaldarsi minimamente. Inoltre, Kioxia si è impegnata ad aumentare significativamente la resistenza alla scrittura a partire dal G2, mentre la garanzia di 5 anni ispira fiducia.

Kioxia avrebbe forse potuto essere un po’ più aggressivo sul prezzo di questo nuovo modello che permette comunque di abbassare il prezzo d’ingresso per gli SSD da 5000 MB/s e oltre: appare una decina di euro più caro del suo predecessore, ma ha quasi Velocità e resistenza in scrittura più elevate del 50%. Buona scelta.

Punti interessanti Punti meno interessanti
Interessante rapporto capacità/prezzo Senza DRAM, la gestione della cache ha difficoltà
Prestazioni complessive molto dignitose

Grande debolezza nel test di scrittura lineare AIDA64

Riscaldamento limitato
Resistenza vs Exceria Plus G2

Necessità di firma

-

PREV iPhone: ricompaiono foto fastidiose a causa di un bug
NEXT questa visita a Parigi nel 1900 vale la deviazione