Un imprenditore alla guida di Itinera: “Voglio contribuire a creare un mondo migliore per le generazioni che verranno”

Un imprenditore alla guida di Itinera: “Voglio contribuire a creare un mondo migliore per le generazioni che verranno”
Un imprenditore alla guida di Itinera: “Voglio contribuire a creare un mondo migliore per le generazioni che verranno”
-

Per coloro che non hanno visto il film di Tim Burton che racconta la storiaAlice nel paese delle meraviglie, il personaggio del bruco fu battezzato Absolem. È questo il nome che Ank De Wilde, il nuovo capo del think tank Itinera, ha scelto per la società di ingegneria da lei creata con un socio.

L’azienda è stata fondata nel 2010. I due cofondatori all’epoca erano poco più che trentenni. Dopo aver riflettuto a lungo, hanno ritenuto che Absolem sarebbe stato adatto allo scopo della loro azienda, ovvero contribuire a portare il cambiamento nel settore manifatturiero. “Il bruco che si trasforma in farfalla illustra molto bene questo processo di trasformazione. Absolem aiuta Alice a scoprire la propria grandezza, il suo potere e i suoi talenti unici. Ho pensato che fosse un meraviglioso simbolo del processo attraverso il quale volevamo supportare anche i nostri clienti industriali e i nostri dipendenti”, dice Ank De Wilde.

Le stelle erano allineate

Nata da madre infermiera e padre contabile, non sapeva nulla del mondo degli affari. Aveva combinato gli studi serali in gestione aziendale con un lavoro amministrativo. Ma col tempo gli è venuto il desiderio di intraprendere.

Le società belghe in crescita hanno continuato a raccogliere fondi nel 2023, ma con importi ridotti

Come spesso accade, il progetto nasce da a “pacchetto di opportunità”. Le stelle erano perfettamente allineate per questo primogenito di una famiglia di quattro figli. “Per me è stato anche il percorso ideale da seguire per realizzare la mia crescita personale.”

Con sede e operando principalmente nelle Fiandre, l’azienda operava bene e impiegava fino a 80 persone. “Unendo le persone per raggiungere un obiettivo comune, abbiamo aiutato le aziende a trasformarsi. Volevamo andare oltre i risultati finanziari. Perché se ci fermiamo a quell’aspetto, risulta noioso, vuoto e superficiale.

E la collaborazione diventa addirittura a “vinci-vinci-vinci se l’azienda aggiunge un progetto sostenibile”, afferma.

Dopo tutti questi anni in azienda, tuttavia, sentiva di aver affrontato la questione. Da qui il suo desiderio di fare un nuovo passo professionale lo scorso anno. Ha venduto le sue azioni. Secondo lei tutto è andato naturalmente. “Sono stato felice di questa esperienza professionale ma, dopo quella di direttore d’azienda, mi sono detto che sarei stato felice di riorientarmi verso un’altra strada. Come sempre, ho seguito il mio intuito. Sapevo che non dovevo procrastinare. Avere vedere mio fratello morire giovane mi ha fatto capire quanto sia breve la vita.”

Sono passati solo pochi mesi dalla vendita delle sue azioni alla nomina a nuovo amministratore delegato di Itinera, dove lavorerà in tandem con Marc De Vos, uno dei fondatori del think tank. Conosceva la “casa” poiché era già amministratrice e tra gli sponsor di Itinera tramite la società Absolem.

Nel suo discorso di insediamento, ha usato la famosa frase dell’ex presidente degli Stati Uniti John Kennedy: “Non chiederti cosa può fare il tuo Paese per te, chiediti cosa puoi fare tu per il tuo Paese”.

Volere creare un cambiamento per il Belgio è il suo leitmotiv. “Voglio contribuire a creare un mondo migliore per le generazioni a veniresottolinea. La riflessione sarà quanto più obiettiva e ampia possibile.”

Alphabet, Peloton, Oracle, Netflix, Apple…: quale CEO ha il miglior stipendio nel settore tech?

Prosperità e benessere

Soprattutto non vuole dare l’immagine di avere come unico Santo Graal la crescita e la creazione di ricchezza e di essere lì unicamente per difendere gli interessi del mondo degli affari.

Alla foto “yin e yang” che sono inseparabili, si dice convinta che la prosperità debba andare di pari passo con il benessere delle persone. Si comprenderà che le analisi non si concentreranno solo sull’economia in senso stretto. Non è un caso che citi lo studio del professor Johan Albrecht, che sta facendo molto rumore nelle Fiandre e che si occupa della salute mentale dei giovani.

Il mondo è completamente cambiato e sta diventando più complesso. Ai suoi occhi, è necessario tracciare una linea di demarcazione rispetto alle analisi del passato. Anche se non ha più la sua attività, quella che ha frequentato anche la Vlerick Business School continua comunque a considerarsi una “imprenditore” ma forse di più con un profilo “impatto”.

Sposata con Bülent Öztürk, manager e direttore, sembra essere lì per dare più visibilità e creatività a Itinera. Pur essendo consapevoli che il think tank non ne sarà in grado “cambiare le cose da solo. Non ha un’influenza diretta come possono avere i politici.” D’altro canto, può essere loro alleato arricchendo il dibattito.


“Non siamo lobbisti”

Itinera è un think tank il cui obiettivo è “contribuire a garantire che il futuro del Paese sia migliore del presente”, spiega il CEO Ank De Wilde. “Lui è sponsorizzato da famiglie e imprenditori belgi che vogliono affrontare le sfide odierne fornendo ricerca indipendente, incoraggiando dibattiti e proponendo soluzioni innovative”, continua. Tra gli sponsor figurano la holding di Anversa Ackermans&van Haaren, la compagnia di navigazione Exmar, l’azienda di prodotti chimici per l’edilizia Soudal, Ageas e Axa. Sul versante vallone troviamo Carmeuse.

Secondo il CEO, i clienti non chiedono un ritorno sui loro investimenti. “Non siamo lobbisti. Non difenderemo gli interessi delle imprese” insiste. Altri think tank come Bruegel, CEPS o Merito (di cui Ivan Van de Cloot, ex esperto di Itinera, è amministratore delegato) non lo sono “non visti come concorrenti” ma come “alleati”.

Tra poche date:

16 agosto 1979: nascita di Ank De Wilde a Lier.

2010-settembre 2023: co-fondatore e amministratore delegato della società di ingegneria Absolem.

Novembre 2023: nomina a presidente esecutivo di Itinera.

-

PREV Amazon si scatena, polverizza il prezzo dell’iPhone 15 Pro Max in occasione delle Giornate francesi
NEXT iPhone: Samsung accusa il bug dell’allarme