La prossima settimana arriverà la guerra dei motori di ricerca

La prossima settimana arriverà la guerra dei motori di ricerca
La prossima settimana arriverà la guerra dei motori di ricerca
-

Un nuovo tipo di motore di ricerca potrebbe apparire la prossima settimana. In ogni caso questo è ciò che suggerisce un nome di dominio legato a… ChatGPT.

Nel 2023, Google da solo rappresenterà più del 93% della quota di mercato dei motori di ricerca. Questo è chiaramente quello che possiamo chiamare un monopolio… ma per quanto tempo? Una nuova generazione sta arrivando e potrebbe mettere in crisi il colosso di Mountain View.

Un motore di ricerca ChatGPT

Dopo il boom dell’intelligenza artificiale generativa, è sorta la questione di una rivoluzione nel modo in cui cerchiamo informazioni sul Web. Tra ChatGPT, Copilot, Gemini e altri agenti conversazionali, i mezzi per cercare informazioni si sono moltiplicati di recente, con una precisione che rimane oggetto di controversia a causa di ” allucinazioni » specifico per l’intelligenza artificiale generativa.

E se OpenAI avesse trovato una soluzione a questo problema? L’azienda di Sam Altman ha comunque registrato il nome di dominio search.chatgpt.com, promettendo un nuovo strumento in arrivo. La pagina in questione attualmente mostra un semplice “Non trovato“, ma esiste poiché non è un errore 404.

Allo stesso tempo, crescono le voci su un evento organizzato da OpenAI la prossima settimana. https://twitter.com/nonmayorpete/status/1786016972758528420è addirittura emersa una data: 9 maggio.

Qual è la differenza con ChatGPT?

La grande incognita sta nella differenza tra questo strumento e l’attuale chatbot. Sarà più affidabile? Molto di provenienza? Che forma avrà, se non quella di un chatbot o quella di un motore di ricerca tradizionale? Al momento non ci sono informazioni tangibili per rispondere a queste domande.

Lo scorso febbraio,L’informazioneho già accennato a questa possibilità, specificando che questo motore di ricerca potrebbe essere in parte alimentato da Bing, il motore di ricerca di Microsoft, azionista di OpenAI.

Contenuti più personali evidenziati?

Una delle maggiori sfide attuali per i motori di ricerca è evidenziare contenuti veramente rilevanti. A causa del gran numero di siti progettati esclusivamente per la SEO, con contenuti di scarsa qualità, molti utenti si sono rivolti ad altre piattaforme per le loro ricerche come YouTube, TikTok o Reddit.

Un motore di ricerca in grado di raccogliere dati, verificarli e fornire un indice di fiducia potrebbe cambiare radicalmente il modo in cui effettuiamo le ricerche. E forse riportare finalmente un po’ di concorrenza in questo mercato.


Vuoi trovare i migliori articoli di Frandroid su Google News? Puoi seguire Frandroid su Google News in un clic.

-

PREV Questo videogioco belga che sta conquistando il mondo intero
NEXT Appena arrivato in stock, Cdiscount lancia già una seria promozione sull’eccellente Samsung Galaxy A35