Rugby | Violenza sessuale: Jegou e Auradou saranno trasferiti a Mendoza

Rugby | Violenza sessuale: Jegou e Auradou saranno trasferiti a Mendoza
Rugby | Violenza sessuale: Jegou e Auradou saranno trasferiti a Mendoza
-

Oscar Jegou e Hugo Auradou sarebbero dovuti essere trasferiti mercoledì a Mendoza, nell’Argentina occidentale, per affrontare le accuse di violenza sessuale mosse da una giovane donna, mentre il resto del XV francese è a Montevideo per affrontare l’Uruguay. I Palois e i Rochelais si trovano in custodia di polizia a Buenos Aires dal loro arresto lunedì, in seguito a una denuncia per atti avvenuti sabato sera a Mendoza, 1.100 chilometri a ovest di Buenos Aires, dopo la partita di prova dei Blues contro l’Argentina. .

In un comunicato, la Federazione francese di rugby ha affermato che i due giocatori avevano “ha confermato di aver avuto rapporti sessuali con la giovane durante la notte ma… nega fermamente ogni forma di violenza”. È stata aperta un’inchiesta per violenza sessuale. Nella legge argentina, ciò può caratterizzare atti che vanno dalla violenza sessuale allo stupro aggravato. Secondo la stampa locale, la presunta aggressione è avvenuta durante la notte da sabato a domenica al Diplomatic Hotel di Mendoza, dove alloggiavano giocatori e staff francesi, nelle ore successive alla vittoria (28-13) del XV di Francia contro i Pumas, nel primo test match del tour dei Blues.

Fonti della polizia hanno riferito all’AFP, in condizione di anonimato, che i giocatori hanno incontrato la presunta vittima in un bar al termine della partita. Secondo queste fonti avrebbero consumato alcolici insieme, poi il denunciante»,sensazione di vertigini“, sarebbe stato portato al loro albergo. Secondo il procuratore generale di Mendoza Daniela Chaler, “la deposizione (del denunciante) era piuttosto lungo, completo, dettagliato e corrispondeva, per il momento, alle conclusioni forensi“.

Le lesioni sono compatibili con il racconto della vittima, ma non necessariamente esclusivamente derivanti da violenza sessuale“, ha aggiunto a radio LV10 il magistrato che ha chiesto la messa in custodia cautelare dei due giocatori. Per il loro trasferimento a Mendoza, dove saranno ascoltati prima di un’eventuale rinvio a giudizio, “devono essere accompagnati da un traduttore” auto “questi due giovani non parlano spagnolo” ha aggiunto la signora Chaler. “Dobbiamo quindi garantire che comprendano il motivo della loro detenzione e del loro trasferimento“, lei ha aggiunto.

“Se Galthié è lucido sa che non c’era niente che non andava”

Grill resterà in Argentina per “gestire” la vicenda

Nel comunicato stampa diffuso martedì, la Federazione francese di rugby ha precisato che il suo presidente Florian Grill e il suo vicepresidente Jean-Marc Lhermet hanno incontrato i due giocatori. Durante l’udienza a Mendoza, “presenteremo le prove a favore dei giocatori, prove che abbiamo, concrete, e poi la giustizia di Mendoza deciderà se rilasciare o meno i giocatori“, ha detto all’AFP uno degli avvocati dei giocatori, Rafael Cuneo Libarona.

Il portavoce della Procura di Mendoza, Martin Ahumada, ha affermato che gli atti denunciati potrebbero essere punibili con vent’anni di carcere. Appena arrivato martedì a Buenos Aires, Florian Grill, che doveva accompagnare i Blues di Fabien Galthié a Montevideo, ha detto all’AFP che si sarebbe fermato nella capitale argentina per “maneggio” il caso. “C’è un’indagine in corso. Il fatto che siamo lì con Jean-Marc (Ermete) è una buona cosa. Saremo in grado di supportare e facilitare questa indagine“, aveva detto poco prima Grill ad alcuni giornalisti, tra cui l’AFP.

Se i fatti sono provati, sono incredibilmente seri. Dobbiamo dedicare un pensiero alla giovane donna“, Ha aggiunto. “Se l’indagine accertasse i fatti contestati, essi costituirebbero un’atrocità indicibile. Un pensiero per la vittima“, ha scritto sul social network Amélie Oudéa-Castéra, ministra dello SportÈ stata una giornata molto difficile, molto, molto dura. Un momento molto difficile da vivere“, ha detto l’allenatore dei Blues Fabien Galthié durante una conferenza stampa a Montevideo.

Dopo la partita contro l’Uruguay, il XV di Francia dovrà sfidare nuovamente i Pumas sabato a Buenos Aires. L’arresto dei due giocatori è avvenuto il giorno dopo che il terzino Melvyn Jaminet è stato escluso dalla tournée e rimandato in Francia, dopo aver fatto commenti razzisti in un video pubblicato domenica e che in seguito ha dichiarato:profondamente dispiaciuto e pieno di vergogna“.

-

PREV Trotz e i Predators fanno la grande scommessa
NEXT “Quando ho iniziato in MotoGP dovevi controllare molto le gomme; ora con l’elettronica…” – Álex Rins