Augustine Boakye sta già facendo venire l’acquolina in ASSE!

-

Il ghanese Augustine Boakye dovrebbe entrare a breve nell’ASSE. Ne parliamo con un appassionato di scouting che lo ha osservato una decina di volte negli ultimi mesi. Con il suo consenso, condividiamo con voi le osservazioni che ha potuto fare riguardo a questo giovane e promettente giocatore che dovrebbe unirsi ai Verdi.

Boakye, un’ala che esplode

Bertinho sur Augustine Boakye: « La giovane ala ghanese è reduce da un’intera stagione e sarebbe sugli scaffali dell’ASSE in Ligue 1! Ha appena concluso la sua seconda stagione completa con il Wolfsberger nella D1 austriaca, costellata da 10 gol e 6 assist. È un ala destra di formazione, quasi esclusivamente mancino. Un giocatore concentrato sul gol e influente nei passaggi e nei dribbling. Questo è un profilo abbastanza completo.

Augustine Boakye ha giocato con diversi sistemi in questa stagione, ma dove lo trovo più efficace è a supporto dell’attaccante in un 3-4-2-1. Può quindi allontanarsi, posizionarsi nella metà spazio destra o in larghezza e quindi causare squilibrio.

Un fisico al servizio della tecnica

“A livello fisico è un giocatore piccolo (1,73 m) con un baricentro basso. È molto equilibrato dal punto di vista muscolare, avendo un forte appoggio lo rende esplosivo e difficile da inquadrare su pochi metri. È agile e molto mobile in attacco. La sua principale risorsa secondo me è la sua versatilità offensiva. Capace di giocare largo, ma anche al centro del gioco, ha 3 qualità principali per essere influente in attacco:

– Qualità di digitazione
– Qualità del dribbling
– Influenza passeggera

Nell’uno contro uno, Augustine Boakye è capace di fare differenze abbastanza nette. La sua capacità di girarsi velocemente, il suo forte appoggio, il suo tono e la sua spinta lo rendono un giocatore difficile da controllare quando accelera. Ha una media di circa il 45% di dribbling riusciti. A Boakye piace andare da solo per entrare e quindi combinarsi con gli altri giocatori offensivi e/o cogliere le sue possibilità. Ha la capacità di identificare rapidamente passaggi interessanti per creare situazioni da gol. Pochi centri al suo attivo però. »

Molte qualità

“Un altro aspetto interessante è rappresentato dalle transizioni def/off. Porta molta verticalità e velocità per guidare le offensive e può quindi aggiustare il suo avversario. Sa sfruttare ogni spazio che gli si presenta davanti. È un profilo molto istintivo e “grezzo” che cercherà sempre di giocare in avanti. Boakye sa anche individuare percorsi di passaggio e spazi da sfruttare. Gli mancano ancora precisione e regolarità nei passaggi e in particolare nella gestione della palla. In difesa non è un giocatore influente. Se è attivo, gli manca la coerenza nel piazzamento in blocco, nella coordinazione nel pressare e nell’impatto che dà nel duello. Gli manca maturità a questo livello e questo sarà un punto su cui lavorare.

Penso anche che dovrà essere incorniciato. È un giocatore istintivo che dovrà affinare il suo gioco, individuare i momenti in cui è meglio ritardare, ad esempio. Dovrà lavorare anche a livello tattico per essere più rigoroso. Quando arriverà in Ligue 1 si troverà di fronte a blocchi meglio organizzati, meno spazi da sfruttare e più densità fisica. Probabilmente servirà quindi un periodo di adattamento e di lavoro tattico e cognitivo per variare il proprio gioco ed essere efficaci. »

Augustine Boakye, la buona scelta di ASSE

“In sintesi, Augustine Boakye è un giocatore con forti qualità (esplosività, versatilità) ma ha ancora un profilo molto grezzo da lucidare. Aree di progressione ben identificate su cui dovrà lavorare per diventare un giocatore più regolare e completo di alto livello. Ciò che mi confida è che il suo profilo possa diventare rapidamente interessante cancellando certi aspetti. Porterà in ASSE un profilo da sviluppare, che offrirà versatilità e intensità in diversi schemi di gioco.”

Non esitate a seguire il lavoro all’avanguardia di questo appassionato!

-

PREV TDF. Tour de France – Mauro Gianetti: “Avremmo preferito 20 minuti prima, ma…”
NEXT Il PSG apre un pop-up store al 1° piano della Torre Eiffel