dopo la Turchia, gli Azzurri marciano sulla Germania a Colonia nella partita di preparazione alle Olimpiadi di Parigi 2024

dopo la Turchia, gli Azzurri marciano sulla Germania a Colonia nella partita di preparazione alle Olimpiadi di Parigi 2024
dopo la Turchia, gli Azzurri marciano sulla Germania a Colonia nella partita di preparazione alle Olimpiadi di Parigi 2024
-

La squadra francese ha avuto la meglio sulla squadra tedesca, campione del mondo in carica, questo sabato a Colonia. Evan Fournier è stato espulso nel primo periodo.

Focalizzata sul calcio europeo, la Germania è anche una terra di basket. Solo che Denis Schröder e compagni non hanno avuto più successo della squadra di Julian Nagelsmann, eliminata dalla Spagna (1-2 ap) venerdì, ai quarti di finale. Sabato la squadra francese di basket ha sconfitto i campioni del mondo (66-90), davanti a 18.000 spettatori alla Lanxess Arena di Colonia. Secondo successo in due gare di preparazione per i Blues, dopo la dimostrazione contro una debole Turchia (96-46), a Rouen, mentre per i tedeschi era la prima uscita estiva. Le due squadre si ritroveranno lunedì, a Montpellier, ma anche e soprattutto il 2 agosto, nel primo turno dei Giochi Olimpici (26 luglio-11 agosto), a Lille. Manifesti che promettono, sapendo che il tono si è alzato forte tra Evan Fournier e Schröder. Eravamo sul punto di scontrarci… È stato il residente dell’Ile-de-France a pagare il prezzo, venendo espulso due minuti prima dell’intervallo. Peccato, era bello…

Il capocannoniere francese Victor Wembanyama, a cui verranno accreditati 25 punti questo sabato. Altri quattro suoi compagni di squadra a 10 punti o più, tutti interni, Mathias Lessort (15 punti), Rudy Gobert (13) e Gerschon Yabusele (10). Denis Schröder, dal canto suo, ha segnato 23 punti per una Germania privata dei fratelli Wagner – compreso Franz che ha appena firmato per 224 milioni di dollari in cinque anni con Orlando in NBA – e Daniel Theis per questo incontro. Sul versante francese, un gruppo di 14 persone, Nadir Hifi e Jaylen Hoard, sono stati esclusi. La loro presenza nella lista finale dei 12 per le Olimpiadi diventa molto ipotetica. Ricorda che Vincent Collet deve compilare la sua lista entro lunedì. Killian Hayes e Ousmane Dieng sono stati i primi due giocatori eliminati, anche prima della Turchia, e Vincent Poirier è stato costretto al ritiro. Nicolas Batum non ha più giocato dopo essersi preso un dito nell’occhio a Colonia.

Una Germania rilassante

Con i tedeschi rimpiccioliti all’interno e che non difendono il vantaggio, senza dimenticare la loro goffaggine da tre punti (0/12 all’inizio), Wembanyama e i Blues hanno rapidamente ampliato un divario significativo (11-23 alla fine del 1° QT). Punto nero ? Terzo fallo di Gobert nel secondo quarto. Frustrato. Non quanto Fournier, che aveva davvero bisogno di mettersi in mostra dopo una prestazione discreta contro la Turchia. Fallito, con un’espulsione in seguito al suo alterco con Schröder. “Abbiamo diritto ad un’avversario diverso rispetto all’ultima partita, i Campioni del mondo, ma per il momento stiamo facendo un buon lavoroha osservato Lesssort durante la pausa, sul canale Il gruppo. In difesa vogliamo limitarli. Possiamo fare ancora meglio, ma finora va bene. Eva? Non devo commentare l’arbitraggio. Commette un errore, Schröder ha iniziato l’alterco fisico. Gli arbitri hanno deciso diversamente…“. Nel punteggio, +20 per il vantaggio della Francia (28-48 MT), in controllo. Speravamo ancora in un’ulteriore opposizione da parte della Germania. In particolare all’interno ma non solo.

Da notare che Collet aveva schierato gli stessi cinque per iniziare la partita. È stato Lesssort a iniziare il secondo tempo al posto di Gobert. Coulibaly era ancora lì. E si è mostrato. Schröder continuò a ricorrere alla respirazione artificiale, ma per gli Hab e i “Wemby” era semplicemente troppo facile. Passeggiata. Breve periodo debole per la Francia alla fine del terzo trimestre, meno fluidità e indirizzo. Non abbastanza per ravvivare la suspense, con i tedeschi che continuano a pareggiare da lontano: 45-68 a 10 minuti dalla fine. Collet non si è goduto l’inizio del quarto quarto più della fine del terzo e si è subito preso un timeout. Riposo finito?

Wembanyama mette in scena uno spettacolo

La Germania ha continuato a trovare colore, soprattutto nell’espressione offensiva, ed è tornata brevemente sotto i 20 punti, ma Wembanyama ha fatto da leader e ha portato a terra i tre punti, due di fila in testa alla racchetta (vedi sopra). Cosa fare a riguardo? Nient’altro che inchinarsi, apprezzare e ammirare. Simbolo di questi Blues meno concentrati, Yabusele che non ha visto Da Silva, quest’ultimo che gli rubava la palla dalle mani per andare a schiacciare. Ancora questi rimbalzi difensivi che mancavano. Tuttavia, il divario era ancora altrettanto ampio. Collet ha avuto tutto il tempo per aprire la sua panchina e testare certi giocatori, certe squadre. Menzione molto bene per Coulibaly, su entrambi i lati del campo. Nessuna timidezza questa volta per il giocatore dei Wizards. Niente più da parte di Lessort, che ha fatto una schiacciata enorme all’ultimo minuto, come punto finale di questa dimostrazione (punteggio finale 66-90). Ci vediamo lunedì a Montpellier.

” data-script=”https://static.lefigaro.fr/widget-video/short-ttl/video/index.js” >

-

PREV TDF. Tour de France – Romain Bardet: “Non so cosa aspettarmi…”
NEXT 32 giocatori sul punto di esplodere