Marina Militare, Bardella…Mbappé suona l’allarme e viene messo KO!

Marina Militare, Bardella…Mbappé suona l’allarme e viene messo KO!
Marina Militare, Bardella…Mbappé suona l’allarme e viene messo KO!
-

Calcio: squadra francese

Marina Militare, Bardella…Mbappé suona l’allarme e viene messo KO!

Pubblicato il 5 luglio 2024 alle 23:30

Nonostante un doppio corso di spagnolo/comunicazione, ho deciso di prendere in mano i miei sogni dedicandomi al giornalismo. Con un master in giornalismo sportivo, con altrettanta ammirazione mi occupo di cronaca sportiva e calcistica nei periodi di mercato, quando un club deve fare scelte cruciali per la prossima stagione.

Questa domenica il popolo francese sarà invitato a votare per il secondo turno delle elezioni legislative. Presente in una conferenza stampa questo giovedì, il capitano della Francia Kylian Mbappé ha chiesto di “votare dalla parte giusta”. Anche se non ha mai citato la RN, il nuovo attaccante del Real Madrid nei suoi commenti ha chiaramente preso di mira il partito di estrema destra. E questo non è piaciuto all’editorialista Pascal Praud.

Dall’avvio dell’Euro, il contesto politico francese è stato agitato La squadra francese. Nei giorni scorsi diversi esponenti dei Blues si sono espressi in occasione delle elezioni legislative, alcuni non esitando a chiedere una barriera contro il Raggruppamento Nazionale (RN).

“È davvero urgente”

Capitano, Kylian Mbappe è tornato a parlare di questo argomento giovedì in una conferenza stampa, mentre il partito di estrema destra è alle porte del potere. “C’è una vera urgenza qui. Non possiamo lasciare il nostro Paese nelle mani di queste persone. È davvero urgente. Penso che abbiamo visto i risultati, è catastrofico e speriamo davvero che le cose cambino, che tutti si mobilitino per votare e votare per la destra.”sbottò l’ex star di Il PSG mentre domenica si svolgerà il secondo turno elettorale.

“Chi crede di essere Mbappé? »

Nello spettacolo Ora Pro trasmesso su Cnews questo venerdì, l’editorialista Pasquale Praud non ha esitato a criticare il rilascio di Kylian Mbappe : “Trovo che Mbappé sia ​​cambiato molto rispetto al giovane che era al Monaco e all’adulto che è diventato al Paris-Saint-Germain. Bisogna essere fatti di cemento armato per resistere all’arroganza. Saper stare al tuo posto, sapere chi sei e anche sapere chi non sei”sbottò quest’ultimo. “Zinédine Zidane o Didier Deschamps hanno capito da 30 anni che la loro particolare posizione richiede loro una certa moderazione quando si esprimono. Entrambi dosano l’impatto delle loro parole, non sono mai offensivi o perentori quando parlano. Chi pensa di essere Mbappé? La domanda è quando sento qua e là che la squadra francese non può essere presa in ostaggio da due o tre leader che sputano sui loro concittadini. Osservo che il Ministero dello Sport come la Federcalcio francese non entrano in conflitto con Mbappé”.

-

PREV “La sua integrazione sarà…”
NEXT Interlagos, l’opportunità di combattere le carte in Hypercar?