Kylian Mbappé: “Sarebbe positivo per Antoine Griezmann avere un riconoscimento”

Kylian Mbappé: “Sarebbe positivo per Antoine Griezmann avere un riconoscimento”
Kylian Mbappé: “Sarebbe positivo per Antoine Griezmann avere un riconoscimento”
-

“Ho dato la mia opinione su com’era giocare con una maschera, ma la verità è che è una possibilità, perché senza questa maschera non sarei qui, quindi devo dire grazie a questa maschera. »

Il ritorno dei gol

“Non leggo il futuro. Tutto quello che so è che abbiamo l’ambizione di diventare campioni d’Europa, ma prima di arrivare in semifinale. Giocheremo con l’ambizione di vincere. Quello che è successo prima non è molto importante. »

“Se domani ci saranno spazi, mi precipiterò”

Prendere profondità

“Un attaccante deve adattarsi a tutte le situazioni e ai compagni. Molti fanno riferimento al gioco che avevamo quando sono arrivato per le selezioni, ma avevamo giocatori diversi, come Paul Pogba: con lui basta abbassare la testa, chiamare e sapere che la palla arriverà arrivare ai piedi. Oggi con i giocatori che ho forse andrò meno in profondità, ma se ci saranno spazi domani (Venerdì), mi precipiterò. »

Gambe

“No, non credo di avere tutte le gambe. Penso di aver bisogno di una buona preparazione. Riconosco le facce qui, siete qui da tanto tempo, sapete che non cerco scuse, ma per essere al 100% e veloce ho bisogno di una buona preparazione fisica e sono sicuro che andrà meglio dopo quella che avrò seguirò nel mio nuovo club. Ma nel frattempo voglio assolutamente cogliere l’occasione di arrivare in semifinale. »

“Lui (Cristiano Ronaldo) mi dà consigli”

Cristiano Ronaldo

“È un onore giocare contro di lui. Tutti conoscono l’ammirazione che ho sempre avuto per lui. Col tempo ho avuto modo di conoscerlo, e siamo ancora in contatto, mi dà consigli. Ancora una volta è un onore. Non importa cosa è successo prima e cosa succederà dopo, rimarrà una leggenda del gioco. Bisogna saper apprezzare quello che era e quello che è.

Non sono mai stato invidioso, voglio solo ammirare la grandezza di un giocatore unico. Non ce ne saranno due. Ha fatto la storia, ha ispirato generazioni, il suo curriculum parla da solo e ha saputo reinventarsi. Rispetto per lui, ma spero che domani non sarà così felice e che andremo in semifinale. »

Le difficoltà di Griezmann

“È vero che è stato un po’ “macellato”, lo trovo un po’ ingiusto, soprattutto le critiche arrivate soprattutto dal Paese, quando ha dato tutto per la selezione. Per lui è un momento un po’ più difficile, questa è la verità, non è un peccato dirlo, ma sarebbe bello se avesse diritto ad un riconoscimento da parte della gente, e di voi giornalisti.

È un peccato, per un tiro meno buono, che lo buttiamo in strada e lo graffiamo. Ognuno è libero di avere la propria opinione, ma mi fa un po’ male, ha sempre dato tutto, è stato uno dei più grandi giocatori dell’era moderna della Francia, gli piace essere sostenuto ed essere amato. Aiutatelo e cercate di fare di tutto perché ci aiuti, perché abbiamo bisogno di lui. »

-

PREV un ingente assegno inaspettato riempirà le casse
NEXT Anderlecht Online – Test del sudore per i giocatori della RSCA (11-24 luglio)