Dayana Yastremska si rifiuta di stringere la mano a Varvara Gracheva a Wimbledon

Dayana Yastremska si rifiuta di stringere la mano a Varvara Gracheva a Wimbledon
Dayana Yastremska si rifiuta di stringere la mano a Varvara Gracheva a Wimbledon
-

Varvara Gracheva ha vissuto un Wimbledon in cui nessuna delle sue due avversarie in singolare ha voluto stringerle la mano alla fine della partita. Dopo aver dominato (6-3, 6-1) Lesia Tsurenko (59esima) lunedì al primo turno, la 70esima del mondo è avanzata verso la rete ma l’ucraina le ha subito fatto capire che non avrebbe salutato a rete e la 23esima La trentenne francese è andata a stringere la mano all’arbitro prima di riporre la racchetta e salutare il pubblico.

Mercoledì la Gracheva, battuta al super tie-break (3-6, 6-4, 7-6 [5]) di Dayana Yastremska (27°), si è unito alla rete e ha teso la mano quando la 24enne ucraina si è fatta avanti per dirle che non voleva scuoterla, scusandosi, d’un gesto con la sinistra mano. Poi brandì la sua racchetta a Gracheva che la portò avanti.

Tsurenko, Yastremska e perfino la numero 1 ucraina Elina Svitolina hanno preso l’abitudine, dopo l’invasione russa dell’Ucraina del 24 febbraio 2022, di non salutare i giocatori russi e bielorussi alla fine della partita. Gracheva è nata il 2 agosto 2000 a Zhukovsky, 35 km a sud-est di Mosca, in Russia. Arrivata in Francia nel 2016 a Cannes per allenarsi al centro tennis Elite di Jean-René Lisnard, è stata naturalizzata francese nel giugno 2023 e da allora ha rappresentato la Francia in tutti i tornei, nella Billie Jean King Cup (come nel novembre scorso a Siviglia) o presto durante i Giochi Olimpici di Parigi (27 luglio – 4 agosto) dove partecipa nel singolo e nel doppio, con Clara Burel.

-

PREV Il Bayern Monaco è sulle tracce di un attaccante del Monaco
NEXT Inizia ad avere un buon profumo per Nico Williams