“Provare cosa in effetti?”, lo sfogo di Lilian Thuram contro gli elettori di RN

“Provare cosa in effetti?”, lo sfogo di Lilian Thuram contro gli elettori di RN
“Provare cosa in effetti?”, lo sfogo di Lilian Thuram contro gli elettori di RN
-

Presente mercoledì al comizio contro l’estrema destra in Place de la République a Parigi, Lilian Thuram, campionessa del mondo con la squadra francese nel 1998, ha ammesso di non comprendere il desiderio di alcuni elettori di “provare” il Rally National al potere durante la legislativa elezioni.

Molto impegnata da molto tempo nella lotta contro il razzismo e la discriminazione, Lilian Thuram era presente alla grande manifestazione contro l’estrema destra, mercoledì in Place de la République a Parigi. E l’ex difensore della squadra francese, campione del mondo nel 1998, inveisce contro gli elettori che votano “alla leggera” per il Raduno Nazionale alle elezioni legislative per “provare”, senza pensare alle conseguenze devastanti di’ una scelta del genere.

“Non è giusto dire ‘non ci abbiamo mai provato’ e votare per un partito che difende il razzismo”

“Sono commosso, i miei figli sono commossi, mia moglie, mia madre, i miei amici, quindi siamo commossi”, ha detto ai media Blast. “Ed è per questo che non capisco alcune persone che possono dire con leggerezza: ‘perché non provarci?’ Provare cosa, in realtà? Cioè, il razzismo anti-nero non è serio? Il razzismo anti-musulmano non è grave, non è grave la stigmatizzazione delle persone di un’altra sessualità, è questo che stai dicendo? non è grave? essere in una certa ipocrisia.”

“Sì, il razzismo fa male alle persone, il razzismo porta le persone a una certa depressione, a una certa paura”, continua. “E allora non è giusto dire ‘non ci abbiamo mai provato’, non è giusto votare per un partito che sostiene il razzismo. È semplicemente surreale. A meno che tu non sia totalmente egoista e dici a te stesso: ‘se c’è anti -razzismo nero, non mi interessa. Se c’è razzismo anti-musulmano, non mi interessa.’ Arriviamo a una certa violenza, ciò significa che è indifferenza e penso che non dobbiamo entrare in questa forma di indifferenza perché se entriamo in essa, un bel giorno, stai molto attento, si rivolterà contro di te dobbiamo difendere un’idea di Francia che sia più grande di così”.

Suo figlio Marcus, attualmente presente con la squadra francese a Euro 2024, è stato il primo giocatore dei Blues a parlare del pericolo che la RN possa arrivare al potere dopo lo scioglimento dell’Assemblea nazionale in seguito alle elezioni europee del 9 giugno. “Penso che ci siano messaggi che vengono trasmessi ogni giorno in televisione per aiutare questo partito a passare”, ha lamentato. “Dobbiamo andare a votare, dire a tutti di andare a votare e soprattutto, come cittadini, dobbiamo lottare quotidianamente affinché ciò non accada più e affinché la RN non passi”.

Articoli principali

-

PREV Un suggerimento a sorpresa per evitare lo schermo nero?
NEXT L’AS Monaco svela la sua nuova divisa home per il Centenario