TDF. Tour de France – Romain Grégoire: “Va tutto bene, non sono del tutto perso”

TDF. Tour de France – Romain Grégoire: “Va tutto bene, non sono del tutto perso”
TDF. Tour de France – Romain Grégoire: “Va tutto bene, non sono del tutto perso”
-

Romain Gregoire ha gareggiato questo martedì nella sua prima grande tappa di montagna sul Giro di Francia, e lo passò davanti. Offensivo come tutta la squadra Groupama-FDJ dirigendosi verso Valloire, il giovane pugile si è inserito nella fuga dei 17 corridori che hanno aperto la strada, in compagnia dei suoi compagni di squadra Valentin Madouas e Davide Gaudì. Un trio shock che avrebbe potuto chiaramente giocare per la vittoria al Galibier se la squadra Squadra degli Emirati Arabi Uniti Di Tadej Pogacar non aveva deciso altrimenti e ha messo la museruola ai fuggitivi prima di fare di tutto per lo sloveno. Arrivato 52° in un gruppetto con più di 11 minuti di ritardo, il Bisontin ci ha raccontato la sua giornata subito dopo il traguardo.

Romain Grégoire è stato all’attacco in questa quarta tappa

“Sulla moto non sono del tutto perso, va tutto bene”

Il Galibier… ecco, è proprio lo stesso Tour de France che vediamo in televisione, con i passi gremiti di gente. Quindi è stato divertente farlo, con questa piccola fuga. Avremmo voluto andare oltre, ma è così“, ha esordito prima di tornare ai primi giorni della sua squadra, che alcuni considerano complicati, soprattutto a causa del cattivo stato di forma Lenny Martinez e Gaudù.”Inizio del Tour complicato, sì e no“, si arrabbia.”Stiamo facendo quello che volevamo fare con la squadra, andare davanti e prendere le fughe. Oggi avevamo tre carte davanti, incluso un bravo scalatore con David (Gaudu). Era la situazione perfetta. Poi è stato il gruppo a decidere. Ma per noi è stato comunque un buon passo, abbiamo fatto quello che dovevamo fare“.

Da parte sua, Romain Gregoire continua a lasciare il segno e spera di svolgere un ruolo in questo Tour.”Personalmente sta andando abbastanza bene, le sensazioni ci sono, bisognerà trovare gli spiragli. Alla fine, una volta iniziata la gara, è un po’ come tutte le altre gare… Troviamo gli stessi parametri di riferimento di sempre. Ci sono sicuramente più persone ai lati della strada. Ma sulla bici non sono del tutto perso, va bene“Ora passiamo al prossimo weekend con una settimana dedicata ai velocisti e ai corridori.”Adesso avremo qualche tappa più tranquilla per la squadra. Ci concentreremo già sul prossimo fine settimana, con si spera altre opportunità“, ha concluso.

-

PREV Yamal è divertito dal fatto che Mbappé volesse la sua maglia
NEXT DIRETTO. Tour de France: segui in diretta su lindependant.fr la 14a tappa tra Pau e Saint-Lary attraverso il Tourmalet