Tour de France: svelato il bluff di Vingegaard

Tour de France: svelato il bluff di Vingegaard
Tour de France: svelato il bluff di Vingegaard
-

Ciclismo – Tour de France

Tour de France: svelato il bluff di Vingegaard

Pubblicato il 1 luglio 2024 alle 8:35

Titolare di un Master in diritto internazionale, ho capito alla fine del mio percorso universitario che era importante evolversi in un campo che apprezzi. Da un giorno all’altro ho deciso di mettere fine al sogno dei miei genitori, che vedevano in me un futuro avvocato, di vivere della mia passione: lo sport. Da allora mi occupo delle finestre di mercato e delle notizie sportive, cercando di tenere i lettori informati nel miglior modo possibile.

Nessuno si aspettava di vedere Jonas Vingegaard a questi livelli. Durante l’attacco a Tadej Pogacar durante questa seconda tappa del Tour de France di questa domenica, il corridore danese è saltato sulla ruota del suo concorrente sloveno. Il francese dell’UAE Team Emirates, Pavel Sivakov, non si lascia sorprendere dal detentore del titolo.

Tadej Pogacar è uno dei grandi vincitori di questa seconda tappa Kevin Vauquelin. Il corridore sloveno è riuscito a staccarsi e a guadagnare abbastanza distanza da Romain Bardet per intascare la maglia gialla. Ma il pericolo è in agguato. Richard Carapaz, Remco Evenepoel et Jonas Vingegaard sono allo stesso tempo. Il detentore del titolo sembra in buona forma, a tre mesi dalla pesante caduta Giro dei Paesi Baschi.

“Hanno davvero bluffato”

Corridore francese del Squadra degli Emirati Arabi Uniti, Pavel Sivakov ritiene che ilun Team Jumbo Visma ha nascosto il suo gioco ben prima dell’inizio del Giro di Francia. « Hanno davvero bluffato dicendo che non era pronto, ma non ci credevamo nemmeno noi, sapevamo che se si sarebbero schierati per il Tour era per giocarsi la vittoria”. ha confidato nei commenti riportati da Ciclismo -.

Inizio del regno per Pogacar?

Pogacar inoltre non è sorpreso dal livello di Vingegaard. « Abbiamo preferito procedere lentamente. Nel circuito finale mi sentivo molto bene e il ritmo era già molto alto la prima volta sulla salita del San Luca grazie al lavoro del team Visma. Poi la seconda volta abbiamo deciso di provare ad attaccare per mettermi un po’ alla prova. Jonas Vingegaard è subito salito a bordo. Non sono sorpreso dal suo livello. Ha preso un po’ il sopravvento, ma non siamo riusciti ad aumentare il divario su Remco e Richard, sono riusciti a rimontare alla fine » confidò.

-

PREV Sébastien Vigier: “Corro con quello vecchio” – Notizie
NEXT MotoGP, UFFICIALE: Alex Marquez e il team Gresini prolungano fino al 2026