Il Servette FC ha già ripreso gli allenamenti a Crans-Montana

Il Servette FC ha già ripreso gli allenamenti a Crans-Montana
Il Servette FC ha già ripreso gli allenamenti a Crans-Montana
-

L’Italia, surclassata dalla Spagna, e l’anziana Croazia si affronteranno lunedì a Lipsia (ore 21) nella partita decisiva per la qualificazione agli ottavi di finale degli Europei.

Questo shock potrebbe lasciare indietro il detentore del titolo o la brillante generazione Modric.

Dopo la difficile vittoria contro l’Albania all’esordio (2-1), l’Italia non si è affatto rassicurata contro la Spagna, contro la quale ha ricevuto una lezione e non esisteva (1-0), tranne Gianluigi Donnarumma. Il portiere italiano, votato miglior giocatore dello scorso Europeo, resta sulle stesse basi di tre anni fa, distinguendosi dal resto della sua squadra.

Ma il titolo conquistato nell’estate del 2021, contro ogni aspettativa, sembra ormai complicato da mantenere per gli azzurri, che dovranno fare a meno del difensore dell’Inter Federico Dimarco, infortunato al polpaccio destro. A meno che questa partita contro la Croazia, ancora più preoccupante, non si svegli e rilanci la Nazionale prima degli ottavi, a cui potrà accedere se otterrà almeno un pareggio.

“Non parlerei di riscatto ma semplicemente di fare meglio di quanto fatto contro la Spagna. Non abbiamo fatto una partita all’altezza dell’Italia”, ha detto sabato il centrocampista Lorenzo Pellegrini.

Modric invecchiato

Per questo incontro, il tecnico italiano Luciano Spalletti ha già annunciato l’intenzione di apportare tre cambi rispetto alla squadra dominata dagli spagnoli, in particolare con Mateo Retegui in prima linea al posto di Gianluca Scamacca, marcatore rimasto in silenzio durante le prime due partite. partite.

Guidati dal loro veterano e capitano 38enne Luka Modric, che non sembra più così indistruttibile, i croati hanno deluso ancora di più nelle prime due partite: invecchiati, lenti e senza molta ispirazione. Anche il tre di centrocampo della squadra a scacchi biancorossi, con Marcelo Brozovic e Mateo Kovacic al fianco di Modric, solitamente l’arma principale dei croati, non ha brillato.

Inesistenti anche contro la Spagna (3-0), i giocatori di Zlatko Dalic hanno concesso un pareggio contro gli albanesi (2-2), play-off e avversarie teoricamente le più deboli del Gruppo B. Con un solo punto sul cronometro, i croati, Vicecampioni del mondo 2018 e terzi ai Mondiali del 2022, dovranno quindi vincere contro l’Italia per sperare di vedere l’ottavo posto.

La fine di un era?

I “Vatreni” (gli “Ardenti” in croato) non hanno brillato nelle ultime edizioni degli Europei con due eliminazioni agli ottavi nel 2016 e nel 2021. Ma in caso di eliminazione, probabilmente la Croazia finirebbe male in modo definitivo pagina della sua generazione d’oro. E se questa fosse la sua ultima competizione in nazionale, la carriera internazionale di Modric finirebbe tristemente.

Nell’altra partita del girone, gli albanesi dovranno battere anche la Spagna per passare al primo turno. Ma la Roja vorrà sicuramente continuare la sua prestazione impeccabile per affrontare gli ottavi di finale con piena fiducia.

Questo articolo è stato pubblicato automaticamente. Fonti: ats/afp

-

PREV Deschamps determinato con questo flop del PSG?
NEXT Griezmann, denunciato uno scandalo in Spagna!