Norris in pole per la prima volta stagionale al GP di Spagna, entrambi gli alpini nella top 10

Norris in pole per la prima volta stagionale al GP di Spagna, entrambi gli alpini nella top 10
Norris in pole per la prima volta stagionale al GP di Spagna, entrambi gli alpini nella top 10
-

In vista delle prime prove libere, la battaglia per la pole si annunciava intensa questo sabato a Montmelo (Spagna), e l’ora trascorsa a guardare le monoposto ruotare durante la sessione di qualifica ha mantenuto tutte le sue promesse. Nel gioco sul giro più veloce è stato Lando Norris a dimostrarsi il più forte. Il pilota della McLaren ha scalzato Max Verstappen in testa alla classifica, grazie ad un giro in 1’11”383. Per il britannico, che a Miami ha ottenuto il suo primo successo stagionale, si tratta della seconda pole position in carriera e la prima dal 2021 e dal GP di Russia.

Le monoposto del 2024 hanno letteralmente distrutto il tempo della pole position ottenuto da Verstappen (1’12”272) la scorsa stagione, in condizioni di bagnato. Il record del percorso è caduto numerose volte e alla fine è stato Norris a vincere il trofeo. Imbattibile ad inizio stagione in qualifica, Verstappen è stato battuto per la terza volta consecutiva e da un terzo ladro. Dopo Charles Leclerc a Monaco, George Russell in Canada, è Norris a conquistare la terza pole fuori dalla Red Bull in dieci gare.

Su una pista che punta sull’efficienza aerodinamica si potrebbe pensare che la monoposto austriaca ritroverebbe i suoi fasti. Ma è chiaro che forse non è più la vettura di riferimento sulla griglia. L’olandese credeva però di conquistare la pole position, dopo aver migliorato di quasi tre decimi il suo tempo nell’ultimo tentativo. Il leader del Mondiale, però, è caduto in un osso, visto che il suo “amico” Norris lo ha soppiantato negli ultimi istanti della sessione.

Un piccolo divario tra le Mercedes

Il poleman del precedente Gran Premio Russell (4°) partirà questa volta dietro al suo compagno di squadra Lewis Hamilton (3°). Questo è successo solo una volta in questa stagione, in Giappone, ed i due piloti sono vicinissimi, separati da soli 2 millesimi. Spesso in difficoltà durante le qualifiche in questa stagione, Hamilton questa volta ha saputo confermare le buone disposizioni viste durante le prove libere. Il distacco dalle due vetture di testa sale a tre decimi ma questo non esclude la vittoria di domenica, anche se 30 dei 33 vincitori sulla pista di Barcellona sono partiti dalla prima fila.

La Ferrari sembra un po’ indietro, ma dopo un venerdì difficile, sabato la Scuderia ha messo un po’ a posto le cose. Leclerc e Carlos Sainz si sono qualificati rispettivamente al 5° e 6° posto. Dopo un catastrofico GP del Canada terminato con zero punti per la squadra italiana, sarà necessario riportare punti preziosi a Maranello per non perdere il contatto con la Red Bull nel Campionato Costruttori.

Si conferma il modulo rinnovato per Alpine, che potrebbe abbandonare il motore Renault entro il 2026. Per la prima volta in questa stagione, il team francese è riuscito a piazzare le sue due vetture in Q3. Pierre Gasly è stato particolarmente brillante per tutta la sessione e alla fine ha concluso al 7° posto. Sarà davanti al suo compagno di squadra Esteban Ocon, che ha fatto segnare il nono tempo. Domenica però partirà dall’8° posto, approfittando della penalità di Sergio Perez.

-

PREV MotoGP Germania J3, Joan Mir (Honda/18) sull’orlo del baratro e 20 secondi dietro Marini!
NEXT Spagna – Francia | Rabiot: “Mbappé e Griezmann Sarebbe più facile se fossero al top della forma”