Il comico Guillaume Meurice licenziato da Radio France per “ripetuta slealtà”

Il comico Guillaume Meurice licenziato da Radio France per “ripetuta slealtà”
Il comico Guillaume Meurice licenziato da Radio France per “ripetuta slealtà”
-

Sibyle Veil, presidente di Radio France, ritiene che il comico “non ci abbia lasciato altra scelta che trarre le conseguenze della sua ostinazione”.

Il comico dell’Inter francese Guillaume Meurice è stato licenziato “per colpa grave” di Radio France, dopo aver ribadito le sue dichiarazioni controverse nei confronti del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, ha annunciato martedì all’AFP.

La radio pubblica lo ha informato via mail del “rescissione anticipata del [son] contratto per colpa grave”, ha indicato mentre era sospeso dall’inizio di maggio. È qui “fine di una falsa suspense”ha stimato.

“Questa vittoria è soprattutto tua!”ha pubblicato su

Figura dallo spettacolo “La grande domenica sera”, presentato da Charline Vanhoenacker, Guillaume Meurice è stato sospeso il 2 maggio, quattro giorni dopo aver ribadito per la prima volta alla fine di ottobre le sue dichiarazioni controverse su Benyamin Netanyahu. Lo ha paragonato ad a “una specie di nazista ma senza prepuzio”, che ha scatenato accuse di antisemitismo e una denuncia, alla fine respinta. Questi commenti sono valsi anche a Radio France un avvertimento da parte dell’Arcom, l’ente regolatore del settore audiovisivo.

“Ha infiammato le polemiche per mesi”

In una e-mail inviata ai dipendenti di France Inter, Le Figaro ha potuto consultare, spiega Sibyle Veil, presidente di Radio France “ha preso questa decisione per ripetuta slealtà nei confronti della società”.

“Dopo il suo articolo che ha suscitato molto entusiasmo tra i nostri ascoltatori, ho chiesto a Guillaume Meurice di dare prova di responsabilità formulando, a modo suo, una parola di calma. Ritengo che l’apertura e l’ascolto degli ascoltatori siano un punto di forza di questa casa, non una debolezza. Ha fatto la scelta opposta. Invece di calmarsi ha infiammato le polemiche per mesi”continua il presidente. “Nel suo libro e nei suoi interventi mediatici ha fatto insinuazioni non solo false ma gravemente dannose per France Inter e Radio France, arrivando a mettere in discussione l’indipendenza e l’imparzialità del nostro lavoro. Trascurando gli interessi della collettività, ha alimentato le argomentazioni più infondate dei nostri detrattori”.

Per Sibilla Velo, “Ripetendo finalmente i suoi commenti in onda in aprile, Guillaume Meurice ha ignorato l’avvertimento ricevuto, l’avvertimento di Arcom e ha dirottato la decisione del pubblico ministero. Non ci ha lasciato altra scelta se non quella di trarre le conseguenze della sua ostinazione e della sua ripetuta slealtà”. Il presidente ricorda inoltre che lo sono tutti i dipendenti di Radio France “custodi di qualcosa di più grande [qu’eux]» e che devono “abbiano la preoccupazione di non danneggiare ulteriormente una società già attraversata da tante divisioni e fratture”.

Aymeric Lompret lascia Le Grand Dimanche Soir

La squalifica di Guillaume Meurice ha provocato uno sciopero in casa dell’Inter domenica 12 maggio. A fine maggio i sindacati di Radio France e la redazione di France Inter hanno chiesto ai loro dirigenti di rinunciare “ad una decisione di licenziamento” del comico, credendo che questo “creerebbe un grave precedente” Per “libertà di parola”.

Un argomento contestato da Sibyle Veil. “Molti editorialisti hanno (…) espresso liberamente nelle nostre trasmissioni il loro sostegno a Guillaume Meurice. Qualche giorno fa uno di loro mi ha paragonato a Donald Trump e ha immaginato che le mie decisioni mi portassero a usare un vibratore. Quando sentiamo questo, possiamo dire a noi stessi che la libertà di espressione ha poco da temere”ha sostenuto.

Sulla scia di questo annuncio, un altro comico di “Ottima domenica sera”Aymeric Lompret, ha annunciato che lascerà lo spettacolo in segno di sostegno al suo collega. “Più Guillaume = più Aymeric”ha scritto sul social network

Da parte sua, il sindacato Sud, di cui fa parte Guillaume Meurice, ha visto in questo licenziamento a “grave condotta scorretta di Sibyle Veil”prima delle elezioni legislative anticipate del 30 giugno e 7 luglio dove il Raggruppamento Nazionale (RN) si presenta in una posizione di forza. “Mentre l’estrema destra è alle porte del potere, (…) la vostra decisione indebolisce notevolmente tutta la nostra azienda”ha scritto Sud in un comunicato stampa interrogando Sibyle Veil.

“Prima misura del Fronte Popolare: il reinserimento di Guillaume Meurice in France Inter”dal canto suo, ha assicurato il deputato ribelle François Ruffin su X, in riferimento al raduno previsto dalla sinistra per le elezioni legislative. “Guillaume Meurice è appena stato licenziato. Per uno scherzo contro Netanyahu, colui che continua il genocidio dei palestinesi. La RN appoggia questo genocidio e la privatizzazione di Radio France. Tra 3 settimane il Fronte Popolare ripristinerà la libertà di stampa.aggiunge il deputato della LFI Louis Boyard. “Supporto totale per Guillaume Meurice! Questa decisione è ingiusta e brutale. L’estrema destra non è al potere, ma la libertà di espressione è già minacciata.ha dichiarato dal canto suo il sindaco ambientalista di Grenoble Eric Piolle.

-

PREV Xherdan Shaqiri: “Questa discussione comincia a stancarmi…” – rts.ch
NEXT Cartolina | Una serata con la (vera) tazzina